Egon Schiele  ⋯ Ritratto di donna in lutto
Piuttosto che mettersi a confronto con i propri lati scuri, si preferisce accontentarsi dell’illusione della propria rettitudine morale.

Non ti accorgi che l’Altro è anche dentro di te. Pensi invece che venga in qualche modo da fuori e ritieni di scorgerlo anche nelle opinioni e azioni del tuo prossimo che ti ripugnano. Lì lo combatti, essendo del tutto accecato. Chi invece accetta l’Altro che gli viene incontro, perché è presente anche in lui, non lotta più, ma guarda dentro di sé e tace.

Crediti
Carl Gustav Jung

Egon SchieleRitratto di donna in lutto, 1912 •
Similari
Il nome della non-verità
20% FilosofiaJacques Derrida
Non si dà essenza della donna in quanto la donna (si) apre/allontana spontaneamente. Essa inghiotte, deforma dal profondo, senza fine, senza fondo, ogni essenzialità, ogni identità, ogni proprietà. Ormai accecato, il discorso filosofico si inabissa – si l⋯
Verità limitata e bene definito
20% AstrofisicaGiordano Bruno
Ogni volta, infatti, che riteniamo che rimanga una qualche verità da conoscere, un qualche bene da raggiungere, noi sempre ricerchiamo un’altra verità ed aspiriamo ad un altro bene. Insomma l’indagine e la ricerca non si appagheranno nel conseguimento di ⋯
L’artista nell’arte
20% Oscar WildeSchiele Art
Ogni ritratto dipinto con passione è il ritratto dell’artista, e non del modello. Oscar Wilde Egon Schiele
Lo specchio del sé
20% Oscar WildeSchiele Art
Ogni ritratto dipinto con passione è il ritratto dell’artista, e non del modello. • Oscar Wilde • • • • • Egon Schiele •
L’insufficienza dell’altro
20% FilosofiaKarl Jaspers
Io Figlia di Inaco (o di Iaso o di Pireno), primo re di Argo. La bella Io, principessa di Argo, nonostante fosse sacerdotessa della dea Era, fu impalmata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla... non posso diventare me stesso se l’altro non vuole essere se stesso; non posso essere libero se l’altro non lo è, e non posso essere certo di me se non nell’altro. Nella comunicazione non mi sento responsabile solo di me, ma anche dell’altro, come se e⋯