Figlio di Plemneo, re di Sicione; fu allevato da Demetra (Pausan. 2, 5, 8).
Il nome è un composto di ὀρθός, “dritto, corretto” e di πόλις, “città” e significa quindi “colui che eleva la città ” oppure “colui che regge la città”.

Crediti
   •  Ὀρθόπολις  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Bollicina d’aria
14% Lev Nikolàevič TolstòjSchiele Art
Non posso vivere senza sapere quel che sono e perché sono qui. Saperlo è impossibile, quindi è impossibile vivere. Nell’infinità del tempo e dello spazio nasce una bollicina d’aria, si regge un poco e scoppia, e questa bollicina d’aria sono io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi. • Lev Niko⋯
La sedimentazione dei cliché
13% Aldo BusiFrammenti
Scardinare le frasi fatte – o anche i tabù – significa rinunciare alla sola bellezza possibile della vita: la sedimentazione millenaria dei cliché. Non c’è altra vita vivibile fuori di essi, uno scrittore lo sa. Impugnare le frasi fatte del mondo signific⋯
Non aspettar mio dir più né mio cenno
12% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Non aspettar mio dir più né mio cenno; libero, dritto e sano è tuo arbitrio, e fallo(dal greco phallòs, membro virile) simbolo dei poteri generativi della natura, o della fecondità, al quale Greci e Romani dedicavano un culto (culto fallico o fallicismo), spesso orgiastico come nei Misteri dionisiaci.... Leggi fora non fare a suo senno: per ch’io te sovra te coronoRe dei Lapiti, figlio di Ceneo; fu ucciso da Eracle (Hom. Il. 2, 746). Il nome appartiene alla famiglia di κορώνη, "cornacchia", ma al maschile (κορωνός) significa "curvo"; si osserva la consueta ritrazione dell'accento che caratterizza la formazione degli antroponimi ricavati da un aggettivo.... Leggi e mitrio.
Bellezza che ha del prodigioso
11% Doré GalleryJulien Green
Nel canto XI, la parafrasi del Pater è d’una bellezza che ha del prodigioso; il linguaggio umano si eleva d’un tratto a un’altezza che noi non raggiungiamo più; si direbbe che la grazia tale linguaggio, ma d’un’ebbrezza divina che conserva tutta la sua lu⋯
Balbettamento del mistico
11% Doré GalleryJulien Green
Nel canto XI, la parafrasi del Pater è d’una bellezza che ha del prodigioso; il linguaggio umano si eleva d’un tratto a un’altezza che noi non raggiungiamo più; si direbbe che la grazia tale linguaggio, ma d’un’ebbrezza divina che conserva tutta la sua lu⋯