Nestore, Diomede ed AgamennoneCentauro, figlio d’Issione Re dei Lapiti, Issione era figlio di Flegias il sacrilego inceneritore di templi, ma anch'egli, quanto a sacrilegi, non gli fu da meno. Cominciò col L'uccidere il suocero facendolo cadere in un pozzo pieno di carboni ardenti al solo scopo di non pagargli i... Leggi e di Nefele Fu la nuvola che Zeus mutò in sosia di Era e che Issione possedette generando così il primo Centauro (che non aveva nulla a che vedere coi Centauri che conosciamo). In seguito Era la diede in sposa ad Atamante. Atamante, successivamente ripudiò la propria... Leggi. Un giorno avendo veduto Eracle EracleZeus incapricciatosi di Alcmena, prende le sembianze del marito di lei, Anfitrione. Zeus passa con la donna un giorno e una notte d'amore, notte che in effetti era durata tre giorni poiché Zeus aveva ordinato al sole di riposarsi per tre giorni. Intanto fatto... Leggi e Deianira Sposa di Eracle. Per guadare il fiume èveno accettò di salire in groppa al centauro Nèsso, il quale cercò di rapire la bella ragazza, allora Eracle con una delle sue frecce intinte nel sangue dell'Idra uccide il centauro, che prima di morire suggerisce a... Leggi fermati sulla sponda del fiume Eveno1. Figlio di Ares, padre di Marpessa, eroe eponimo del fiume dell'Etolia, oggi Phidaris, che sfocia presso Calidone (noto ad Hesiod. Theog. 345, dove, come tutti i fiumi, è figlio di Oceano e Tetys; l'eponimia è in Apollod. Bibl. 1, 7, 7-8, cfr. Ps.... Leggi, le cui acque rapide erano ingrossate dalle piogge, si offrì di portare in groppa Deianira attraverso il fiume, del quale era traghettatore. Avendo tentato di rapirla, Eracle lo raggiunse, con una freccia intinta nel sangue velenoso dell’idra Terzogenita figlia di Echidna e Tifone. Mostro dalla forma di serpente con nove teste, le quali se tagliate rinascevano. Ucciderla fu la seconda fatica di Eracle che tagliandole man mano bruciava il moncone in modo da impedire la crescita della nuova testa. Un'altra versione... Leggi di Lerna Palude dell'Argo nella quale aveva residenza l'Idra dalle nove teste. Nella stessa palude le quarantanove uxoricide Danàidi gettarono le teste dei loro mariti.... Leggi lo uccise. Nesso prima di morire diede a Deianira la propria tunica insanguinata, facendole credere che le avrebbe fatto riconquistare l’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi di Eracle, qualora non l’avesse più amata. Tempo dopo accadde che Eracle s’innamorò di Iole Figlia del re di Ecalia, è involontaria causa della morte di Eracle, infatti, Eracle si innamorò follemente della fanciulla e, in seguito al rifiuto del padre di lei, assalì e distrusse la città di Ecalia e prese Iole con la forza, uccidendone il padre.... Leggi e allora Deianira ricordandosi delle parole di Nesso, inviò la veste ad Eracle, che indossatala causò a questi sofferenze così atroci da spingerlo a darsi la morte sul rogo del Monte Eta.

Crediti
   •  Νέσσος  •
 • Miti 3000
 • Mitologia e dintorni
1. Dio fluviale della Tracia, Hesiod. Theog. 341 e Schol. ad loc. 348; 2. Centauro, figlio di Issione e di Nefele, ucciso da Eracle, convinse Deianira ad intridere la tunica del marito col suo sperma e il suo sangue avvelenato dal veleno dell’Idra, provocando la morte dell’eroe (Bacchyl. Dith. 2, 35; Soph. Trach. 558 e passim; Apollod. Bibl. 2, 5, 4; 7, 6).
Quilling (Roscher, Myth. Lex. III col. 280) ritiene che il nome derivi dalla radice indoeuropea *ned-, “ruggire, sussurrare”. Secondo Carnoy (DEMGR), invece, potrebbe derivare dall’indoeuropeo *nek-ios, “cadaverico”, dato che il suo cadavere probabilmente infettava il fiume Eveno (Apollod. Bibl. 2, 7, 6), ipotesi poco dimostrabile; possibile piuttosto dalla radice *nek- il senso “uccisore, omicida”, cfr. Ernout-Meiller, DELL s. v. nex.

Crediti
   •  Νέσσος  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Grembo dell’eterno
18% FrammentiLudwig Feuerbach
Leggo nel gran codice del mondo: Di tutte le cose morte è misura. Silente indifferenza essa riposa dentro ogni forza ed ogni differenza: se vita e morte fossero disgiunte, da tempo il nulla regnerebbe il mondo. Nella morte, la morte dalla vita si scinde e⋯
Biathanatos
16% FrammentiJorge Luis Borges
Per il cristiano, la vita e la morte di Cristo sono l’avvenimento centrale della storia del mondo; i secoli precedenti lo preparano, i seguenti lo riflettono. Prima che Adamo fosse formato dalla polvere della terra, prima che nel firmamento fossero separa⋯
L’accumulazione originaria
16% Karl MarxSocietà
Se il denaro, secondo Augier, viene al mondo con una macchia di sangue sulla guancia, il capitale nasce grondante sangue e fango dalla testa ai piedi.
Sangue vermiglio
16% Ada NegriPoesieSchiele Art
Ad ogni alba che spunta io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi dico: − È oggi − ad ogni giorno che tramonta io dico: − Sarà domani. − Scorre intanto il fiume del mio sangue vermiglio alla sua foce: e forse il dono che puoi darmi, il solo che valga, o vita, è questo sangue: questo fluir segr⋯
Faccia a faccia
15% Nina CassianPoesieSchiele Art
Aspettavo questo istante, faccia a faccia, in viaggio verso una meta che ci separa; faccia a faccia, con sembianze di violenta reciprocità, le mani consumate dal sangue che non osano baciarsi, gli abiti che non ambiscono tendere al rosso, le bocche aggira⋯