Due sono i personaggi col nome di Teti;
1) una è Tethys che fu sposa di OceanoSecondo Esiodo era figlio di Urano e di Gea. Invece per Omero, Oceano è il principio di tutte le cose. Egli è un dio fluviale con la particolarità di circondare tutte le terre e di sorgere da sè stesso e ritornare in sè stesso.... Leggi e madre dei fiumi e delle Oceanine Figlie di Oceano e di Teti, sembra che fossero tremila, eccone un breve elenco: Acaste, Anfiro, Asia, Admeto, Calliroe, Clitia, Criside, Calipso, Cherchide, Climene, Dione, Dori, Elettra, Eudora, Europa, Eurinome, Galaxaura, Ianira, Iante, Ippo, Idia, Meti, Melobosi, Menesto, Ociroe, Plexaura, Polidora, Pito, Primno, Perside,... Leggi.
2) L’altra è Thetis (una oceanina) detta anche TetideUna delle numerose Nereidi, figlia di Nereo e di Doride; sposa di Peleo e madre di Achille, è una divinità minore legata al mondo marino. Ha un ruolo importante in tutta l'Iliade, dal primo all'ultimo canto, in cui cerca di aiutare e proteggere suo... Leggi, figlia di NereoIl "vecchio del mare", figlio di Gea e di Ponto, personificazione maschile del Mare. Dalla sorella e sposa Doride ebbe cinquanta figlie, le Nereidi. Come altre divinità marine, aveva la prerogativa di predire il futuro e di sapersi trasformare apparendo sotto diverse forme.... Leggi e di DorideFiglia di Oceano e Teti, fu sposa di Nereo e madre delle Nereidi. Nella poesia latina, la personificazione dell'acqua salsa.... Leggi e perciò nipote di Tethys. Thetis accolse il piccolo Efesto EfestoDio del fuoco e fabbro della mitologia greca, era l'equivalente del dio Vulcano dei Romani. Siccome Zeus aveva generato Atena senza partecipazione femminile, facendola nascere dalla sua testa, Era ingelosita volle fare altrettanto e così senza avere contatto con uomo, generò Efèsto, ma nacque... Leggi quando fu gettato dalla madre dall’OlimpoEra la montagna sulla quale gli dèi avevano la loro sede. È alta tremila metri e fa parte alla catena montuosa che si estende tra la Tessaglia e la Macedonia. Con la sua cima ricoperta di nevi in inverno è nella sua base prosperoso... Leggi. Thetis sposò Peleo Figlio di Eaco signore di Egina. Cacciato dal fratello Teseo, si era rifugiato in Tessaglia, dove però aveva ucciso accidentalmente il re Eurizione. Andò allora a Iolco e si unì agli Argonauti nella spedizione per la conquista del vello d'oro. Aveva sposato la divina... Leggi e dalla loro unione nacque Achille Figlio di Peleo, re dei Mirmidoni e della Nereide Teti. È consacrato come l'eroe per antonomasia. Quando nacque, Teti per renderlo immortale lo immerse nelle acque del fiume Stige tenendolo per i talloni rimanendo così l'unica parte vulnerabile dell'eroe. La Nereide informata dall'oracolo che... Leggi, Efesto per sdebitarsi forgiò l’armatura del pelide.


