Figlio di Gea Dea primigenia della Terra, nata dal Caos, generò da sola Urano e il Ponto. Veniva venerata come divinità della terra e dei morti, considerato che i morti ritornano alla terra. Era raffigurata a mezza figura uscente dal suolo.... Leggi e del Pònto. Padre di Iride Figlia di Taumante e Elettra, sorella delle Arpie. Personificazione dell'arcobaleno e messaggera degli dei. Fu inviata da Era a sobillare la rivolta delle donne troiane che, in Sicilia, incendiarono la flotta di Enea. Per i romani rappresenta la Fama.... Leggi e delle ArpieMostri con testa, busto e braccia di donna e il resto del corpo di uccelli rapaci con ali e artigli. Erano figlie di Taumante e di Elettra. Esse ricorrono anche nella legenda degli Argonauti che le misero in fuga. I loro nomi erano Celeno... Leggi avute dalla sua unione con l’Oceanina Elettra 1) figlia di Oceano e Teti, fu madre delle Arpie e di Iride generate con Taumante; 2) una delle Pleiadi amata da Zeus, ebbe dalla loro unione Dardano, il capostipite della dinastia di Troia.... Leggi.


Crediti

   • Θαῦμας •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Divinità marina, appartiene alle forze primordiali della cosmogonia. Figlio di Pontos (Mare) e di Gaia, la Terra (Hesiod. Theog 237-39), fratello di Nereo. Genera, da Elettra, Iride e le Arpie (Apollod. Bibl. 1, 2, 6).
Una “genealogia” etimologica collega già in Platone (Theaet. 155 d) questo nome con la nozione di θαῦμα, “meraviglia”: Iride sarebbe figlia della “meraviglia”, cioè di Taumante; e in effetti sembra la piú probabile (Bechtel, Personennamen p. 199), nel senso di “splendido”, “che ispira meraviglia”, cfr. Θαύμων, piuttosto che “prodigio, mostro marino” (“sea wonder”), come vorrebbe Room, s. v. Le proposte di collegarlo con la nozione di “colare”, ie. dheu-, ant. ind. dhāuti “fonte”, e dunque con l’elemento acquatico (Carnoy, DEMGR s. v.), non sembrano necessarie.


Crediti

   • Θαῦμας •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Senso di meraviglia
18% Gilbert Keith ChestertonSchiele Art
La dignità dell’artista sta nel suo dovere di tener vivo il senso di meraviglia nel mondo.
L’uomo è un animal metaphisicum
17% Arthur SchopenhauerFilosofia
Nessun essere, eccettuato l’uomo, si stupisce della propria esistenza, essa è per tutti così naturale, che nessuno ci bada. E la sua meraviglia è tanto piú seria in quanto essa si trova per la prima volta consapevolmente di fronte alla morte, e comprende ⋯
Gli intralci dell’espressione
15% Emil CioranLinguaggio
Dal momento stesso in cui una donna si vota alla filosofia, diviene presuntuosa e aggressiva, e reagisce da parvenue. Arrogante e tuttavia incerta, visibilmente sbalordita, non si trova al sicuro nel suo elemento. Come mai il disagio che ispira il suo cas⋯
Dove la parola ci abbandona
14% Jeffrey Moussaieff MassonLinguaggio
Molti stati mentali complessi si trasmettono meglio con gesti che con frasi, mentre altri sembrano sottrarsi completamente al linguaggio verbale. I tentativi di comunicare sentimenti sottili o elusivi lasciano in tutti noi un senso di inadeguatezza del li⋯
Riconoscere di non sapere
14% AristoteleFilosofia
Gli uomini hanno cominciato a filosofare, ora come in origine, a causa della meraviglia: mentre da principio restavano meravigliati di fronte alle difficoltà più semplici, in seguito, progredendo a poco a poco, giunsero a porsi problemi sempre maggiori: p⋯