Il diluvio di Deucalione

Il diluvio, un topos letterario assai frequente in tutte le culture, è sempre visto come atto purificatore compiuto dagli dei nei confronti di un genere umano carico di empietà. Anche in questo caso, Zeus In tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi, dio supremo dell’OlimpoNome della montagna su cui vivevano gli dèi, ma anche di diversi eroi, fra cui: 1. il figlio di Creso (Ptol. Hephaest. Nov. Hist. 2); 2. il primo marito di Cibele (Diod. Sic. 5, 49) e 3. un suonatore di flauto, figlio di Marsia... Leggi, provoca l’inondazione per punire i figli di LicaoneNome di diversi personaggi, fra cui: 1. un figlio di Priamo e Laotoe (Hom. Il. 3, 333; 20, 81); 2. un eroe arcade, figlio di Pelasgo e dell'Oceanina Melibea o della ninfa Cillene (Apollod. Bibl. 3, 8, 1); 3. e il figlio di Ares... Leggi, uno dei primi uomini che civilizzò l’Arcadia. Dicendo “i figli di Licaone”, molto probabilmente si vuole designare tutta l’umanità, che viene qui raffigurata come corrotta e peccaminosa. La narrazione si articola in tre parti: il diluvio, la rinascita degli uomini, effetto della catastrofe.

  1. Zeus, avendo sentito dire che in Arcadia si facevano sacrifici umani in suo nome, per accertarsi di ciò si travestì da viandante e si fece invitare a cena dai figli di Licaone. Questi ebbero la sfrontatezza di preparargli una zuppa con le interiora di un loro fratello, sacrificato appunto al dio. Zeus, disgustato, provocò una fortissima inondazione, dalla quale si salvarono, costruendo un’arca, soltanto DeucalioneNome di diversi personaggi: 1. il padre di Idomeneo, figlio di Minosse (Hom. Il. 13, 451; Od. 19, 180); 2. un guerriero troiano decapitato da Achille (Il. 20, 477482); 3. il figlio di Prometeo e Pandora oppure di Climene, Prineie, Esione (Hes. fr. 4... Leggi, re di Ftia, e la moglie Pirra Figlia di Epimeteo e di Pandora, fu cugina e moglie di Deucalione. Dopo il diluvio mandato da Zeus, divenne la madre del genere umano ripopolando la terra con le pietre che, insieme al marito, si gettò alle spalle per ordine di Temi. Dalle pietre... Leggi. Alcuni giorni più tardi, dopo che Deucalione fu rassicurato da una colomba mandata in esplorazione, la nave si posò sulla cima del monte ParnasoFiglio della ninfa Cleodora e di Posidone, il padre "mortale" si chiamava Cleopompo; è l'eroe eponimo della nota montagna della Focide, sacra ad Apollo, che porta questo nome ancor oggi (Paus. 10, 6, 1). Avrebbe fondato il piú antico insediamento urbano nella zona di... Leggi, che non era stata sommersa a causa dell’altezza.
  2. Deucalione e Pirra, sbarcati sani e salvi, si recarono a pregare nel santuario di Temi 1) Figlia di Urano e di Gea, fu la seconda moglie di Zeus (Esiodo, Teogonia v. 901 e sgg.) col quale ebbe le Ore e le Moire. Fra Temi ed Era, seconda moglie di Zeus, stranamente esistevano rapporti molto cordiali. Temi non è la... Leggi, chiedendo che il genere umano potesse rivivere. La dea, su consiglio di Zeus stesso, gli disse di raccogliere da terra delle pietre e di gettarsele alle spalle: così facendo, tutte le pietre lanciate da Deucalione si trasformarono in uomini, e tutte quelle lanciate da Pirra in donne.
  3. Ma il diluvio ebbe scarso effetto: gli abitanti dell’Arcadia infatti dopo secoli facevano ancora rivivere gli orrendi riti sacrificali in onore di Zeus, e quando un fanciullo viene sacrificato, se ne prepara una zuppa con le interora. Lo sfortunato a cui toccano nel piatto si trasformerà per otto anni in un licantropo, e potrà tornare normale solo se durante questo periodo non si sarà mai cibato di carne umana.

Ciò che più fa pensare è la somiglianza di questo mito con il passo della Bibbia dedicato a Noè e alla sua arca, che durante il Diluvio Universale riuscì a salvarsi dall’inondazione che invece uccise tutte le altre persone. Persino nel particolare della colomba mandata in esplorazione le due storie si sovrappongono: ciò fa pensare che sia la stessa leggenda interpretata da diverse culture e religioni, e che perciò non dobbiamo sempre dare fede cieca e totale alle parole della Bibbia. Inoltre mi ha colpito l’episodio del pastore che si trasforma in licantropo, sembra interpretato nella chiave delle leggende metropolitane di oggi.

Crediti
 • Robert Graves •
 • I miti Greci •
 • Pinterest •  Diluvio Universale •  •

Similari
La miscredenza
18% Albert CaracoPercorsi
Quando gli uomini si persuaderanno che i loro figli saranno più infelici di chi li ha generati e i figli dei loro figli ancora più infelici, quando si persuaderanno che non vi è più rimedio nell’universo, che la scienza non farà miracoli e che il cielo è ⋯
Enti di pensiero
18% FilosofiaHannah Arendt
Ponendo delle domande a cui non si può rispondere, sul significato, gli uomini si costituiscono come esseri interroganti… Ora, è più che probabile che se gli uomini dovessero perdere l’appetito di significato che chiamiamo pensare, se cessassero di fare do⋯
Pensare al prossimo passo
17% LibriMichael Ende
Vedi, MomoFiglia della Notte, si tratta del "Biasimo sociale", della "Critica" (Hesiod. Theog. 214). Questo nome è un termine di origine incerta, che si è cercato di confrontare per esempio con μωκάομαι, "sbeffeggiare", etimologia che Chantraine (DELG, s. v. μῶμος) giudica dubbia. Carnoy (DEMGR) ipotizza... Leggi, è così: certe volte si ha davanti una strada lunghissima. Si crede che è troppo lunga; che mai si potrà finire, uno pensa.E allora si comincia a fare in fretta. E sempre più in fretta. E ogni volta che alzi gli occhi vedi che la fatica non è d⋯
Il mito degli Androgini
17% AristofaneMitologia
È il mito delle due metà raccontato da Aristofane, che era uno dei commensali nella cenetta (simposio) che Platone organizzava tra i suoi amici. Si lavavano le mani, si mangiava, si beveva del nettare (sciroppo di vino – una volta era molto denso e dolce)⋯
Vento tra le foglie
16% PercorsiSimone Weil
Mi sembra duro pensare che il rumore del vento tra le foglie non sia un oracolo; duro pensare che questo animale, mio fratello, non abbia anima; duro pensare che il coro delle stelle nei cieli non canti le lodi dell’Eterno.