Crediti

   • Τηθύς •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Teti a cavallo di un ippocampo con lo scudo di AchilleDue sono i personaggi di nome Teti, o meglio, sono due in italiano, in greco sono distinte in Tethys e Thetis.
Per evitare confusioni si è distinto chiamando una Teti e l’altra Tètide (Θέτῐς) bisogna ricordare sempre chi è Teti e chi Tètide.
Tethys (Τηθύς), era una Titanessa figlia di UranoFiglio e sposo di Gea, padre dei Titani, dei Ciclopi e degli Ecatonchiri. Il figlio Crono per spodestarlo si armò di una falce e nascostosi evirò Urano mentre stava per accoppiarsi con Gea; dal sangue uscito Gea concepì le Erinni, i Giganti e le... Leggi e di Gea Dea primigenia della Terra, nata dal Caos, generò da sola Urano e il Ponto. Veniva venerata come divinità della terra e dei morti, considerato che i morti ritornano alla terra. Era raffigurata a mezza figura uscente dal suolo.... Leggi, sposa di Oceano, madre dei fiumi e delle Oceanine.
Thetis, (Tètide) era figlia di Nereo e di Doride, quindi nipote di Tethys (Teti), e sorella di LicomedeNome del re dei Dolopi, abitanti dell'isola di Sciro, che nascose Achille presso le proprie figlie (Apollod. Bibl. 3, 13, 8). Potrebbe essere un composto di λύκος, "lupo" e del verbo μήδομαι, "meditare, preparare, avere in mente", frequente come secondo membro di composti; significherebbe... Leggi re di Sciro, era la più bella delle Nereidi Le cinquanta figlie del dio Nereo, Ninfe marine del Mediterraneo, distinte dalle Naiadi, che erano le Ninfe delle acque dolci, e dalle Oceanine, Ninfe dell'Oceano. La più celebre delle Nereidi fu Tetide, madre di Achille. Offese da Cassiopea, le Nereidi furono vendicate da Poseidone... Leggi. Thetis accolse il piccolo Efesto quando fu gettato dalla madre dall’Olimpo, e fu essa che sposò Peleo e dalla loro unione nacque Achille, Efesto per sdebitarsi forgiò l’armatura del pelide. È lei che quando il figlio Achille angustiato da Agamennone Figlio di Atrèo (re di Micene) e di Erope (secondo altre fonti nipote di Atrèo) spodestato del trono da Egisto si rifugiò insieme col fratello Menelao a Sparta presso la corte di Tindarèo, e ne sposò la figlia Clitennestra. Scacciato l'usurpatore dal trono di... Leggi per la sottrazione della bella Briseide Βρῑσηίς, figlia di Brise e amatissima schiava di Achille. Ovidio nella terza lettera delle Eroidi fa scrivere a Brisèide delle bellissime e struggenti parole al suo amato. Eccone un breve esempio: Questa lettera che leggi ti giunge da Briseide, la donna a te rapita:... Leggi, va in riva al mare a sfogarsi apparendogli gli domanda:
Teti

Figlio, a che piangi? e qual t’opprime affanno?
Dì, non celarlo in cor; meco il dividi. (IliadePoema epico dell'antica civiltà greca, del sec. VIII a.C. composto da Omero, in 24 canti o libri di complessivi 15.693 esametri in dialetto jonico. Racconta i fatti dell'ultimo mese e mezzo della decennale guerra di Ilio o Troia; il sorgere dell'ira di Achille verso... Leggi I).
E saputo il fatto subito va sull’Olimpo da Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi:
Innanzi a lui
la Dea s’assise; colla manca strinse
le divine ginocchia; e colla destra
molcendo il mento, e supplicando, disse:
Giove ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi padre, se d’opre e di parole
giovevole fra’ numi unqua ti fui,
un mio voto adempisci.

Col cuore amareggiato di madre chiede a Zeus di volgere la guerra a favore dei troiani in modo da fare un dispetto ad Agamennone.
Il sommo dio acconsente per poi ricambiare nuovamente le sorti quando Achille addolorato ed infuriato per la morte dell’amicoFiglio di Poseidone, grande pugile e re dei Bebricioni. Col suo popolo abbandonò la Tracia per stabilirsi in Bitinia, dove allettando le genti con giochi e pubblici divertimenti, le attirava in una foresta dove le derubava ed uccideva. Amico fu ucciso da Polluce e... Leggi Patroclo Amico di Achille. Lo seguì a Troia e combatté al suo posto quando Achille, sdegnato contro Agamennone, si rifiutava di aiutare i Greci. Scambiato dai Troiani per Achille, capovolse le sorti della battaglia ma rimase ucciso da Ettore... Leggi riprende la battaglia.


