I Titani erano delle divinità antichissime, tanto antiche che presso i Greci non avevano più culto, fatta eccezione per Elio Dio greco del sole, nato da Iperione e Eurifaessa. ... Elio, tu figlia di Zeus, Musa Calliope, canta: il dio luminoso, che al figlio di Gea e di Uranio stellato Eurifaessa generò: si congiunse infatti Iperione con Eurifaessa, sua gloriosa sorella... (XXXI Inno omerico... Leggi e Crono I latini lo identificarono con Saturno, era il più giovane dei Titani. Sua sposa fu Rhea (Opi per i romani), nota anche col nome di Cibele, dal nome della dea frigia chiamata Madre degli déi o Grande Madre. Figlio di Urano (il cielo) e... Leggi. I Titani erano figli di UranoFiglio e sposo di Gea, padre dei Titani, dei Ciclopi e degli Ecatonchiri. Il figlio Crono per spodestarlo si armò di una falce e nascostosi evirò Urano mentre stava per accoppiarsi con Gea; dal sangue uscito Gea concepì le Erinni, i Giganti e le... Leggi e di Gea Dea primigenia della Terra, nata dal Caos, generò da sola Urano e il Ponto. Veniva venerata come divinità della terra e dei morti, considerato che i morti ritornano alla terra. Era raffigurata a mezza figura uscente dal suolo.... Leggi, erano sei maschi e sei femmine i loro nomi sono: I maschi CoioTitano padre di Latona, e nonno di Apollo e di Artemide. Sua amante fu Tebe.... Leggi, CrioTitano che personificava l'ideale della forza e della potenza.... Leggi, Crono, GiapetoFiglio di Urano e di Gea, sposò l'Oceanina Climene che gli partorì Atlante, Menenzio, Prometeo e Epimeteo.... Leggi, IperioneUno dei Titani, secondo alcuni mitografi dio della luce e padre di Elios, Selene, Eos. Omero e altri poeti lo identificarono col Sole.... Leggi e OceanoSecondo Esiodo era figlio di Urano e di Gea. Invece per Omero, Oceano è il principio di tutte le cose. Egli è un dio fluviale con la particolarità di circondare tutte le terre e di sorgere da sè stesso e ritornare in sè stesso.... Leggi; le femmine Febe Figlia di Urano e di Gèa, moglie di Ceo e madre di Latona e di Asteria. Un'altra Febe è figlia di Leda e sorella di Elena. Febe è anche un soprannome di Artemide.... Leggi, Mnemosine Madre delle nove Muse, generate con Zeus., Teia, Temi Figlia di Urano e di Gea, fu la seconda moglie di Zeus (Esiodo, Teogonia v. 901 e sgg.) col quale ebbe le Ore e le Moire. Fra Temi ed Era, seconda moglie di Zeus, stranamente esistevano rapporti molto cordiali. Temi non è la dea... Leggi, Teti Due sono i personaggi col nome di Teti; 1) una è Tethys che fu sposa di Oceano e madre dei fiumi e delle Oceanine. 2) L'altra è Thetis (una oceanina) detta anche Tetide, figlia di Nereo e di Doride e perciò nipote di Tethys.... Leggi e Rea Figlia di Urano e di Gea e sposa di Crono, fu madre di Demestra, Era, Estia, Ade, Poseidone e Zeus.... Leggi.
Sposatisi tra di loro da Teia e Iperione nacquero: Elio, Selene Dea della luna e sorella di Elio. Ebbe delle avventure con Endimione, Pan e con Zeus col quale generò Pandia la lucente, personificazione del chiarore del plenilunio.... Leggi ed Eos Figlia dei Titani Iperione e Tea, dea dell'Aurora, per via dei suoi genitori non fu mai considerata dea di prima classe. Era la sorella di Selene e di Elio lo annunciava e lo precedeva su un cocchio trainato da due cavalli. Nel suo lavoro... Leggi; da Febe e Coio nacquero: Apollo ApolloSenza dubbio dopo Zeus, Apollo è il dio più importante della mitologia greca. Il mito di Apollo è legato a quello di Artemide (sorella gemella di lui) con le differenze sessuali ed ha un carattere parallelo. Latona sedotta da Zeus pellegrinò a lungo sulla... Leggi, ArtemideDea romana delle selve, protettrice degli animali selvatici, custode delle fonti e della caccia per i greci si chiamava Anrtemide ed era la sorella gemella di Apollo. Aveva molte cose in comune col fratello: le morti improvvise degli uomini erano attribuite ad Apollo, quelle... Leggi ed Ecate Divinità infernale originaria dell'Asia Minore, venerata poi in Grecia in un culto trinitario con Artemide e con Demetra. Secondo Esiodo (Teogonia 411-452), figlia di Perse e Asteria (nel resto della tradizione poetica la dea è considerata figlia di Zeus, o del Tartaro, o di... Leggi; da Rea e Crono nacquero: Demetra DemetraNota presso i Romani col nome di Cerere, apparteneva alla prima generazione divina degli dei Olimpi, come i fratelli Zeus, Ade e Poseidone e le sorelle Era ed Estia. Era quindi figlia di Crono, che la inghiottì come secondo (infatti la il primo piatto... Leggi, Era, Estia EstiaDea del focolare domestico. Era la prima figlia di Crono e di Rea, quindi sorella maggiore di Zeus. Il suo culto è uno dei più semplici ed è quasi privo di leggende. In uno dei pochi episodi si narra che, corteggiata da Poseidone e... Leggi, Ade Col significato di invisibile i Greci chiamavano la divinità che regnava sull'oltretomba e l'oltretomba stesso. Il dio Ade era anche chiamato Plutone nome più usato. Grandi sono le porte dell'Ade (solo per entrare, impossibile l'uscita) e alla sua guardia sta Cerbero. Nell'Ade scorrono quattro... Leggi, Poseidone Figlio di Crono e di Gea, fratello di Zeus e di Ade. A lui toccò la signoria del mare, comprese le coste e le isole ed essendo la terra territorio franco non disdegnava prendere qualche proprietà. Abitava in un palazzo in fondo agli abissi... Leggi e Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi.
A sua volta Crono fu spodestato da Zeus, causando così la rivolta dei Titani che il giovane dio mitigò con l’aiuto dei CiclopiErano i tre giganteschi figli di Urano e Gea. Essi avevano un solo occhio al centro della fronte. Si chiamavano Bronte il tuono, Stèrope il fulmine e Arge lo splendore. Essi si rivoltarono contro il padre Urano, il quale li rinchiuse nel Tartaro. Quando... Leggi e dei CentimaniDetti anche Ecatonchiri, erano esseri dotati di cinquanta teste e di cinquanta braccia. Si riteneva fossero tre: Cotto, Briareo e Gige. Figli di Urano e di Gea, appartenevano alla stessa generazione dei Ciclopi e si schierarono con Zeus nella lotta contro i Titani.... Leggi. Come si può notare le geniture a volte sono molto contrastate.


