Figlia di Cadmo Figlio del re fenicio Agenore di Sidone e di Telefassa, era fratello di Europa, la fanciulla rapita da Zeus in forma di toro. Fondò il primo nucleo di Tebe e sposò Armonia, dalla quale ebbe le sfortunate figlie Autonoe, Ino, Agave e Semele. Verso... Leggi re di TebeFiglia di Asopo e di Metope e sposa di Zeto che per amore diede il nome della moglie alla città che fino a quel momento era chiamata Cadmea.... Leggi; amata da Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi, divenne madre di Dioniso Nome del dio del vino e dell'estasi mistica, figlio di Zeus e di Semele (Hes. Theog. 940-42). Attestato in miceneo come teonimo associato con Zeus in tavolette cretesi (Khanià) di-wo-nu-so, dat., e al genitivo a Pilo; cfr. L. Godart e Y. Tzedakis, Les nouveaux... Leggi. La gelosa Era le si presentò sotto l’aspetto d’una vecchia e la indusse a pregare Zeus di mostrarlesi in tutto il suo splendore divino. Il dio finì con l’arrendersi alle insistenti preghiere di Semele, che allora rimase istantaneamente incenerita dallo splendore emanante da lui. Zeus, dopo il rogo di Semele, salvò il corpo di Dioniso e lo mise dentro una propria coscia.


Crediti

   • Σεμέλη •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Gustave Moreau ⋯ Giove e SemeleFiglia di Cadmo re di Tebe. Amata da Zeus, divenne madre di Dioniso.
La gelosa Era le si presentò sotto l’aspetto d’una vecchia e la indusse a pregare Zeus di mostrarlesi in tutto il suo splendore divino.
«Ti auguro», diceDea della Giustizia, detta anche Astrea, figlia di Zeus e Temi, fu considerata il principio fondamentale per lo sviluppo di ogni società civile. Era una delle Ore, stanca degli errori degli uomini si trasferì in cielo diventando la costellazione della Vergine.... Leggi, «che sia proprio Giove ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi, ma io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi sospetto di tutto: spacciandosi per dèi, troppi uomini sono entrati in letti onesti.
E non basta che per te sia Giove: ti dia una prova del suo amore, se è vero amore; chiedigli che, grande e splendido come l’accoglie l’eccelsa Giunone, grande e splendido così ti stringa a sé, assumendo prima le sue insegne!». (Ovidio, Metamorfosi III, 260 ss.). Il dio finì con l’arrendersi alle insistenti preghiere di Semele, che allora rimase istantaneamente incenerita dallo splendore emanante da lui.
Zeus, dopo il rogo di Semele, salvò il corpo di Dioniso e lo cucì dentro una propria coscia. Passato il tempo dovuto Zeus si scucì la coscia, partorì Dioniso e lo affidò a Ermes ErmesFiglio di Zeus e di Maia la più grande delle Pleiadi. Ermes veniva considerato come la personificazione del vento e come tale ne aveva le caratteristiche: la velocità, la leggerezza, l'incostanza, la monelleria e l'umore scherzoso. Caratterizzato da astuzia e abilità, gli furono date... Leggi.
Dopo che erano accaduti questi fatti, le sorelle di Semele che erano gelose dei rapporti di questa col supremo dio iniziarono a parlarne male, ed ecco come le trattò Dioniso:

Perché le sorelle di mia madre – e non dovevano, loro, – negarono che Diòniso fosse figlio di Zeus, dissero che Sémele, sedotta da un uomo, aveva rigettato su Zeus la colpa delle sue voglie, una bella trovata di Cadmo. E per questo, esclamavano esultanti, Zeus aveva ucciso Semele, per avere mentito sui propri amori. E così io queste brave sorelle lo ho fatte impazzire, fuggire dalla reggia: abitano sul monte e delirano: le ho costrette a indossare i paramenti del mio rito. (Euripide, Baccanti BaccantiCorteo di donne incoronate di pampini che seguiva il carro di Dioniso durante i suoi errabondi viaggi in Oriente. Con tale nome furono poi indicate le sacerdotesse che celebravano i riti in suo onore. Recavano in mano il tirso, un bastone sormontato da pampini... Leggi 1 ss., 242 ss., 286 ss.)

Successivamente Dioniso la sottrasse all’Ade Col significato di invisibile i Greci chiamavano la divinità che regnava sull'oltretomba e l'oltretomba stesso. Il dio Ade era anche chiamato Plutone nome più usato. Grandi sono le porte dell'Ade (solo per entrare, impossibile l'uscita) e alla sua guardia sta Cerbero. Nell'Ade scorrono quattro... Leggi, la chiamò Tione e la condusse in cielo con lui.


Crediti

   • Σεμέλη •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Figlia di Cadmo e Armonia, madre di Dioniso (Apollod. Bibl. 3, 4, 3).
Chantraine (DELG) ritiene che si tratti di una dea traco-frigia della terra, come dimostra il confronto con la formula del neofrigio δεως ζεμελως κε, “agli dèi del cielo e della terra” (A. Heubeck, Praegraeca, p. 77). Carnoy (DEMGR) aggiunge un confronto con l’antico slavo zemlja, “terra”, latino humilis, “sopra la terra”, greco χθαμαλός dalla radice di χαμαί, latino humus; in trace si ha l’assibilazione di gh-.Σφίγξ


Crediti

   • Σεμέλη •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
In pena
21% Paul EluardPoesieSchiele Art
In pena per un cielo infranto per la pioggia che ci bagnerà vado pensando alla gioia grande che se vorremo ci prenderà. Tra dovere ed inquietudine esita questa vita rude. (È una molto grande pena confessarlo, ora) Qui ogni cosa odora d’erba. Su tutto il c⋯
Di cherubica luce uno splendore
21% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
L’un fu tutto serafico in ardore; l’altro per sapïenza in terra fue di cherubica luce uno splendore.
Il Sé reale
20% EstrattiWilliam Walker Atkinson
Questo Sé nel mio cuore è ben più piccolo di un chicco di riso, di orzo o di senape; più piccolo anche di un grano di syamaka e persino di una infinitesima parte di esso. Eppure questo Sé nel mio cuore è più grande della terra, più esteso dell’atmosfera, ⋯
Accendere l’anima per una sola
17% Schiele ArtVladimir Majakovskij
A Cesare quel che è di Cesare, a Dio quel che è di Dio. Ma uno come me dove potrà ficcarsi? Dove mi si è apprestata una tana? S’io fossi piccolo come il grande oceanoSecondo Esiodo era figlio di Urano e di Gea. Invece per Omero, Oceano è il principio di tutte le cose. Egli è un dio fluviale con la particolarità di circondare tutte le terre e di sorgere da sè stesso e ritornare in sè stesso.... Leggi, mi leverei sulla punta dei piedi delle onde con l’alta marea, accarezzando la luna. Dov⋯
Lingua essenziale
17% Giovannino GuareschiLinguaggio
Il latino è una delle cose più pulite che esistano al mondo. Leggendo un testo latino non si troverà una parola non necessaria, una parola inutile. Neppure è vero che il latino non serva a nulla e sia una lingua morta. Il fatto che non lo si parli più è d⋯