Viveva a Tanagra un uomo di nome Irieo, che inconsapevolmente ospitò nella sua capanna Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi, Poseidone Figlio di Crono e di Gea, fratello di Zeus e di Ade. A lui toccò la signoria del mare, comprese le coste e le isole ed essendo la terra territorio franco non disdegnava prendere qualche proprietà. Abitava in un palazzo in fondo agli abissi... Leggi ed Ermes ErmesFiglio di Zeus e di Maia la più grande delle Pleiadi. Ermes veniva considerato come la personificazione del vento e come tale ne aveva le caratteristiche: la velocità, la leggerezza, l'incostanza, la monelleria e l'umore scherzoso. Caratterizzato da astuzia e abilità, gli furono date... Leggi. Irieo ospitò molto caldamente i tre viandanti che prima di ripartire gli chiesero quale era il suo più grande desiderio e il vecchio rispose che desiderava un figlio ma considerata la sua età non riusciva a generarlo. Gli dèi presero un’otre e la riempirono della loro orina e ordinarono a Irieo di sotterrarla. Dopo dieci mesi ne venne fuori un gigante che venne chiamato Orione in ricordo di come fu generato. Questo gigante era ritenuto il più bello dei mortali, innamoratosi di Merope1) Una delle Pleiadi che si accoppiò con Sisifo. 2) Principessa di Chio, fu violentata da Orione che il padre Enopione accecò con l'aiuto di Dioniso.... Leggi, figlia di EnopioneFiglio di Bacco e di Arianna. Causò la cecità di Orione dopo che questi gli aveva violentato la figlia. ENOSIGÈO attributo del dio del mare Posidone, così definito perché si riteneva che egli fosse la causa dei terremoti, che provocava scuotendo la Terra con... Leggi che a sua volta era figlio di Dioniso Nome del dio del vino e dell'estasi mistica, figlio di Zeus e di Semele (Hes. Theog. 940-42). Attestato in miceneo come teonimo associato con Zeus in tavolette cretesi (Khanià) di-wo-nu-so, dat., e al genitivo a Pilo; cfr. L. Godart e Y. Tzedakis, Les nouveaux... Leggi. Orione chiese a Enopione la mano della giovane, che si dimostrò disposto a condizione che egli avesse liberato l’isola dalle belve che la infestavano. Orione da bravo cacciatore non ebbe difficoltà e sterminate le fiere va a chiedere il suo compenso ma Enopione rifiutò di rispettare il patto. Orione incavolato prese un’otre di vino e la bevve per dimenticare, ma ubriacatosi penetrò nella stanza di Merope e la violentò. Enopione allora chiese a Dioniso che era suo padre di vendicarlo, il dio ordinò ai Satiri di ubriacarlo fino a farlo addormentare, allora Enopione lo accecò. Un oracolo disse ad Orione che per recuperare la vista se avesse potuto volgere le orbite ad Elio Dio greco del sole, nato da Iperione e Eurifaessa. ... Elio, tu figlia di Zeus, Musa Calliope, canta: il dio luminoso, che al figlio di Gea e di Uranio stellato Eurifaessa generò: si congiunse infatti Iperione con Eurifaessa, sua gloriosa sorella... (XXXI Inno omerico... Leggi sorgente dall’OceanoSecondo Esiodo era figlio di Urano e di Gea. Invece per Omero, Oceano è il principio di tutte le cose. Egli è un dio fluviale con la particolarità di circondare tutte le terre e di sorgere da sè stesso e ritornare in sè stesso.... Leggi. Facendosi guidare da uno dei garzoni di Efesto EfestoDio del fuoco e fabbro della mitologia greca, era l'equivalente del dio Vulcano dei Romani. Siccome Zeus aveva generato Atena senza partecipazione femminile, facendola nascere dalla sua testa, Era ingelosita volle fare altrettanto e così senza avere contatto con uomo, generò Efèsto, ma nacque... Leggi, un certo CedalioneEra il Ciclòpe che si offerse di accompagnare Orione, quando questi divenne cieco.... Leggi, giunse sulle rive dell’Oceano e riebbe da Elio la vista. Orione acquistata la vista parte alla ricerca della vendetta, tornato a ChioNinfa figlia di Oceano. non trova Enopione che preventivamente si era nascosto in un rifugio fattogli da Efesto. Allora credendo che il suo nemico si fosse nascosto da MinosseFiglio di Zeus e di Europa. La madre dopo essere stata abbandonata da Zeus sposa Asterio re di Creta, alla morte di costui pretese la successione al trono, perciò prego Poseidone che gli mandasse egli stesso la vittima da sacrificare per la sua incoronazione,... Leggi, Orione andò a Creta e non trovandolo neanche là, si mise a cacciare e minacciava di sterminare tutti gli animali, allora Madre Terra per evitare la strage mandò un’enorme Scorpione che lo uccise. Orione data la sua origine divina fu portato in cielo nella omonima costellazione.


