⋯
Mi sembra che Marco Antonio, vedendo che la sua fortunaDea romana del caso e del destino, ma in senso positivo.... Leggi passava ad altri e che a lui non era rimasto nulla se non la facoltà di morire e anche questa se l’avesse esercitata in fretta, esclami mirabilmente in un’opera del poeta Rabirio:
Oh! Quanto avrebbe potuto avere se avesse voluto! Questa è la ricchezza sicura, destinata a rimanere sempre nello stesso posto in qualunque volubilità della sorte umana; e questa quanto più grande sarà, tanto minore invidia si attirerà. Perché risparmi come tuo? Tu ne sei l’amministratore. Tutte codeste cose che vi fanno dimenticare la vostra fragilità, tronfi e sprezzanti della umana condizion, tutte codeste cose che voi con le armi in pugno custodite con serrature di ferro, che difendete con il vostro sangue dopo averle strappate ad altri versandone il sangue, per le quali varate flotte che insanguineranno i mari, per le quali squassate le città ignorando con quanti colpi la sorte vi prenderà alle spalle, per le quali, infranti tante volte i legami della parentela, dell’amicizia, di un’associazione, il mondo è stato diviso fra due contendenti, tutte codeste cose non sono vostre; sono presso di voi in conto deposito, pronte a rivolgersi da un momento all’altro ad un altro padrone; vi piomberà sopra o un nemico o un successore dall’animo nemico. Domandi come tu possa renderle tue? Donandole. Provvedi dunque alle tue cose e procurati un possesso di esse sicuro e inespugnabile e le renderai così più rispettabili non solo più sicure. Questo patrimonio che tu ammiri, grazie GrazieLe Grazie (in latino Gratiae) erano figure della mitologia romana che corrispondevano alle Cariti greche legate al culto della natura e della vegetazione; queste fanciulle sanno infondere la gioia della Natura nel cuore degli dèi e dei mortali. Rappresentate come tre giovani nude, le... Leggi al quale pensi di essere ricco e potente, per tutto il tempo che lo possiedi, è oppresso da nomi volgari: questi nomi sono “casa”, “schiavo”, “soldi”; ma quando ne hai fatto dono, il nome è beneficio.

Crediti
 • Lucio Anneo Seneca •
 • De beneficiis •
 •  •  •  •  •
Similari
Solitudine e Volgarità
25% Arthur SchopenhauerFilosofia
La grande maggioranza degli uomini è fatta in modo tale che per loro natura, niente essi possono prendere sul serio che non sia mangiare bere ed accoppiarsi. Costoro utilizzeranno tutto quanto le nature rare e più nobili hanno prodotto in scienza, arte e ⋯
L’umana libertà ignara alle cause
22% Baruch SpinozaFilosofia
Una pietra riceve una certa quantità di moto da una causa esterna che la spinge, in virtù della quale, in seguito, cessando la spinta della causa esterna, continuerà necessariamente a muoversi… Ora supponi, per favore, che la pietra, mentre continua a muo⋯
Piegheremo la fronte soli…
22% Cesare PaveseSchiele Art
Torneremo per strada a fissare i passanti e saremo passanti anche noi. Studieremo come alzarci al mattino deponendo il disgusto della notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi e uscir fuori col passo di un tempo. Piegheremo la testa al lavoro di un tempo. Torneremo laggiù, contro il vetro, ⋯
Nessuna epoca ci è vietata, in tutte ci sentiamo accolti
21% Lucio Anneo SenecaSchiele Art
Tra tutti, i soli che davvero dispongono del loro tempo sono coloro che attendono alla saggezza; sono i soli che vivono e non si limitano ad amministrare bene i loro anni, ma aggiungono tutte le età alla loro. Tutti gli anni trascorsi prima che essi esist⋯
Vivere non a spese del tuo vicino
21% Carl Gustav JungPsicologia
Ma quante cose devono accadere a un uomo prima che egli si renda conto che il successo esteriore visibile, che si può toccare con mano, è una via sbagliata! Quali sofferenze devono colpire gli uomini prima che essi rinuncino a saziare sul prossimo la loro⋯