Figlio di Ulisse Il vero nome di questo eroe era Odisseo, nome dal significato formidabile datogli dal nonno. Ulisse che significa Lo zoppo in riferimento alla ferita riportata alla coscia in una battuta di caccia, fu l'epiteto che i romani preferirono usare per questo personaggio. Figlio di... Leggi e di Circe CirceFamosa maga che abitava l'isola Eèa, la sua storia è largamente narrata nell'Odissea. Ulisse scampato alla tempesta approdò nell'isola della maga. Quando i suoi uomini andarono ad ispezionare l'isola incontrarono la maga che diede loro del cibo stregato che li tramutò in porci. Solo... Leggi. Così come aveva vaticinato Tiresia Indovino tebano al quale vengono attribuite le più strane avventure. Un giorno mentre era sul monte Citerone gli capitò di vedere due serpi avvinghiate e uccidendo la femmina fu nello stesso punto mutato in donna e divenne una prostituta rinomata, sette anni dopo nello... Leggi fu parricida inconsapevolmente.
Inviato da Circe alla ricerca di Ulisse per farsi da lui conoscere, approdò ad ItacaPiccola isola greca del mare Ionio, al largo della costa epirota. Ne era signore Ulisse che vi tornò dopo un viaggio di dieci anno seguito alla distruzione di Troia.... Leggi e per sfamare l’equipaggio della sua nave sfornita di viveri cominciò a devastare la campagna, provocando l’intervento di Ulisse che fu da lui ferito a morte. Ulisse morente ricordando la predizione di Tiresia si fece condurre davanti lo straniero e così ebbe la spiegazione del tragico evento. Atena AtenaEra figlia di Zeus e di Metis. Così come aveva fatto Crono anche Zeus divorò la moglie incinta in modo di avere sempre con sè la consigliera. finita la gestazione Zeus avrebbe partorito la figlia dalla testa. Efesto funse da ostetrico spaccandogli la testa... Leggi accorsa inutilmente in aiuto del suo protetto non potè fare altro che confortarlo e convincerlo ad arrendersi ai voleri del FatoDivinità superiore agli dèi, alla quale nessuno può sfuggire e disubbidire. Gli dèi altri non erano che dei collaboratori del Fato e nulla potevano fare per cambiarne le decisioni. I Greci personificarono il Fato, nelle Moire. I Romani nelle None e Decume.... Leggi. Morto Ulisse, Atena volle che Telegono sposasse Penelope Originaria di Sparta, era la moglie di Ulisse di cui per venti anni (dieci di guerra e dieci per il ritorno) attese il ritorno. Assediata da una schiera di pretendenti, seppe tenerli astutamente a bada con la scusa di voler prima terminare di tessere... Leggi, dalla quale ebbe ItacoEroe di Cefalonia, figlio di Pterelao e Anfimede, fratello di Nerito e (forse) Polittore (Hom. Od. 17, 205-207); i primi due fabbricarono la fonte che scorreva lungo la via dagli allevamenti di maiali di Eumeo al palazzo. Secondo gli Schol. Hom. ad loc. fu... Leggi che fu fondatore di Preneste e di Tuscolo.


Crediti

   • Τηλέγονος •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Nome di diversi personaggi: 1. un figlio di Proteo, ucciso con il fratello Poligono da Eracle (Apollod. Bibl. 2, 5, 9); 2. il re dell’Egitto che sposò Io (Apollod. Bibl. 2, 1, 3); 3. il piú celebre, figlio di Odisseo e di Circe (Apollod. Epit. 7, 16), “nato lontano”, in contrapposizione al fratellastro Telemaco Figlio di Ulisse e di Penelope. Quando il padre partì per la guerra di Troia, Telemaco era appena nato, poi, mentre Ulisse era tenuto lontano da Itaca dall'odio di Poseidone, tenne a bada i pretendenti della madre e si mise in viaggio per raccogliere... Leggi nato ad Itaca.
È formato da τῆλε-, “lontano” (*kwel-) e dal verbo γίγνομαι, “nascere”. Questo nome, a differenza di quello del fratello (cfr. Telemaco), non è un epiteto del padre.


Crediti

   • Τηλέγονος •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Dono della morte
19% Juana Rosa PitaPoesieSchiele Art
Se davvero Ulisse muto rimane davanti all’aurora e le stanze restano vuote allora Itaca non è nemmeno un desiderio: Penelope non esiste e tutto il suo tessuto è un dono della morte ad esaltare la mia solitudine • Juana Rosa Pita • • • • • Egon Schiele • •⋯
Tu non sei Odisseo
17% FrammentiOmero di Chio
Così dicendo baciò il figlio e per le guance il pianto a terra scorreva: prima l’aveva frenato. Telemaco – poiché non ancora credeva che fosse il padre – gli disse di nuovo, rispondendo, parole: . «No, tu non sei OdisseoFiglio di Laerte e Anticlea (Hom. Od., passim). Le interpretazioni degli antichi sono diverse: già nei poemi omerici, questo nome è riportato al verbo *ὀδύσ(σ)ομαι, "essere arrabbiato, adirato con qualcuno, odiare"; il nome sarebbe il ricordo di un fatto sgradevole e doloroso, accaduto prima... Leggi, non sei il padre mio, ma m’incant⋯
Il giudizio di Paride
16% MediaMitologiaSergio Parilli
Quando Afrodite AfroditeDea greca dell'amore, i romani la identificarono in Venere. In occidente il culto della dea ebbe il suo maggior centro in Sicilia ad Erice dove esisteva un tempio dedicato a Tanit. Si praticavano riti di fecondità e la prostituzione sacra. Dalla Sicilia il culto... Leggi, la dea dell’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi e della bellezza, arrivò all’OlimpoEra la montagna sulla quale gli dèi avevano la loro sede. È alta tremila metri e fa parte alla catena montuosa che si estende tra la Tessaglia e la Macedonia. Con la sua cima ricoperta di nevi in inverno è nella sua base prosperoso... Leggi tutti gli dèi la accolsero con un applauso, solo due dee non si unirono a quell’applauso: Hera Antica divinità lunare venerata ad Argo; più tardi, ma molto prima di Omero, considerata regina del cielo. Come tale la si ritenne figlia di Crono e di Rea, fu la terza ad essere stata ingoiata dal padre. Fu madre di Ares, di Ilizia, di... Leggi ed Atena. Le due dee erano gelose della bellezza di Afrodite, fino ad allora erano loro l⋯
Oh! Sibila Circe urlante
16% AnonimoSchiele Art
Dove ebbe inizio qualcosa di grande, l’unico mondo gli divenne simile: Dio era privo di tutto. Io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi corsi là, lo sentii, lo fiutai. Così Tu sei -, orecchio, vento, bocca, così è per Te ciò che è forma. Oh! Sibila Circe urlante, spalanca le tue gambe. La tem⋯
L’albero di Briscollai
15% Salvatore SattaSchiele Art
Non c’è il minimo dubbio che Pietro Catte in astratto non sia una realtà, come non lo è alcun altro uomo su questa terra: ma il fatto è che egli è nato ed è morto, lo attestano quegli irrefutabili atti, e questo gli dà una realtà nel concreto, perché la n⋯