1. Figlio di Oreste; 2. altro personaggio con questo nome è il figlio di Tersandro e di Demonassa (Pausan. 9, 5, 15).
Questo nome si interpreta come “figlio di colui che ha esercitato la vendetta” dal verbo τίνω (Sulzberger, “Rev. Ét. Gr.” 39, 1926 pp. 384-447).

Crediti
   •  Τισαμενός  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
La non vendetta
16% AforismiJohann Wolfgang GoetheSchiele Art
La vendetta più crudele è il disprezzo di ogni vendetta possibile. • Johann Wolfgang von Goethe • • • • • Egon Schiele • •
Per non essere venuto venne
15% PercorsiSebastiano Vassalli
C’è un personaggio nella storia del mondo, in nome del quale molte cose si dissero e molte altre si compirono, e che in quel nulla fuori dalla mia finestra è assente come è assente ovunque, o forse è lui stesso il nulla, chi può dirlo! È lui l’eco EcoNinfa dei boschi e delle sorgenti. Con Pan generò Lince. Dotata di grande parlantina Zeus, si serviva di lei per trattenere la gelosa Era, ogni volta che s'incapricciava di qualche donna. Era apprezzava molto la ninfa, finché accortasi della presa in giro, la punì... Leggi di tutt⋯
L’amore confinato
14% AforismiFriedrich NietzscheSchiele Art
L’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi per uno solo è barbarie, poiché viene esercitato a scapito di tutti gli altri. Anche l’amore verso Dio.
L’accettazione della finzione
13% Anna Maria TocchettoSocietà
La Bibbia, non è un’opera di finzione in se stessa, poiché qualcuno, vi si è riversato scrivendola; dio non è mai esistito, ma questo non significa negare che sia esistito in un’opera di finzione e che come tale possa essere oggetto di discorso. Proprio p⋯
Oh vana gloria de l’umane posse!
13% Home
Oh vana gloria de l’umane posse! com’ poco verde in su la cima dura, se non è giunta da l’etati grosse! Credette Cimabue ne la pittura tener lo campo, e ora ha Giotto il grido, sì che la fama di colui è scura. Così ha tolto l’uno a l’altro Guido la gloria⋯