Esistono due Sfingi: quella egizia e quella greca. La prima rappresenta la potenza regale del faraone ed è un monumento funerareo formato da un corpo leonino e dal volto del Faraone. La Sfinge greca invece è un mostro alato col corpo mezzo di donna e mezzo di leonessa nato dalla unione incestuosa del cane OrtroCane dalle due teste, figlio di Tifone e di Echidna. Custode delle mandrie di Gerione, fu ucciso da Eracle.... Leggi con la madre Echidna EchidnaECHIDNA Mostro, donna nella parte superiore e serpente nella parte inferiore. Figlia di Crisaore, moglie e madre di Tifone e della maggior parte dei mostri della mitologia classica. Dalla sua unione con Tifòne, generò una serie di mostri orripilanti quali: l'insonne dragone che custodiva... Leggi.


Crediti

   • Σφίγξ •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Sfinge grecaEsistono due Sfingi: quella egizia e quella greca.
La prima rappresenta la potenza regale del faraone ed è un monumento funerareo formato da un corpo leonino e dal volto del Faraone.
La seconda è quella greca, nata da Echidna e da TifonePersonificazione del vento impetuoso del Sud, il mito è originario dell'Asia meridionale, da dove passò in Egitto e poi in Grecia. Gli Egizi lo chiamarono Set o Seteh. Per i Greci era un essere mostruoso dalle cento teste e dalla forza immane, chiamato anche... Leggi.

… sta nel paese degli Arimi, sotto terra, la lacrimevole Echidna,
immortale fanciulla e ognor giovane, sempre.
Ad essa Tifone, raccontano, si uni in amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi,
terribile iniquo e violento, a lei fanciulla dagli occhi splendenti,
e lei concepì e partorì figli dal cuore violento: …
…Essa ancora Sfinge nefasta partorì, dei Cadmei la rovina, … (Esiodo, Teogonia, 304-308 e ss.)

aveva corpo di leone alato e petto e testa di donna. Le Muse I Romani assimimilarono le Muse con le loro antiche divinità locali chiamate Camene e che erano ninfe delle sorgenti e delle acque venerate presso il boschetto di Porta Capena. Figlie di Zeus e di Mnemosine (che significa Memoria). Il sommo dio si unì per... Leggi le avevano insegnato un enigma e, stando seduta sul monte Ficio, poneva ai Tebani questo enigma:

chi è l’essere che ha una voce sola, e prima ha quattro, poi due, poi tre gambe?

I Tebani avevano ricevuto un oracolo, secondo il quale si sarebbero liberati della Sfinge solo quando avessero risolto il suo enigma; per questo spesso si riunivano a discuterne il significato, ma siccome non ci riuscivano, la Sfinge ogni volta prendeva uno di loro e lo mangiava. Edipo Figlio di Giocasta e di Laio re di Tebe. L'oracolo di Delfi aveva previsto a Laio la morte per mano di un figlio, al che il re fece di tutto per non averne. Ma il Fato, che non può essere ingannato, gli fece il... Leggi ascoltato l’enigma della Sfinge riuscì a risolverlo: la soluzione era “l’uomo”. Infatti da bambino ha quattro piedi, perché cammina a quattro zampe; da adulto due piedi; e da vecchio tre, perché si appoggia al bastone. La Sfinge sconfitta si gettò giù dalla rocca e morì.


Crediti

   • Σφίγξ •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Mostro femminile, figlio di Echidna e Tifone, composto da una testa di donna, un corpo di leone e provvisto di ali (Apollod. Bibl. 3, 5, 8).
Il nome è stato collegato al verbo greco σφίγγω, “serrare, legare strettamente” (Carnoy, DEMGR), etimologia che Chantraine (DELG, s. v. σφίγγω) ritiene popolare; egli afferma invece che la forma originale di questo nome potrebbe essere Σφίξ, -ικος beot. Φίξ, -ικος e che si tratterebbe di un prestito egiziano. McGready (“Glotta” 46, 1968, p. 250), infatti, ha ipotizzato una derivazione dall’egiziano shespankh, “immagine vivente”.


Crediti

   • Σφίγξ •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Il segreto di pulcinella
26% San PaoloStorie
Diogene avanzò verso la sfinge e lei pronta gli disse – Diogene, cosa si nasconde nel fondo del mio fondo? – Diogene rispose – il fondo naturalmente… senza fondo. – La sfinge restò pietrificata da Diogene o dal fondo di sé? Pietrificata perché? Eh, Eh, sa⋯
Bastò il piombo
24% FrammentiOmero di Chio
…Era il mostro di origine divina, leone la testa, il petto capra, e dragoMostro favoloso che si ritrova in tutte le antiche mitologie. Rettile alato con ali di pipistrello, con testa di cane, zampe di leone, e bocca con una o più lingue che vomita fuoco e fiamme. Nella letteratura e nell'arte cinese, è uno degli elementi... Leggi la coda; e dalla bocca orrende vampe vomitava di foco1. Eroe eponimo della Focide, figlio di Eaco e della Nereide Psamate, fratellastro di Peleo (Hesiod. Theog. 1004-05) ed anche 2. nome di un abitante di Glissa in Beozia, che stabilì che i numerosi pretendenti della figlia Calliroe dovessero battersi con le armi, ma... Leggi: e nondimeno, col favor degli Dei, l’eroe la spense… La chimera Mostro favoloso, figlia di Idra, poi partorí Chimera, che fuoco spirava, che immane era, tremenda, veloce nei piedi, gagliarda. Essa tre teste aveva: la prima di fiero leone, l'altra di capra, la terza di serpe, d'orribile drago (Esiodo, Teogonia). Fu uccisa da Bellerofonte. Vomitava... Leggi è un mostro mitologico con parti del corpo di animali diversi. ⋯
Anche una non-risposta
23% DisegniSaul Steinberg
L’arte è una sfinge: il bello della sfinge è che devi interpretarla. Quando hai trovato un’interpretazione, sei già salvo. L’errore della gente è credere che la sfinge possa dare solo una risposta esatta. In realtà ne dà cento, mille, forse nessuna. Può d⋯
La donna certa
21% Italo CalvinoPercorsi
Corre e s’innamora il giovane, insicuro di sé, felice e disperato, e per lui la donna è quella che certamente c’è, e lei sola può dargli quella prova. Ma la donna anche lei c’è e non c’è: eccola di fronte a lui, trepidante anch’essa, insicura, come fa il ⋯
La passione del corpo umano
18% AnonimoSchiele Art
L’applicazione artistica di Egon Schiele è concentrata essenzialmente sulla figura umana, in particolare su quella femminile, la cui dolcezza è dovuta a una passione per queste modelle, visto il profondo legame che il pittore aveva con loro. A partire dal⋯