Crediti

   • Ὠρίων •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Figlio di EurialeUna delle Gorgoni. e PosidonePosidone è in Omero uno dei tre figli di Crono e di Rea che si divisero il regno del padre: gli toccò il dominio del mare (Hom. Il. 15, 187-193), mentre Ade ebbe il regno degli Inferi e Zeus quello del cielo. L'associazione con... Leggi, cacciatore gigantesco che fu trasformato in costellazione.
Küentzle (Roscher, Myth. Lex. III col. 1018) riporta diverse vecchie ipotesi: 1) Proposta già dagli antichi, che il nome sia collegabile col verbo οὐρεῖν, nel significato di “orinare”; in questo caso, però, il nome sarebbe dovuto essere Οὐρίων, che non è attestato. 2) Potrebbe derivare da ὤρα, termine ionico (con psilosi) per ὥρα, nel significato di εὐμορφία, “bellezza”, ipotesi abbastanza accettabile; oppure da ὥρα nel significato di φροντίς, “sollecitudine, preoccupazione”, cosicché il nome potrebbe significare “seguace, discepolo”, ipotesi che appare un po’ forzata. 3) Potrebbe essere un composto di a e del sanscrito vari, “acqua”. 4) Viene ricostruita , sulla base della forma dialettale Ὀαρίων, una forma ὠσαρί ων, derivata da όσαρος, corrispondente ad ἔαρ, “primavera”. Secondo Carnoy (DEMGR) si tratterebbe di un composto di un prefisso ο- e del verbo greco ὀρίνω, “cacciare, eccitare”, significando quindi “il cacciatore”


Crediti

   • Ὠρίων •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
L’arbitrio nel divenire cosmico
18% AstrofisicaKonrad Lorenz
A molti sembra inconcepibile che nell’universo vi siano processi non orientati verso un determinato fine. Poiché valutiamo negativamente le nostre stesse azioni prive di senso, ci disturba anche l’idea di un divenire che si sottragga ad ogni significato. ⋯
Restare vivo, disperso negli altri
15% Elias CanettiSchiele Art
Troppo poco si è riflettuto su ciò che, dei morti, resta davvero vivo, disperso negli altri; e non si è escogitato alcun metodo per alimentare quei resti dispersi e mantenerli in vita quanto più a lungo possibile. Gli amici di un uomo che è morto si ritro⋯
La qualità non è quantità
15% John Stuart MillSocietà
Quand’anche l’intera umanità, a eccezione di una sola persona, avesse una certa opinione, e quell’unica persona ne avesse una opposta, non per questo l’umanità potrebbe metterla a tacere: non avrebbe maggiori giustificazioni di quante ne avrebbe quell’uni⋯
Rotolare fino al tramonto
14% Elio VittoriniSchiele Art
Pensai: “E se la baciassi?” Di nuovo mi assalì il caldo del ricordo di quando rotolavo sui mucchi di fieno in un tempo felice con una ciurma di bimbi, e pensai “baciarla” come se fosse significato portarla su uno di quei mucchi, rotolare fino al tramonto ⋯
Eros
14% FilosofiaPlatone
Poiché Eros ErosNelle più antiche teogonie è la forza generatrice uscita da Caos, contemporaneamente a Gea. Dio dell'Amore, personificazione di questo sentimento. Ignoto a Omero, è citato da Esiodo nella “Teogonia” per cui si può ritenere che il suo mito nasca intorno all'VIII sec.a.C. Fu concepito... Leggi è figlio di PorosDio dell'abbondanza e sposo di Pènia. e di Penìa, si trova nella tale condizione: innanzitutto è sempre povero, e tutt’altro che bello e delicato come dicono i più; al contrario è rude, sempre a piedi nudi, vagabondo, perché ha la natura della madre ed è legato a⋯