Assieme al figlio Filottète esaudì la preghiera di Eracle EracleZeus incapricciatosi di Alcmena, prende le sembianze del marito di lei, Anfitrione. Zeus passa con la donna un giorno e una notte d'amore, notte che in effetti era durata tre giorni poiché Zeus aveva ordinato al sole di riposarsi per tre giorni. Intanto fatto... Leggi, appiccando il fuoco al rogo che l’eroe si era fatto costruire per sottrarsi alle sofferenze causategli dalla veste intrisa del sangue di Nesso Centauro, figlio d'Issione e di Nefele. Un giorno avendo veduto Eracle e Deianira fermati sulla sponda del fiume Eveno, le cui acque rapide erano ingrossate dalle piogge, si offrì di portare in groppa Deianira attraverso il fiume, del quale era traghettatore. Avendo tentato di... Leggi che Deianira Sposa di Eracle. Per guadare il fiume èveno accettò di salire in groppa al centauro Nèsso, il quale cercò di rapire la bella ragazza, allora Eracle con una delle sue frecce intinte nel sangue dell'Idra uccide il centauro, che prima di morire suggerisce a... Leggi gli aveva fatto indossare.


Crediti

   • Πασιθέη •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Figlio di Thaumakos, uno degli Argonauti (Apollod. Bibl. 1, 9 16 113; ma non è nominato nelle liste di Apollon. Rhod. e nelle Argon. Orph. Padre di Filottete, che già in Omero Od. 3, 190 è chiamato Ποιάντιος υἱός (cfr. Pind. Pyth. 53), avrebbe tirato, secondo una variante, la freccia che colpí al tallone Talos facendolo morire; Apollod. Bibl. ibidem. Fu lui ad accendere il fuoco della pira di Eracle, che prima di morire ed essere assunto all’Olimpo, gli donò il celebre arco, poi ereditato da suo figlio. In fonti tarde, il suo posto è preso dal figlio, Hygin. Fab. 14, 22, al quale rimane il patronimico Poeantis filius. Viene collegato con ποιμήν, “pastore” (Carnoy, DEMGR s. v., ma sembra piú probabile una formazione in ντ- da ποά, ποιή, cfr. Ποιάντειον πεδίον, la “pianura erbosa”, Suda pi. 3072. Potrebbe significare “l’uomo dell’erba”, “del pascolo”, “erboso”; Pape-Benseler: “Gräßer”.


Crediti

   • Πασιθέη •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Il vile dolore
18% Schiele ArtStefan Zweig
Sono passati ventiquattro anni da allora, eppure, quando penso a quel momento in cui, sferzata dalla sua ironia, stavo lì davanti a mille estranei, il sangue mi si gela nelle vene. E sento di nuovo con spavento che debole entità, miserabile e tormentata d⋯
Grembo dell’eterno
16% FrammentiLudwig Feuerbach
Leggo nel gran codice del mondo: Di tutte le cose morte è misura. Silente indifferenza essa riposa dentro ogni forza ed ogni differenza: se vita e morte fossero disgiunte, da tempo il nulla regnerebbe il mondo. Nella morte, la morte dalla vita si scinde e⋯
L’accumulazione originaria
16% Karl MarxSocietà
Se il denaro, secondo Augier, viene al mondo con una macchia di sangue sulla guancia, il capitale nasce grondante sangue e fango dalla testa ai piedi.
Morti in maniera irrevocabile
14% Schiele ArtThomas Bernhard
Hai amato queste persone finché loro ti hanno amato, e le hai odiate dal momento in cui loro ti hanno odiato. Com’è naturale, non ho mai pensato che sarei loro sopravvissuto; al contrario, ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi sempre stato dell’avviso che un giorno sarei stato io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi il primo⋯
Anche tu sei l’amore
14% Cesare PavesePoesie
Anche tu sei l’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi. Sei di sangue e di terra come gli altri. Cammini come chi non si stacca dalla porta di casa. Guardi come chi attende e non vede. Sei terra che dolora e che tace. Hai sussulti e stanchezze, hai parole – cammini in attesa. L’amore è il⋯