Padre dei Dioscuri DioscuriDios kuroi, significa figli di Zeus. Nella mitologia greca ci sono due coppie di gemelli a portare questo nome; Anfione e Zeto, chiamati Diòscuri tebani; Castore e Polluce i Diòscuri spartani. In ogni caso i Diòscuri cantati dai poeti per l'amore fraterno e l'inseparabilità... Leggi, di Elena Simbolo della bellezza femminile, generatrice involontaria di odio e distruzione. Nata dall'uovo di Leda assieme a Castore e Polluce e Clitennestra. Ancora undicenne viene rapita da Teseo, non avendo l'età per amare, Teseo la nasconde in un luogo sicuro in attesa che la ragazza... Leggi e di ClitemnestraSecondo la leggenda nacque assieme a Castore, Polluce ed Elena, dall'uovo che Leda aveva concepito dopo il rapporto con Zeus che si era unito a lei sotto forma di cigno. Siccome Leda la stessa notte si accoppiò col marito Tindareo, Clitennestra nacque dal seme... Leggi, marito di Leda Madre dei Dioscuri Castore e Polluce, di Clitennestra e di Elena. Figli che concepì quando Zeus la fece sua sotto le spoglie di Cigno.... Leggi.
Maresch (“Glotta” 14, 1925, p. 298 ss.) e Kretschmer (“Glotta” 30, 1943, pp. 87 ss.) vedono in questa parola un termine proto-indoeuropeo, dove ritrovano il nome etrusco di Juppiter, tin, tins, tinia. I Tindaridi allora, essendo figli di Tindaro, sarebbero in realtà figli di Zeus; -dar- era un suffisso di patronimico (come afferma Maresch): si incontra in toponimi dell’Asia Minore, per esempio Ταρκόνδαρα, Βρυγίνδαρα (con significato non chiaro). Tindaro è niente piú che un nome, la sua presenza come “padre umano” nella saga dei Dioscuri (si noti che anche Dios-kouroi significa “figli di Zeus”) non è indispensabile. Carnoy (DEMGR), identificando Tindaro con Zeus, propone la derivazione dalla radice di tundo, “colpire” o di (s)ten, “tuonare” (latino ton-itra), perché Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi lancia il fulmine.

Crediti
   •  Τυνδάρεως  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Lingua essenziale
15% Giovannino GuareschiLinguaggio
Il latino è una delle cose più pulite che esistano al mondo. Leggendo un testo latino non si troverà una parola non necessaria, una parola inutile. Neppure è vero che il latino non serva a nulla e sia una lingua morta. Il fatto che non lo si parli più è d⋯
La miscredenza
13% Albert CaracoPercorsi
Quando gli uomini si persuaderanno che i loro figli saranno più infelici di chi li ha generati e i figli dei loro figli ancora più infelici, quando si persuaderanno che non vi è più rimedio nell’universo, che la scienza non farà miracoli e che il cielo è ⋯
Felice chi è diverso
12% Sandro PennaSchiele Art
Felice chi è diverso essendo egli diverso. Ma guai a chi è diverso essendo egli comune. • Sandro Penna • • • • • Egon Schiele • •
Figli della brama
12% Khalil GibranSchiele Art
I vostri figli non sono i vostri figli. Sono i figli e le figlie della brama che la Vita ha di sé. Essi non provengono da voi, ma per tramite vostro, e benché stiano con voi non vi appartengono.
In che cosa crede, di preciso?
12% Emmanuel CarrèreSchiele Art
A forza di girare attorno a questo libro, mi sono accorto che è molto difficile far parlare le persone della loro fede, e che la domanda «in che cosa crede, di preciso?» è una domanda sbagliata. Del resto, anche se per arrivarci ci ho messo un bel po’, al⋯