Città della Troade, chiamata propriamente Ilio dai Greci, teatro della decennale guerra. Secondo la leggenda sarebbe stata fondata da Troe, nipote di DardanoFiglio di Zeus e di Elettra, fu il mitico antenato dei Troiani e, per loro tramite, dei Romani. Fondò in Troade la città che prese il suo nome e da lui deriva il anche il nome di Dardanelli, l'antico Ellesponto.... Leggi e padre di IloFondatore di Troia, quando finì di fondare la città pregò Zeus di manifestare la sua benevolenza. Il dio gli fece trovare davanti la sua tenda una statua di legno della dea Pallade, il famoso Palladio che doveva essere il talismano della città.... Leggi. Le sue mura sarebbero state costruite da Apollo ApolloSenza dubbio dopo Zeus, Apollo è il dio più importante della mitologia greca. Il mito di Apollo è legato a quello di Artemide (sorella gemella di lui) con le differenze sessuali ed ha un carattere parallelo. Latona sedotta da Zeus pellegrinò a lungo sulla... Leggi e da Poseidone Figlio di Crono e di Gea, fratello di Zeus e di Ade. A lui toccò la signoria del mare, comprese le coste e le isole ed essendo la terra territorio franco non disdegnava prendere qualche proprietà. Abitava in un palazzo in fondo agli abissi... Leggi come espiazione per il tentativo di rovesciare Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi. La rocca di Troia aveva il nome di PergamoIl piú giovane dei figli di Pirro - Neottolemo e di Andromaca, che divenne la concubina di quest'ultimo dopo la morte di Ettore e la caduta della città di Troia. Dall'Epiro, dov'era nato, emigrò in Teutrania (Asia Minore, Misia), alle foci del fiume Caico,... Leggi. Negli ultimi decenni del secolo scorso Heinrich Schliemann eseguì scavi là dove riteneva dovessero trovarsi i resti dell’antica Troia e in uno degli strati archeologici rinvenuti credette di poter identificare le rovine della città descritta da Omero.
Nuovi scavi furono successivamente eseguiti da altri archeologi (soprattutto da Dorpfel), i quali, pur con alcune varianti, confermarono la tesi di Schliemann. Gli studiosi ritengono ormai concordemente che la Troia omerica sia veramente esistita e abbia raggiunto un notevole grado di civiltà, e che il conflitto coi popoli greco asiatici fu certo determinato da rivalità economico commerciali.


Crediti

   • Τροία •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Armata greca a TroiaCittà della Troade, chiamata propriamente Ilio dal nome del suo fondatore, fu teatro della decennale omonima guerra.
Secondo la leggenda sarebbe stata fondata da Ilo, figlio di Troo1. Figlio di Erittonio e di Astioche, nipote di Dardano, eponimo della città di Troia. Sposato con Calliroe, che lo rese padre di Ilo, Assaraco, Ganimede (Hom. Il. 20, 230-232) e di una Cleopatra (Apollod. Bibl. 3, 12, 2). Famosi i suoi cavalli, (Hom.... Leggi e di Calliroe. Ilo trasferitosi in Frigia, partecipò ai giochi organizzati dal re di quel paese e vinse la gara di lotta. Come premio ebbe in dono cinquanta fanciulli e cinquanta fanciulle; inoltre il re, seguendo il consiglio di un oracolo, gli diede una vacca, dicendogli di fondare una città nel luogo dove la bestia si fosse sdraiata a terra.
Ilo seguì l’animale che, arrivato alla collina chiamata AteDea della sciagura e della vendetta, personificava la Fatalità. Si compieceva di procurare male agli uomini avvolgendoli nel cerchio della perdizione.... Leggi Frigia, si sdraiò a terra: qui Ilo costruì la città che chiamò Ilio.
Poi pregò Zeus di mandargli un segno, e il giorno appresso davanti alla sua tenda trovò il Palladio Era una scultura raffigurante Atena che alza in alto uno scudo e la lancia.... Leggi, statua a gambe unite che nella mano destra teneva una lancia alzata e nella sinistra una rocca e un fuso. Le sue mura sarebbero state costruite da Apollo e da Poseidone come espiazione per il tentativo di rovesciare Zeus. La rocca di Troia aveva il nome di Pergamo.


Crediti

   • Τροία •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Similari
La rocca di Gibilterra
24% RaccontiSergio Parilli
La Spagna dell’inizio del ‘700, del secolo scorso, era ancora una potenza ma non più l’impero che era diventato dopo la scoperta del nuovo mondo. Le sue immense ricchezze, dopo la morte di Carlo II, facevano gola a molte altre potenze in Europa EuropaIn Fenicia viveva una bellissima principessa, Europa, figlia di Agenore e di Telefassa. (o di Argiope, secondo Igino). La giovane donna si recava spesso con le sue coetanee, sulle rive del mare per bagnarsi o per intrecciare ghirlande di fiori. Zeus dall'alto la vide... Leggi che voleva⋯
Dissotterrare e ricordare
18% FrammentiWalter Benjamin
La lingua ha determinato in forma inequivocabile che la memoria non è un strumento per l’esplorazione del passato, bensì solamente un mezzo. Così come la terra è il mezzo nel quale giacciono sepolte le vecchie città, la memoria è il mezzo che cova le espe⋯
Gli impenetrabili abissi
15% AforismiHeinrich MannSchiele Art
Una cosa è certa: chi riesce a raggiungere le vette più alte è uno che conosce bene anche i più impenetrabili abissi. • Heinrich Mann • • • • • Egon Schiele • •
Febbri e disturbi
15% SocietàWu Ming
Beautour, un manovale, era piegato da un male non frequente, solitamente diffuso tra la gente d’intelletto. Un male che negli ultimi anni, secondo l’esperienza di D’Amblanc, era divenuto meno raro e si era diffuso anche tra il popolino. Qualcuno ne aveva ⋯
Irene
15% FrammentiItalo Calvino
Irene La più giovane delle Ore, figlie di Zeus e di Temi; fu per i Greci e per i Romani dea e personificazione della Pace. Irene: nata dall'unione di Zeus e Temi, sorella di Dike ed Eunomia, l'una personificazione della giustizia, l'altra della disciplina. Irene... Leggi è la città che si vede a sporgersi dal ciglio dell’altipiano nell’ora che le luci s’accendono e per l’aria limpida si distingue laggiú in fondo la rosa dell’abitato: dov’è piú densa di finestre, dove si dirada in viottoli appena illuminati, dove amm⋯