Figlio di Posidone, eponimo del fiume siciliano (Pausan. 7, 24, 5); molti altri fiumi portano lo stesso nome.
Questo nome appartiene alla famiglia di σέλινον, “sedano”, attestato già in miceneo (se-ri-no). Lo stesso toponimo “luogo ricco di sedano” è attestato in miceneo (cfr. Chadwick-Baumbach, p. 243) col suffisso -wont- o –owont – (Chantraine, DELG). Carnoy propone invece una derivazione da selo- (greco ἕλος, “palude”, sanscrito sara-, “stagno”), quindi Selino potrebbe significare “il fiume paludoso”.

Crediti
   •  Σελινοῦς  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Nel fiume neanche ci entri
13% Marcello Red BarbarossaSocietà
L’inconscio è un’orgia di pensieri avviluppati a pulsioni più o meno razionali; il linguaggio però, può essere adeguato alla realtà o c’è uno scarto tra linguaggio e cose? Nel saggio di Simone Weil “De la perception ou l’aventure de Protée”, si diceDea della Giustizia, detta anche Astrea, figlia di Zeus e Temi, fu considerata il principio fondamentale per lo sviluppo di ogni società civile. Era una delle Ore, stanca degli errori degli uomini si trasferì in cielo diventando la costellazione della Vergine.... Leggi, che ⋯
Una costruzione del pensiero
13% FilosofiaFriedrich Nietzsche
Ciò che mi divide nel modo più profondo dai metafisici è questo: non concedo loro che l’«io» sia ciò che pensa; al contrario considero l’io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi stesso una costruzione del pensiero, dello stesso valore di «materia», «cosa», «sostanza», «individuo», «scopo», «n⋯
Ascoltare la propria menzogna
13% Fëdor DostoevskijSchiele Art
Colui che mente a se stesso e dà ascolto alla propria menzogna arriva al punto di non saper distinguere la verità né dentro se stesso, né intorno a sé e, quindi, perde il rispetto per se stesso e per gli altri.
Dimora d’ogni cosa
13% PoesieSara Teasdale
E quando sarò andata, andata via, il mio canto potrà forse restare per poco, come l’onda nella scia dopo ché s’è perduta in alto mare. Qualche notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi arderà, qualche altro giorno, della fragile striscia luminosa viva di canto, che farà ritorno al nulla poi⋯
Il grafema
12% Jacques DerridaLinguaggio
Un segno incomincia a ripetersi dal momento in cui sorge. Se non fosse così, non sarebbe segno, non sarebbe quello che è, cioè quella non-identità a sé che rinvia regolarmente allo stesso. Vale a dire a un altro segno che a sua volta nascerà suddividendos⋯