Padre di ProtooNome di diversi eroi, fra cui: 1. nella forma contratta, Πρόθους, col fratello Comete, uno dei partecipanti alla caccia al cinghiale Caledonio, figlio di Testio e fratello di Altea (Pausan. 8, 45. 5), zio materno di Meleagro; 2. uno dei figli di Agrio 2.,... Leggi 3., re dei Magneti che abitavano presso il fiume PeneoFiume dell'Elide, nel Peloponneso. Con le sue acque e con quelle dell'Alfeo Eracle ripulì le stalle di re Augia.... Leggi in Tessaglia, Hom. Il. 2, 756.
Sembra essere un nomen agentis in -ηδών, da un tema *τερ-θρεϜ- con raddoppiamento e dissimilazione, τεν-θρεϜ-, probabilmente di sostrato pregreco (cfr. ἀνθρηδών, “ape”). Dovrebbe significare “rumoroso”, “che ronza come una vespa o un calabrone”, cfr. l’insetto omonimo, Aristot. Hist. an. 9, 43, 2 (623 b); Von Kamptz § 59 a, p. 159.

Crediti
   •  Τενθρηδών  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Sono un insetto
14% EstrattiFranz Kafka
Una mattina Gregorio Samsa, destandosi da sogniSono i figli di Sonno, essi sono: Morfèo, Fobètore e Fantàso.... Leggi inquieti, si trovò mutato, nel suo letto, in un insetto mostruoso. endwrap=””] • Franz Kafka • • • • • Pinterest • •
Natura è tutto quello che sappiamo
13% Emily DickinsonPoesieSchiele Art
“Natura” è tutto ciò che noi vediamo: il colle, il pomeriggio, lo scoiattolo, l’eclissi, il calabrone. O meglio, la natura è il paradiso. Natura è tutto ciò che noi udiamo: il bobolink, il mare, il tuono, il grillo. O meglio, la natura è armoniaFiglia di Ares e di Afrodite, fu moglie di Cadmo dal quale ebbe moltissimi figli. Alle sue nozze ebbe parecchi doni dagli dèi tranne che da Era. Scacciati dai sudditi da Tebe andarono nell'Illiria dove furono mutati in draghi. Armonia è la protettrice della... Leggi. Natura è⋯
Tu calabrone ed io la rosa
13% Marguerite YourcenarPercorsi
Tu calabrone ed io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi la rosa tu la spuma e io la roccia; nella strana metamorfosi, tu la Fenice1. Nome di uno dei figli di Agenore, eponimo dei Fenici (Apollod. Bibl. 3, 1, 1); 2. altro personaggio con questo nome è un compagno di Achille, figlio di Amintore, re d'Eleone in Beozia (Apollod. Bibl. 3, 13, 8); cacciato dal padre, si rifugiò... Leggi, io il rogo. Tu, il Narciso Figlio della ninfa Lirìope e del dio fluviale Cefìso. Ragazzo dalla bellezza indescrivibile. Di lui si innamorò la ninfa Eco, lui non volle corrisponderla e la povera ninfa si ridusse a un'ombra e non rimase altro che la voce. Nemesi la dea che puniva... Leggi, e io la fonte; i miei occhi che riflettono la tua emozione; tu il tesoro ed io la borsa; io l’onda e il nuotatore in me. E tu, il la⋯
Senza movente personale
11% AforismiFilosofiaFriedrich Nietzsche
Nessun uomo ha fatto mai qualcosa solo per gli altri e senza alcun movente personale; anzi, come dovrebbe egli poter fare qualcosa che fosse senza riferimento con lui, cioè senza intima necessità (che dovrebbe tuttavia avere la sua ragione in un bisogno p⋯
La persora seria
11% Fëdor DostoevskijLibri
Non soltanto non ho saputo essere cattivo, ma non ho saputo essere niente di niente: né cattivo né buono, né canaglia né galantuomo, né eroe né insetto. E adesso passo i miei giorni qui nel mio cantuccio, burlando me stesso con la maligna e del tutto inut⋯