Era la montagna sulla quale gli dèi avevano la loro sede. È alta tremila metri e fa parte alla catena montuosa che si estende tra la Tessaglia e la MacedoniaPersonificazione dell'omonima regione. Figlia di Zeus e di Tia, discendende di Deucalione.... Leggi. Con la sua cima ricoperta di nevi in inverno è nella sua base prosperoso di boschi fitti, interrotti da precipizi, balze e rocche. Illuminato per primo al sorgere del sole e oscurato per ultimo al tramonto. La sua cima circondata da nubi squarciate di tanto in tanto da lampi, seguiti da tuoni, era nascosta alla vista degli umani. Percui gli antichi Greci fantasticavano fosse la sede degli dèi.


Crediti

   • Ὄλυμπος •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Nome della montagna su cui vivevano gli dèi, ma anche di diversi eroi, fra cui: 1. il figlio di Creso (Ptol. Hephaest. Nov. Hist. 2); 2. il primo marito di Cibele (Diod. Sic. 5, 49) e 3. un suonatore di flauto, figlio di Marsia (Apollod. Bibl. 1, 4, 2).
Secondo Chantraine (DELG) si tratta di un termine di sostrato, probabilmente col significato di “montagna”. Carnoy (DEMGR) ritiene invece che si tratti di un nome pelasgico, con radice olu-, dall’indoeuropeo *ulu, “girare” che designerebbe delle sommità arrotondate.


Crediti

   • Ὄλυμπος •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Il lungo inverno
24% Alfonso GattoPoesie
I bambini che pensano negli occhi hanno l’inverno, il lungo inverno. Soli s’appoggiano ai ginocchi per vedere dentro lo sguardo illuminarsi il sole. Di là da sé, nel cielo, le bambine ai fili luminosi della pioggia si toccano i capelli, vanno sole ridendo⋯
Il costruttore di mondi
20% Albert CamusLibri
Lascio Sisifo Figlio di Eolo e di Enarete, fondatore della città di Corinto. Divenne famoso per la sua furbizia. Un giorno vide Zeus rapire la ninfa Egina, figlia del dio fluviale Asopo e di Metope. Zeus portò la ninfa nell'isola di Enone e là si unì... Leggi ai piedi della montagna! Si ritrova sempre il proprio fardello. Ma Sisifo insegna la fedeltà superiore che nega gli dèi e solleva i macigni. Anch’egli giudica che tutto sia bene. Questo universo, ormai senza padrone, non gli appare sterile n⋯
Col riso afferrò l’ateismo
17% Georg BüchnerLibri
Lenz rabbrividì appena toccò le membra fredde e vide gli occhi vitrei semiaperti. La bimba gli apparve tanto abbandonata, ed egli stesso così solo, e solitario; si prostrò sul cadavere; la morte lo spaventò, un dolore violento lo prese: questi tratti, que⋯
Voglio starmene da solo
16% Egon SchieleSchiele Art
Vorrei andare nella foresta boema. Maggio, giugno, luglio, agosto, settembre, ottobre; devo vedere cose nuove e studiarle, voglio gustare acque scure, vedere alberi scricchiolanti, venti selvaggi, voglio osservare stupito marce recinzioni di giardini nel ⋯
Era un uomo come me
16% Cesare PaveseSchiele Art
…ma le facce, le voci e le mani che dovevano toccarmi e riconoscermi, non c’erano più. Da un pezzo non c’erano più. Quel che restava era come una piazza l’indomani della fiera, una vigna dopo la vendemmia, il tornar solo in trattoria quando qualcuno ti ha⋯