Crediti

   • Τιτάνες •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Testa del TitanoI Titani erano delle divinità antichissime, tanto antiche che presso i Greci non avevano più culto, fatta eccezione per Elio e Crono. I Titani erano figli di Urano e di Gea, erano sei maschi e sei femmine i loro nomi sono:
I maschi
Coio, Crio, Crono, Giapeto, Iperione e Oceano;
Le femmine
Febe, Mnemosine, Teia, Temi, Teti e Rea.
Sposatisi tra di loro da Teia e Iperione nacquero: Elio, Selene ed Eos; da Febe e Coio nacquero: AsteriaNinfa sedotta da Zeus che per perseguire lo scopo si trasformò in aquila, fu madre di Ercole Tirio. Zeus stanco di lei, la trasformò in quaglia. Asteria, nella sua nuova forma riparò nell'isola di Ortigia.... Leggi e Leto Figlia di Ceo e di Febe, fu la prima sposa di Zeus che la rese madre di Apollo e di Artemide. Era per gelosia la costringe a sgravarsi dei figli nell'isola di Delo. Per questo motivo Latòna parteggiò per i Troiani nella guerra causata... Leggi; da Rea e Crono nacquero: Demetra, Era, Estia, Ade, Poseidone e Zeus.
A sua volta Crono fu spodestato da Zeus, causando così la rivolta dei Titani (Esiodo, Teogonia 617-720) che il giovane dio mitigò con l’aiuto dei Ciclopi e dei Centimani.
Come si può notare le geniture a volte sono molto contrastate.

