1. Figlia di Sitone, re del Chersoneso tracio, e di Anchiroe, eponima di uno dei promontori della penisola Calcidica, chiamato anche Cassandra; (Parthen. Narr. amat. 6; Conon. Narr. 10; Steph. Byz. s. v. Пαλλήνη). Steph. Byz., citando Teagene ed Egesippo, riporta diverse versioni, fra cui che la penisola P. era chiamata Flegra, ed era abitata dai GigantiFigli di Gea, fecondata dal sangue di Urano, che era stato evirato da Crono, spesso confusi o identificati coi Titani. Esseri di straordinaria statura e di forza sovrumana, nemici degli dei, tentarono di dar la scalata all'Olimpo, ma furono colpiti insieme dai fulmini di... Leggi;
2. da cui una Pallene figlia del gigante Alcioneo (che sarà ucciso da Eracle EracleZeus incapricciatosi di Alcmena, prende le sembianze del marito di lei, Anfitrione. Zeus passa con la donna un giorno e una notte d'amore, notte che in effetti era durata tre giorni poiché Zeus aveva ordinato al sole di riposarsi per tre giorni. Intanto fatto... Leggi, Apollod. Bibl. 1, 6, 1); trasformata in uccello insieme alle sorelle Alcionidi (Suda, s. v. Ἀλκυονίδες); le sette sorelle diventarono gli uccelli omonimi, e i giorni di bonaccia erano chiamati dai marinai “i giorni delle Alcionidi”.
Secondo Carnoy (DEMGR) potrebbe derivare dall’indoeuropeo *bel-, pel-, “fango”, ma si tratta di una spiegazione poco motivata. Il suffisso -ήνη (-άνα) è in ogni caso pregreco, per cui ogni collegamento col verbo πάλλω “palleggiare una lancia, lanciare”, (cfr. Pallas) resta improponibile.

Crediti
   •  Пαλλήνη  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Molte cose in una
15% Cesare PaveseSchiele Art
Hai mai conosciuto una persona che fosse molte cose in una, le portasse con sé, che ogni suo gesto, ogni pensiero che tu fai di lei racchiudesse infinite cose della tua terra e del tuo cielo, e parole, ricordi, giorni andati che non saprai mai, giorni fut⋯
Alla fine cessa
13% AforismiJean RostandSchiele Art
La vita, a poco a poco, ci scaccia da ogni parte.
Nasciamo provvisoriamente
13% Rainer Maria RilkeSchiele Art
Nasciamo, per così dire, provvisoriamente, da qualche parte; soltanto a poco a poco andiamo componendo in noi il luogo della nostra origine, per nascervi dopo, e ogni giorno più definitivamente.
Il sole interiore
13% PercorsiRudolf Steiner
Quando l’uomo ha percorso i primi gradini del sentiero della conoscenza, giungono i difficili momenti del dubbio. Quanto più arriviamo a conoscere il mondo ed a riversarci nell’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi, tanto più verremo a conoscenza dei lati oscuri e cattivi del mondo. Son⋯
Illuminati dalla Luce
13% Rudolf SteinerTesti
Quando l’uomo ha percorso i primi gradini del sentiero della conoscenza, giungono i difficili momenti del dubbio. Quanto più arriviamo a conoscere il mondo ed a riversarci nell’amore, tanto più verremo a conoscenza dei lati oscuri e cattivi del mondo. Son⋯