1. Comandante di un contingente focese durante la guerra di Troia, figlio di Ifito, pretendente di Elena. Sarà ucciso da Ettore in battaglia (Hom. Il. 2, 517; 17, 306-311; Apollod. Bibl. 3, 10, 8). 2. Un omonimo capo focese a Troia è il figlio di Perimede 2., anch’esso ucciso da Ettore (Hom. Il. 15, 515-516).
Pape e Benseler (WGE) fanno derivare questo nome da σχεδόν, “vicino”, quindi significherebbe “assalitore, che combatte corpo a corpo”. Mühlestein (Homerische Namenstudien, p. 35), invece, fa derivare questo nome da σχεδία, “zattera” e lo traduce con “l’uomo della zattera”.

Crediti
   •  Σχέδιος  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Grandi ripugnanze
22% Cesare PavesePercorsi
Il mito greco insegna che si combatte sempre contro una parte di sé, quella che si è superata, un antico se stesso. Si combatte soprattutto per non essere qualcosa, per liberarsi. Chi non ha grandi ripugnanze, non combatte. • Cesare Pavese • • • • • Pinte⋯
Corporeità dell’uomo
15% Franco BasagliaSchiele Art
Non si può parlare dell’uomo senza essere rimandati alla sua corporeità. Il nostro ingresso nel mondo si attua infatti nel momento del nostro apparire come corpo: ogni espressione, ogni atteggiamento con cui l’uomo si dà e coglie il mondo è corpo. È ancor⋯
Il sorriso isterico
14% DisegniGilles Deleuze
Bacon ha dipinto alcuni tra i sorrisi più belli di tutta la pittura, che assolvono una stranissima funzione, quella cioè di assicurare il dileguamento del corpo… E’ proprio in funzione di questo sorriso che il viso si disfa, come sotto l’azione di un acid⋯
Tra rivoluzionario e terrorista
13% SocietàYasser Arafat
La differenza tra il rivoluzionario e il terrorista risiede nella ragione per cui combatte. Per chi sta da una causa giusta e combatte per la libertà e la liberazione della sua terra dagli invasori, i coloni e colonialisti, non può essere chiamato terrori⋯
Cosa può un corpo?
13% FilosofiaGilles Deleuze
La concezione classica prescrive all’uomo di ricongiungersi con la sua essenza incompiuta, esistente in potenza. La morale sarebbe il processo di realizzazione dell’essenza umana. Realizzare l’essenza dell’como sarà dunque il fine dell’uomo realmente esis⋯