1. Figlio del dio fluviale Alfeo, padre di Diocle, signore di Fere in Messenia (Hom. Il. 5, 544-547; Od. 3, 489; 15, 187; 21, 15). 2. Nipote del precedente e figlio di Diocle, a volte curiosamente distinto nella grafia, 1. Orti- e 2. Orsi-; cfr. Schol. Hom. Il. 5, 542 b: ὁ πρόγονος διὰ τοῦ τ, ὁ παῖς διὰ τοῦ ς, oscillazioni note già ai tempi di Zenodoto (unificato Orti- in West, BGT 2000), viene ucciso col gemello Cretone da Enea Eroe troiano, figlio di Anchise e di Afrodite e discendente di Dardano. Fu partorito da Afrodite sul monte Ida. Fu sposo di Creusa dalla quale ebbe Ascanio. Enea col vecchio Anchise ed il piccolo Ascanio Combatté valorosamente sotto le mura di Troia durante l'assedio... Leggi in Il. 5, 541-560. 3. Guerriero troiano, ucciso con molti altri dalle frecce di Teucro1. Nome di un Troiano, figlio del dio-fiume Scamandro (Apollod. Bibl. 3, 12, 1, 139). 2. Figlio di Telamone, fratellastro di Aiace (Hom. Il. 6, 31; 8, 283 e passim). Chantraine (DELG, s. v. τεύθριον) ritiene l'etimologia di questo nome oscura. Blümel ("Indog. Forsch."... Leggi 1., Hom. Il. 8, 274. 4. Figlio del cretese IdomeneoRe di Creta, figlio di Deucalione; partecipò alla guerra di Troia in quanto pretendente di Elena (Hom. Il. passim). La prima parte di questo nome potrebbe derivare dal monte Ida; secondo Carnoy (DEMGR) la seconda parte deriva da μένος, "forza, ardore"; potrebbe significare allora... Leggi, nei racconti inventati da Ulisse Il vero nome di questo eroe era Odisseo, nome dal significato formidabile datogli dal nonno. Ulisse che significa Lo zoppo in riferimento alla ferita riportata alla coscia in una battuta di caccia, fu l'epiteto che i romani preferirono usare per questo personaggio. Figlio di... Leggi, Hom. Od. 13, 259-271 per non rivelare la sua identità ad Atena AtenaEra figlia di Zeus e di Metis. Così come aveva fatto Crono anche Zeus divorò la moglie incinta in modo di avere sempre con sè la consigliera. finita la gestazione Zeus avrebbe partorito la figlia dalla testa. Efesto funse da ostetrico spaccandogli la testa... Leggi; sarebbe fuggito in esilio da Creta per averlo ucciso. 5.
Il nome ritorna in Vergil. Aen. 11, 636; 689; 694 (un gigantesco guerriero troiano ucciso da Camilla), e in Hygin. Astron. 13, 2, nientemeno che come inventore della quadriga, che sarebbe diventato la costellazione dell’Auriga. Interpretato come forma assibilata da Orti- (cfr. o-ti-na-wo, PY Cn 285, 14), è un composto a reggenza verbale attiva da ὄρ-νυμι e -λόχος, che può significare sia “schiera” che “agguato”, ed è abbastanza produttivo nell’onomastica arcaica, cfr. AnfilocoFratello di Alcmeone, aiutò il fratello ad uccidere la propria madre Erifile che aveva tradito il marito. Partecipò vittoriosamente alla guerra degli Epigoni. Fu ucciso senza gloria in una rissa tra lui e Mopso.... Leggi, AntilocoFiglio di Nestore re di Pilo. A lui fu affidato il triste compito di annunciare ad Achille la morte dello amico Patroclo. Quando Antiloco grande amico di Achille venne ucciso da Mènnone (fratello di Priamo) mentre tentava di difendere il padre, fu subito vendicato... Leggi, EurilocoNome del luogotenente di Odisseo, che va in ricognizione presso Circe e consiglia di approdare nell'isola dei buoi del Sole (Hom. Od. 10, 205 ss.; 429 ss.; 12, 278; 339 ss.). Si tratta di un composto di εὐρύς, "largo, vasto" e di λόχος, "agguato",... Leggi. Significa dunque “che incita le schiere in battaglia” o “che suscita l’agguato”.

Crediti
   •  Ὀρσίλοχος  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Non serve essere tristi
12% Carlos CastañedaSchiele Art
La cosa più difficile al mondo è assumere lo stato d’animo di un guerriero. – disse – Non serve a nulla essere tristi, logorarsi e sentire di essere giustificati nel farlo; credere che qualcuno ci faccia sempre qualcosa. Nessuno fa nulla a nessuno, tanto ⋯
Là dentro si martira
12% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Là dentro si martira Ulisse e Dïomede, e così insieme a la vendetta vanno come a l’ira; e dentro da la lor fiamma si geme l’agguato del caval che fé la porta onde uscì de’ Romani il gentil seme.
Calma vertigine
12% DisegniPablo Picasso
Questa calma vertigine sta e va, permane e metamorfizza, inchioda e fugge. Se essa resta l’inscrutabile, il suo enigma non equivale ad un interdetto che pesa sul linguaggio; suscita piuttosto l’esigenza di pensare di più e di dire altrimenti.
Dolori in attesa
12% Aldo BusiPoesieSchiele Art
| L’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi non è il toccasana dei mali, | è il bene più bello del male supremo, | l’assegno in bianco dei dolori in attesa, | una speranza tradita in agguato, | lo sguardo malato di una bolla di sapone | che scoppia con te. • Aldo Busi • • • • • Egon Schie⋯
Il grafomane
10% Jacques DerridaLinguaggio
La scrittura è il figlio miserabile. Il miserabile. Il tono di Socrate è talvolta accusatore e categorico, denuncia un figlio traviato e ribelle, un eccesso e una perversione, talvolta impietosito e condiscendente, compiange un vivo orbato, un figlio abba⋯