1. Nome di un Troiano, figlio del dio-fiume Scamandro (Apollod. Bibl. 3, 12, 1, 139). 2. Figlio di Telamone, fratellastro di Aiace (Hom. Il. 6, 31; 8, 283 e passim).
Chantraine (DELG, s. v. τεύθριον) ritiene l’etimologia di questo nome oscura. Blümel (“Indog. Forsch.” 43, 1925-1926, pp. 271 ss.) suppone che in origine non ci fosse nessun nome proprio, piuttosto un nome comune, un appellativo, e che significasse “figlio di concubina, bastardo” (indoeuropeo *teuk o teuka, “concubina”) (cfr. TecmessaDonna con cui Aiace convisse a Troia, figlia del re frigio Teleuta. L'ipotesi che l'originaria κ in Τεῦκρος sia diventata χ in τεῦχρος (cfr. Teucro) vale anche per questo nome, nel caso che sia indoeuropeo e la radice teuk o teuka, "concubina" comprenda anche... Leggi). Questa spiegazione sarebbe confermata da Esichio: τεῦχρος· ἀδελφὸς νόθος. La -χ in τεῦχρος di fronte alla -κ in Τεῦκρος crea certamente delle difficoltà. Si potrebbe pensare ad una voce non greca, che i Greci avrebbero tradotto poi con κ o χ. Carnoy (DEMGR) rifiuta questa interpretazione perché non si adatta all’insieme di personaggi che portano questo nome. Frisk (Gr. Et. Wört.) ritiene incerta la derivazione da τόξον e il significato di “arciere”. Kurtheim (in Roscher, Myth. Lex. V col. 418) propone di derivare questo nome da τυγχάνειν nel senso di “colpire” perché Teucro era un buon arciere. Carnoy (DEMGR) fa derivare il nome dal pelasgico deuk-, “condurre”, cosicché significherebbe “capo di esercito”. Oppure pensa all’indoeuropeo tu-gho, “nero”, ipotesi improbabile e poco motivata.

Crediti
   •  Τεῦκρος  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
L’Oriente e i Greci
18% FilosofiaFriedrich Nietzsche
Ci si è applicati con zeloPersonificazione dell'invidia (greco ζῆλος), figlio di Stige, fratello di Nice, Crato e Bia (Hesiod. Theog. 383-385). Probabile la derivazione dal radicale di δίζημαι, ζητέω, "perseguire, cercare"; forse da mettere in relazione col greco ζημία, "danno, perdita, riparazione" (Chantraine, DELG, s. v). Dal greco ζῆλος,... Leggi, senza dubbio, per indicare tutte le cose che i Greci avrebbero potuto trovare e imparare nei paesi stranieri dell’Oriente, e tutte le cose che avrebbero realmente prese di laggiù. Si è visto così uno spettacolo curioso, poiché ⋯
La fissazione del rischio è per sempre?
15% Alain BadiouPercorsi
Tutti sanno che decidere la fine di un amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi è sempre un disastro, quali che siano le ottime ragioni che si mettono avanti. Sappiamo dunque intimamente che se l’amore è sempre l’“Io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi ti amo”, allo stesso modo è “Io ti amo per sempre”. Non abbiamo paura del⋯
Inferno
15% Alberto MaggiMitologia
La parola inferno fa andare in crisi coloro che studiano teologia o la Sacra Scrittura e che sono abituati a parlare di inferno, perché non la trovano nel dizionario biblico. Nella Bibbia non c’è né la parola e neanche l’immagine dell’inferno. Nella vecch⋯
Indifferente e disorientata
15% Oliver SacksSchiele Art
Sull’aeroplano per Denver avevo letto un testo eccezionale, scritto da una bambina normale, molto dotata, di nove anni – una storia di fate da lei creata, con un meraviglioso senso del mito: tutto un mondo di magia, animismo e cosmogonie. Mentre camminava⋯
Arcate delle notti
14% Paul EluardPoesieSchiele Art
Ella si rifiuta sempre di capire, d’intendere, ride per nascondere il terrore. Ha sempre camminato sotto le arcate delle notti. E dovunque è passata ha lasciato l’impronta delle cose spezzate.