Crediti

   • Τηθύος •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Dea primordiale, sorella maggiore di Crono, appartiene alla prima generazione di Titani nati da Gaia e da Urano. Sposa del proprio fratello Oceano, genera con lui le innumerevoli Ninfe Oceanine (3.000) e 3.000 Fiumi; Hes. Theog. 133-136 e 337-363; Hom. Il. 14, 201-202, 302-303, con varianti; Acusil. Fr. 1 Fowler; Apollod. Bibl. 1, 1, 3; 1, 2, 2. Facile l’accostamento a τήθη, “nonna” o τηθίς, “zia”, anche τίτθη, “nutrice, zia”, trattandosi di una dea che generò moltissimi figli e figlie. Si può evocare anche τήθυον, sorta di mollusco marino, forse “ostrica” (Frisk, G.E.W. s v. τήθεα). Non va confusa con Θέτις, Tetide, la Nereide madre di Achille. Non sono mancati tentativi di evocare divinità mesopotamiche dell’acqua primordiale, come la coppia Apsu e Tiamat (fin dal sec. XIX; Burkert, Orientalizing Revolution, 1992, pp. 91-93; West, The East FaceSorella di Ulisse. of Helikon, 1997, p. 147).


Crediti

   • Τηθύς •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Camerata Kesselring
17% Piero CalamandreiPolitica
Albert Kesselring era il comandante delle forze di occupazione tedesche in Italia. Nel 1947 fu processato per crimini di guerra e fu condannato a morte. La condanna fu poi commutata nel carcere a vita. Nel 1952 fu liberato per via delle sue condizioni di ⋯
Il giudizio di Paride
16% MediaMitologiaSergio Parilli
Quando Afrodite AfroditeDea greca dell'amore, i romani la identificarono in Venere. In occidente il culto della dea ebbe il suo maggior centro in Sicilia ad Erice dove esisteva un tempio dedicato a Tanit. Si praticavano riti di fecondità e la prostituzione sacra. Dalla Sicilia il culto... Leggi, la dea dell’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi e della bellezza, arrivò all’Olimpo tutti gli dèi la accolsero con un applauso, solo due dee non si unirono a quell’applauso: Hera Antica divinità lunare venerata ad Argo; più tardi, ma molto prima di Omero, considerata regina del cielo. Come tale la si ritenne figlia di Crono e di Rea, fu la terza ad essere stata ingoiata dal padre. Fu madre di Ares, di Ilizia, di... Leggi ed Atena AtenaEra figlia di Zeus e di Metis. Così come aveva fatto Crono anche Zeus divorò la moglie incinta in modo di avere sempre con sè la consigliera. finita la gestazione Zeus avrebbe partorito la figlia dalla testa. Efesto funse da ostetrico spaccandogli la testa... Leggi. Le due dee erano gelose della bellezza di Afrodite, fino ad allora erano loro l⋯
Amare nell’altro
15% AforismiFriedrich NietzscheSchiele Art
Di solito la madre, più che amare il figlio, si ama nel figlio. • Friedrich Nietzsche • • • • • Egon Schiele • Madre e Figlia, 1913 •
La transizione perfetta
15% AnonimoIdee
Ogni transizione è un passaggio tra due limiti o confini. A quale punto della transizione siamo dall’altra parte? Quando passiamo la metà? Ma… quando passiamo effettivamente la metà? La transizione, come tutto ciò che ha a che fare con la percezione del⋯
La giustizia non è ritorsione
15% Dacia MarainiPercorsi
I destini familiari si ripetono attraverso le generazioni, quasi una fatalità che si tramanda da padre in figlio, da madre in figlia. Non so se sia una maledizione o una benedizione. Le donne come natura sono uguali agli uomini, ovvero capaci di fare il m⋯