Pawel Kuczynski ⋯
Chi voglia andare al cuore della comunicazione sociale dovrà cercare il senso, la funzione della metafora.
Il linguaggio umano è assai importante nel creare e organizzare un sistema politico, una realtà sociale; e nel linguaggio ha un ruolo preminente la figura retorica della metafora.
Ma qual è la cifra della metafora? «La cifra della metafora sembra essere l’ambivalenza; le sue qualità paiono (ma si tratta, appunto, solo di un’apparenza) elidersi con i suoi difetti. Capace di creare nuovi significati, si configura, peraltro, come una palese violazione dei codici linguistici; fonte di nuove visioni della vita, si presta però volentieri all’azzeccagarbugli di turno; catalizzatore delle energie umane tese a progettare il futuro, rischia, d’altro canto, di essere complice ambiguo delle peggiori nefandezze. Se una casa comune od un governo ombra sono metaforine di ordinaria amministrazione, quali oscure energie sono state mai mosse dalla metafora della Vaterland (il tutto tedesco padre/patria) o da quella del Common-wealth (l’idea molto inglese di una ricchezza di tutti)? La metafora si configura come plausibile relazione fra i campi di significato incompatibili logicamente: crollato il simbolo del Muro, quale metafora sapremo creare per la convivenza fra Est ed Ovest, fino a ieri anch’essi incompatibili? O riteniamo che sul fronte occidentale tutto vada bene così e che basti una semplice omologazione dell’Europa EuropaIn Fenicia viveva una bellissima principessa, Europa, figlia di Agenore e di Telefassa. (o di Argiope, secondo Igino). La giovane donna si recava spesso con le sue coetanee, sulle rive del mare per bagnarsi o per intrecciare ghirlande di fiori. Zeus dall'alto la vide... Leggi orientale al nostro sfilacciato modello di società?
Gli studiosi di scienze sociali sono spaventati dalla metafora in politica (e da quel “cugino” della metafora che è il “simbolo”). In parte vi è il timore di un ritorno irrazionalistico; si pensi, ad esempio, all’uso “scientifico” dei simboli come elementi di propaganda. Peraltro, a nostro giudizio, vi è un timore ancora maggiore di quella parte della metafora che è progetto di cambiamento, aspettativa per il futuro; e gli uomini non investono le proprie energie in un progetto politico solo per avere le vetrine dei negozi più luminose, ma per il desiderio di un mondo migliore, fino a ieri inconcepibile. Naturalmente ogni progetto si accompagna al rischio e richiede fiducia in se stessi e negli altri: non è questa la sfida che ci propongono i due volti della metafora?»

Crediti
Francesca Rigotti
Metafore della politica
Pinterest • Pawel Kuczynski
Similari
Vincoli del linguaggio
23% Friedrich NietzscheLinguaggio
La logica è soltanto schiavitù nei vincoli del linguaggio. Quest’ultimo ha peraltro in sé un elemento illogico, la metafora. La forza logica fa equiparare ciò che è diseguale, è quindi effetto della fantasia. Su ciò si fonda l’esistenza dei concetti, dell⋯
Solitudini spesso infestate dai fantasmi
22% Albert CamusPoesie
La conosci tu la solitudine? Sì, quella dei poeti e degli impotenti. La solitudine? Quale solitudine? Ma lo sai che non si è mai soli? E che dovunque ci portiamo addosso il peso del nostro passato e anche quello del nostro futuro? Tutti quelli che abbiamo⋯
La conosci tu la solitudine?
22% Albert CamusSchiele Art
Sì, quella dei poeti e degli impotenti. Quale solitudine? Ma non lo sai che non si è mai soli? E che dovunque ci portiamo addosso tutto il peso del nostro passato ed anche quello del nostro futuro? Tutti quelli che abbiamo ucciso sono sempre con noi. E fo⋯
Dal passato remoto viene creato il futuro
21% AstrofisicaCarl Gustav Jung
Quando alzate lo sguardo al cielo e vi meravigliate della bellezza delle stelle, queste vi appaiono non come sono ora, ma come furono innumerevoli milioni di anni fa. Stando alle apparenze, è una nuova stella quella che vedete risplendere, ma quella stell⋯
Speranza mistica
21% Marcel ProustSchiele Art
L’innamorato infelice che, respinto oggi come era stato respinto ieri, spera che l’indomani colei ch’egli ama, e che non lo ama, comincerà di colpo ad amarlo; colui che, non essendo abbastanza forte per il dovere che avrebbe da compiere, si diceDea della Giustizia, detta anche Astrea, figlia di Zeus e Temi, fu considerata il principio fondamentale per lo sviluppo di ogni società civile. Era una delle Ore, stanca degli errori degli uomini si trasferì in cielo diventando la costellazione della Vergine.... Leggi: “Domani ⋯