TritoneFiglio di Anfitrite Figlia di Nerèo e di Doride. Era simbolo della forza del mare. La leggenda le attribuisce per marito Poseidone che essa avrebbe lungamente respinto finché si lasciò convincere dalle insistenze di un delfino che la convinse a sposare il poco bello Poseidone. Dall'unione dei... Leggi e di Poseidone Figlio di Crono e di Gea, fratello di Zeus e di Ade. A lui toccò la signoria del mare, comprese le coste e le isole ed essendo la terra territorio franco non disdegnava prendere qualche proprietà. Abitava in un palazzo in fondo agli abissi... Leggi, ma c’è chi diceDea della Giustizia, detta anche Astrea, figlia di Zeus e Temi, fu considerata il principio fondamentale per lo sviluppo di ogni società civile. Era una delle Ore, stanca degli errori degli uomini si trasferì in cielo diventando la costellazione della Vergine.... Leggi che la madre era Salacia. Uomo nella parte superiore e pesce nella parte inferiore, abitava i mari.
Era un abile amatore ed era circondato dalle Nereidi Le cinquanta figlie del dio Nereo, Ninfe marine del Mediterraneo, distinte dalle Naiadi, che erano le Ninfe delle acque dolci, e dalle Oceanine, Ninfe dell'Oceano. La più celebre delle Nereidi fu Tetide, madre di Achille. Offese da Cassiopea, le Nereidi furono vendicate da Poseidone... Leggi, rivolse le sue attenzioni anche ad Ecate Divinità infernale originaria dell'Asia Minore, venerata poi in Grecia in un culto trinitario con Artemide e con Demetra. Secondo Esiodo (Teogonia 411-452), figlia di Perse e Asteria (nel resto della tradizione poetica la dea è considerata figlia di Zeus, o del Tartaro, o di... Leggi. Come tutte le divinità marine, aveva capacità metamorfica e profetica ed era testimone ai giuramenti. Creatura ambigua, spesso soccorreva ma talvolta era maligno e ostile.
E proprio in questa sembianza malevola veniva raffigurato armato di lancia.
Si narra che un giorno, mentre le Baccanti BaccantiCorteo di donne incoronate di pampini che seguiva il carro di Dioniso durante i suoi errabondi viaggi in Oriente. Con tale nome furono poi indicate le sacerdotesse che celebravano i riti in suo onore. Recavano in mano il tirso, un bastone sormontato da pampini... Leggi si recavano presso la riva del mare per celebrare i rituali, Tritone le aggredì, queste chiamarono in soccorso Dioniso Nome del dio del vino e dell'estasi mistica, figlio di Zeus e di Semele (Hes. Theog. 940-42). Attestato in miceneo come teonimo associato con Zeus in tavolette cretesi (Khanià) di-wo-nu-so, dat., e al genitivo a Pilo; cfr. L. Godart e Y. Tzedakis, Les nouveaux... Leggi, che lo affrontò e lo sconfisse.
Viene dato come probabile educatore di Atena AtenaEra figlia di Zeus e di Metis. Così come aveva fatto Crono anche Zeus divorò la moglie incinta in modo di avere sempre con sè la consigliera. finita la gestazione Zeus avrebbe partorito la figlia dalla testa. Efesto funse da ostetrico spaccandogli la testa... Leggi infante. Con la sua Buccina soffiandoci dentro poteva sollevare o placare le tempeste.
Ecco un passo del primo libro delle Metamorfosi di Ovidio che ci descrive l’azione di placare le acque:

…il dio degli oceani rabbonì le acque, chiamò l’azzurro Tritone,
che sporge fuori dai gorghi con le spalle incrostate
di conchiglie, e gli ordinò di soffiare nel suo corno
sonoro, perché a quel segnale rientrassero
flutti e fiumi. E quello prese la sua buccina cava
e ritorta, che dalla punta si allarga a spirale,
la buccina che, se le si dà fiato in mezzo al mare,
riempie con la sua voce le coste da levante a ponente.
Anche allora, quando tra la barba madida la portò alla bocca
gocciolante e, soffiando a comando, sonò la ritirata,
l’udirono tutte le acque del mare e della terraferma,
e tutte, udendola, ripresero i loro confini.

Crediti
   •  Τρίτων  •
 • Miti 3000
 • Mitologia e dintorni
Dio marino, figlio di Posidone e Anfitrite (Hes. Theog. 930 ss.).
Il nome è imparentato con quello della madre Ἀμφιτρίτη, ma entrambi non hanno un’etimologia sicura. Un’ipotesi abbastanza convincente è che derivi dall’indoeuropeo *trito-, “mare”, che si ritrova nell’antico irlandese triath, “mare”.

Crediti
   •  Τρίτων  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Credevamo fosse un’emozione
20% Fernando PessoaLibri
Siamo chi non siamo e la vita è breve e triste. Quanti siamo! In quanti ci illudiamo! Quali mari echeggiano in noi, nella notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi del nostro essere, nelle spiagge che sentiamo nelle alluvioni dell’emozione! Quello che si è perduto, quello che si sarebbe dov⋯
Fermarmi qui!
19% Konstantinos KavafisPoesie
Mirare anch’io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi questa natura un poco. Del mare mattutino e del limpido cielo smaglianti azzurri, e gialla riva: tutto s’abbella nella grande luce effusa. Fermarmi qui. Illuso di mirare ciò che vidi davvero l’attimo che ristetti, e non le mie fantasime, an⋯
Mare mattutino
19% Konstantinos KavafisPoesie
Fermarmi qui! Mirare anch’io questa natura un poco. Del mare mattutino e del limpido cielo smaglianti azzurri, e gialla riva: tutto s’abbella nella grande luce effusa. Fermarmi qui. Illuso di mirare ciò che vidi davvero l’attimo che ristetti, e non le mie⋯
La più bella delle belle
19% Beatrice MonroyPercorsi
Madre, con l’olio profumato ho dato agio al tuo dolore di spezzarsi. Le mie dita hanno percorso il tuo corpo mentre i tuoi occhi di bambina, fissavano esterrefatti il buio in cui tra poco sarebbero stati costretti a calare. Poi ho spogliato, ti ho strofin⋯
Siamo chi se ne va
18% Jorge Luis BorgesPoesie
Non vi sarà mai cosa che non sia una nube. Lo son le cattedrali di vasta pietra e bibliche vetrate che il tempo spianerà. Lo è l’Odissea, che cambia come il mare. Se la riapri sempre cambia qualcosa. Anche il riflesso del tuo viso è già un altro nello spe⋯