Creature ibride cretesi, poi diffusesi a Cipro e Rodi, i Telchini erano originariamente delle divinità marine: avrebbero allevato e nutrito Poseidone, affidato loro da Rea. Una volta cresciuto, il dio si innamorò di Alia, dea del mare e sorella dei Telchini, e ne generò sei figli maschi ed una femmina, Rodo, da cui prese il nome l’isola di Rodi (Diod. Sic. 5, 55).
Secondo Nonno di Panopoli (Dionys. 24, 114), invece, questi esseri erano i figli di Poseidone, ai quali il dio affidò il compito di trainare il suo carro. Nati anfibi, privi di mani e piedi, dotati di una vista acutissima, di occhi azzurri e spesse sopracciglia, essi furono successivamente identificati con delle creature malvage e invidiose abitanti sotto terra, legate alla coltivazione ma anche dotate di straordinari poteri: erano in grado di mutare di aspetto, maneggiavano filtri magici, dominavano i fenomeni atmosferici e furono gli inventori della metallurgia e delle tecniche ad essa connesse. Avrebbero anche inventato la falce usata da Crono per evirare il padre Urano (Diod. Sic. 5, 55-56; Svet. Περὶ βλασφημιῶν 4, 49).
Svetonio tramanda che erano tre, chiamati Oro, Argento e Bronzo, in ricordo del materiale scoperto da ciascuno, e che furono uccisi dalla pioggia di Zeus o dalle frecce di Apollo (Svet. loc. cit.). Con l’epiteto di “Telchinio” erano onorati presso alcuni popoli greci Apollo, Era, Atena e le Ninfe (Pausan. 9, 34, 2; 19, 1).
Una prima ricostruzione etimologica di questo nome viene da Svetonio (loc. cit.), che tramanda un altro appellativo diffuso per indicare queste creature, Thelgines, che deriverebbe dal verbo greco θέλγω, “incantare, ammaliare”, con riferimento alla loro natura stregonesca. In effetti si è evidenziato lo stretto legame esistente tra i Telchini e le Sirene, altre creature magiche e pericolose. (Cfr. D. Musti, I Telchini, le Sirene Figlie del dio fluviale Acheloo e della Musa Calliope. Erano le messaggere di Persefone. Il loro compito era quello di fare entrare le anime dei defunti nell'Ade addolcendogli il passo col loro canto. Erano figurate come uccelli con la testa e il torso di... Leggi. Immaginario mediterraneo e letteratura da Omero a Callimaco al romanticismo europeo, Pisa 1999).

Crediti
   •  Τελχῖνες  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Destini familiari sul finire del secolo
21% August StrindbergSchiele Art
Negli anni Ottanta la spiegazione zoologica del mondo, o filosofia veterinaria, non aveva quantomeno affinato gli animi, né ciò si poteva pretendere; e inselvatichirsi un po’, ogni tanto, è solo riposo. Le parole d’ordine erano: lotta, lotta su tutto; arr⋯
Esaurire la materia
21% Philip RothSchiele Art
Che gli uomini fossero creature multiformi non era una novità per lo Svedese, anche se era sempre un po’ uno choc doverlo constatare nuovamente ogni volta che qualcuno ti dava una delusione. Ciò che lui trovava stupefacente era il modo in cui gli uomini s⋯
A un occhiello sanguinava un garofano
19% Jorge Luis BorgesLibri
Tutto cominciò per il sospetto (forse esagerato) che gli Dei non sapessero parlare. Secoli di vita randagia e ferina avevano atrofizzato quanto avevano di umano; la luna dell’Islam e la croce di Roma erano state implacabili con quei profughi. Fronti basse⋯
Armonico assolo
19% FrammentiWilliam Shakespeare
L’identità non era equivalenza: con la loro natura, unica pur sotto un duplice nome, esse non contavano né per uno né per due. La ragione, confusa da se stessa, vedeva l’unione nella loro divisione; assorbita l’una nell’altra, distinta una dall’altra, que⋯
Il mito degli Androgini
18% AristofaneMitologia
È il mito delle due metà raccontato da Aristofane, che era uno dei commensali nella cenetta (simposio) che Platone organizzava tra i suoi amici. Si lavavano le mani, si mangiava, si beveva del nettareBevanda degli dèi, che dava l'immortalità a chi la beveva.... Leggi (sciroppo di vino – una volta era molto denso e dolce)⋯