Città dell’Arcadia nord orientale posta sulle rive del lago o della palude dove vivevano gli uccelli cacciati da Eracle EracleZeus incapricciatosi di Alcmena, prende le sembianze del marito di lei, Anfitrione. Zeus passa con la donna un giorno e una notte d'amore, notte che in effetti era durata tre giorni poiché Zeus aveva ordinato al sole di riposarsi per tre giorni. Intanto fatto... Leggi.


Crediti

   • Στύμφαλος •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Uccelli stinfalidi1) Città dell’Arcadia nord-orientale posta sulle rive del lago o della palude dove vivevano i terribili uccelli (caccia-bombardieri) che si nutrivano di carne umana e che furono cacciati da Eracle.
2) Uno dei cinquanta figli di LicaoneNome di diversi personaggi, fra cui: 1. un figlio di Priamo e Laotoe (Hom. Il. 3, 333; 20, 81); 2. un eroe arcade, figlio di Pelasgo e dell'Oceanina Melibea o della ninfa Cillene (Apollod. Bibl. 3, 8, 1); 3. e il figlio di Ares... Leggi.
3) Nipote di ArcadeFiglio di Zeus e della ninfa Callisto. Insegnò agli uomini a seminare i cereali, a filare la lana e a fare il pane.... Leggi, figlio di ElatoUno dei centauri. Altro Elato fu il fondatore della città Elatea, e figlio di Leanira e di Arcade.... Leggi e LaodiceNome di diverse eroine, fra cui: 1. la figlia del re di Cipro Cinira (Apollod. Bibl. 3, 9, 1); 2. la figlia dell'arcade Agapenore (Pausan. 8, 5, 3; 53, 7); 3. una delle figlie di Agamennone e Clitennestra (Hom. Il. 9, 145); 4. e... Leggi.


Crediti

   • Στύμφαλος •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Figlio di Elato e Laodice, eponimo della città di Stinfalo nel Peloponneso (Pausan. 8, 4, 4).
Secondo Carnoy (DEMGR) il toponimo sarebbe una forma con infissione nasale e pelasgica dall’indoeuropeo *stup, “masso”, visto che il nome è anche quello di una montagna che sorge nelle vicinanze. Oppure potrebbe venire dall’indoeuropeo *stemp-, “tronco d’albero”, dove la -m diventa -um in pelasgico: ciò deriverebbe dal fatto che nella zona c’era una grande presenza di alberi (Carnoy, “Orbis” 3, 1954, p. 436).


Crediti

   • Στύμφαλος •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Godzilla in Messico
16% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Ascolta quello che ti dico, figlio mio: le bombe cadevano su Città del Messico ma nessuno sembrava rendersene conto. L’aria diffuse il veleno attraverso le strade e le finestre aperte. Tu avevi appena mangiato e stavi vedendo alla tele i cartoni animati. ⋯
Rivedere il sole generoso ed esser libero
16% Egon SchieleSchiele Art
Ho visto i viali di eterna primavera e prima la tempesta infuriare, e ho dovuto prendere commiato, staccarmi di continuo da tutti i luoghi della vita. Le pianure i primi giorni m’erano d’intorno; allora sentivo e già fiutavo i mirabiis, i giardini muti, g⋯
Atole
15% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Vidi Mario Santiago e Orlando Guillén i poeti perduti del Messico che se la ridevano alla grande Nei murali di una nuova università chiamata inferno o qualcosa di simile a una specie di inferno pedagogico Ma vi assicuro che la musica in sottofondo era que⋯
L’amore non oscura ciò che ama
15% Christian Bobin
Non l’oscura perché non cerca di prenderlo. Lo tocca senza prenderlo. Lo lascia andare e venire. Lo guarda allontanarsi con un passo così felpato che non lo si sente spegnersi: elogio del poco, lode del debole. L’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi viene, l’amore va. A suo tempo, mai ⋯
Le acque torbide
15% Giovanni SorianoPercorsi
Là dove tanti, discettando di “animo umano”, vedono – non senza orgoglio – un insondabile abisso, io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi trovo una semplice palude; e se, in effetti, non è possibile scorgerne il fondo, non è perché le sue acque siano troppo profonde, ma perché son torbide.