Nome di un Ciclope (Hesiod. Theog. 141).
Deriva da στεροπή, “lampo” (Frisk, Gr. Et. Wört., s. v.; Grimal, DMGR), con passaggio al maschile (Fraenkel, Nom. ag. II, p. 121). Secondo Carnoy (DEMGR) questa etimologia confermerebbe che i CiclopiErano i tre giganteschi figli di Urano e Gea. Essi avevano un solo occhio al centro della fronte. Si chiamavano Bronte il tuono, Stèrope il fulmine e Arge lo splendore. Essi si rivoltarono contro il padre Urano, il quale li rinchiuse nel Tartaro. Quando... Leggi erano gli dèi del temporale.

Crediti
   •  Στερόπη  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Quando la gravità non è conforme
17% Antonin ArtaudDisegni
No, van Gogh non era pazzo, ma le sue pitture erano pece greca, bombe atomiche, la cui angolazione, confrontata con tutte le altre pitture che imperversavano in quell’epoca, sarebbe stata capace di turbare gravemente il conformismo larvale della borghesia⋯
Non è solo come appare
16% Isabel AllendeSchiele Art
Lei seminò nella mia testa l’idea secondo cui la realtà non è solo come appare in superficie, perché ha una dimensione magica e, volendo, è legittimo esagerarla e colorirla per rendere meno noioso il passaggio attraverso questa vita.
Sera bagnata
15% Egon SchielePoesieSchiele Art
Ho voluto ascoltare la sera respirare fresca, gli alberi neri di temporale – dico: gli alberi neri, di temporale – poi le zanzare, lamentose, i ruvidi passi di contadini, le campane echeggianti lontano. Volevo sentire gli alberi in regata e vedere un mond⋯
Clessidra senza bulbo
14% Jonathan Safran FoerSchiele Art
Quando mi chiedono come sto, mi ritrovo a dire: ‘È una fase di passaggio’. Tutto è transizione, turbolenza verso la destinazione. Ma lo dico da così tanto tempo che probabilmente dovrei accettare che il resto della mia vita sarà un lungo passaggio: una cl⋯
Spazialità indifferente
14% FilosofiaGeorg W. Friedrich Hegel
Nella sua indeterminata immediatezza esso è simile soltanto a se stesso, ed anche non dissimile di fronte ad altro . Esso è la pura indeterminatezza ed il puro vuoto – Nell’essere non v’è nulla da intuire, se qui si può parlar di intuire, ovvero esso è qu⋯