Mida si lava alla fonte del PattoloFiume della Frigia, le cui acque trasportavano pepite d’oro, ciò avvenne dopo che Mida Re di Bromio. Ospitò Sileno che ubriaco si era addormentato nel suo giardino e poi lo riportò da Bacco che per ricompensarlo della sua cortesia gli fece esprimere un desiderio, Mida, scioccamente scelse di poter mutare in oro tutto quello che toccava. Accortosi che... Leggi vi si lavò le mani per togliersi di dosso il fatale dono che aveva ricevuto da Bacco BaccoUno dei tanti nomi per indicare il dio Dioniso. Gli erano sacre le foreste e le vallate dove viveva freneticamente. Fu dio della forza fecondatrice della natura, venerato dalle donne. La sua origine è alquanto complessa, quindi ci limitiamo a queste brevi righe onde... Leggi. Per chi non lo sapesse, questo principe aveva ottenuto da Bacco il dono di convertire in oro tutto ciò toccava. Questo dono lo stava portando lentamente alla morte in quanto anche le sue vivande al suo tocco divenivano oro. Subito Mida, pregò Bacco di revocargli il potere ottenuto. Il dio gli ordinò di lavarsi le mani nel Pattolo. Mida così facendo trasmise questo dono al fiume, che da allora in poi porta sabbia d’oro.

Crediti
   •  Πακτωλός  •
 • Miti 3000
 • Mitologia e dintorni
Similari
Dimenticare subito e senza riflettere
21% Joseph RothLibriSchiele Art
Prima della guerra mondiale, quando accaddero i fatti che qui riferiamo, che un uomo vivesse o morisse non passava ancora nell’indifferenza. Se una persona scompariva dal numero dei terrestri, non ne arrivava subito un’altra a occupare il suo posto per fa⋯
Come si misura il tempo soggettivo?
20% Paolo MulèPsicologia
Come lo si pesa, come lo si pensa, se esso sfugge come tale a una presa di coscienza che possa dirsi certa e definitiva? In senso analogo, cosa si può dire di sensato riguardo alla morte, riguardo alla propria morte? Cos’è, se esiste, “la propria morte”? ⋯
Donare il tempo
19% FrammentiJacques Derrida
Anche se il dono non fosse mai altro che un simulacro, è necessario comunque render conto della possibilità di questo simulacro e del desiderio che spinge a questo simulacro. Ed è necessario anche render conto del desiderio di rendere conto. Si tratta di ⋯
Pensavamo alla vita
18% Herman MelvillePercorsi
«Peleg! Peleg!» disse Bildad alzando occhi e mani, «tu stesso come io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi stesso hai visto molti pericoli; tu lo sai, Peleg, che vuol dire avere paura della morte; com’è che puoi sproloquiare in questo modo così empio. Tu smentisci il tuo stesso cuore, Peleg.⋯
È solo un soffio che le sfiora
18% FrammentiGottfried Benn
Anche in seguito continuò a occuparsi molto delle mani. L’infermiera che lo serviva lo amava molto; egli le parlava sempre con aria supplichevole, anche se lei non capiva bene di che si trattava. Spesso cominciava in tono beffardo, le conosceva bene quell⋯