Poi, con Uràno giaciuta, generò l’Ocèano profondo,
e Coio, Crio, Giapèto, Mnemòsine, Tèmide, Rea,
Iperïone, TeaFiglia di Oceano e di Teti e madre di Elio, di Selene e di Eos (Il sole, la luna e l'aurora). Altra Tea fu la profetessa figlia di Chirone che sedotta da Eolo fu mutata da Poseidone nella cavalla Euippe per sottrarla alle ire... Leggi, l’amabile Tètide, e Febe
dalla ghirlanda d’oro. Dopo essi, il fortissimo Crono
venne alla luce, di scaltro consiglio, fra tutti i figliuoli
il piú tremendo; e d’ira terribile ardea contro il padre (Esiodo, Teogonia).


Crediti

   • Τιτάνες •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Figli di Urano e di Gaia (Hesiod. Theog. 134-138; Apollod. Bibl. 1, 1, 3).
La parola presenta la stessa uscita, peraltro mal spiegata, dei nomi di popoli come Ἀθαμάνες, Ἀκαρνάνες, ecc. Un’interpretazione popolare si trova in Hesiod. Theog. 207-210: Τοὺς δὲ πατὴρ Τιτῆνας ἐπίκλησιν καλέεσκε / παῖδας νεικείων μέγας Οὐρανὸς οὓς τέκεν αὐτός / φάσκε δὲ τιταίνοντας ἀτασθαλίῃ μέγα ῥέξαι / ἔργον, τοῖο δ’ ἔπειτα τίσιν μετόπισθεν ἔσεσθαι. Come dice Strunk (“Glotta” 38, 1959, p. 83) Urano diede a questi suoi figli il nome Τιτῆνες perché “volevano andare molto avanti” (τιταίνοντας) e profetizzò loro che li avrebbe piú tardi raggiunti la punizione (τίσιν) per il loro misfatto. Con τιταίνοντας e τίσιν il poeta dà senza dubbio due diverse etimologie per il nome di Τιτῆνες. La prima comprende con τιταίν-οντας l’assonanza con Τιτῆν-ες; senza la monottonghizzazione di -αι con la voce – e – aperta, questa assonanza non sarebbe possibile. Solmsen (“Indog. Forsch”. 30, 1912, p. 35 n. 1) riporta un’etimologia già presente nello scolio A all’Iliade 14, 274: Τιτάν, ion. Τιτήν sarebbe un derivato di τιτός, “onorato, rispettato”, participio di τίω. Il nome avrebbe così un significato generale di “venerato, rispettato”. Ipotesi interessante è quella di Nehring (“Glotta” 14, 1925, pp. 167 ss.), secondo il quale i Titani sarebbero originari dell’Asia Minore. Ipotizza inoltre che Τιτάν sia un dio solare. Carnoy (DEMGR) concorda con questa proposta e spiega il nome tramite il pelasgico, come derivato da tita, “splendore, luminosità”, parola derivata da deia, “brillare” (cfr. albanese dite, “giorno”).


Crediti

   • Τιτάνες •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Meschinità relazionale
23% Aldo BusiSocietà
In una società in cui è concesso solo ai maschi l’istinto e alle femmine il calcolo culturale sul proprio residuo d’istinto di sopravvivenza chiamato sentimento, non c’è che povertà, viltà, meschinità relazionale.
Lo lasciarono
17% Joseph RothSchiele Art
Lo lasciarono. Si avvicinò alla finestra e li guardò salire in macchina. Gli parve di doverli benedire come figlioli che intraprendano una via molto difficile oppure una molto fortunata. Non li vedrò più – pensò poi – e non li benedirò nemmeno. La mia ben⋯
Il mito degli Androgini
16% AristofaneMitologia
È il mito delle due metà raccontato da Aristofane, che era uno dei commensali nella cenetta (simposio) che Platone organizzava tra i suoi amici. Si lavavano le mani, si mangiava, si beveva del nettareBevanda degli dèi, che dava l'immortalità a chi la beveva.... Leggi (sciroppo di vino – una volta era molto denso e dolce)⋯
La miscredenza
16% Albert CaracoPercorsi
Quando gli uomini si persuaderanno che i loro figli saranno più infelici di chi li ha generati e i figli dei loro figli ancora più infelici, quando si persuaderanno che non vi è più rimedio nell’universo, che la scienza non farà miracoli e che il cielo è ⋯
Zeus finanziere
16% Alberto SavinioFrammenti
È la breve storia di Zeus, il re dei politeisti, fattosi – senza magari volerlo – tiranno monoteista e per ciò spodestato, giustamente spodestato da uno scuro ebreo di Palestina… Consideriamo Zeus. Gli occhi grassi e come velati di sogno (ma sogno non è⋯