Davide Groppi - Nulla
In una delle sue forme più coerenti il nichilismo (cfr. “Essenza del nichilismo“) pensa che la totalità degli enti abbia un inizio. Avere un inizio significa, per la totalità, avere un «prima». Se non avesse un «prima», se non fosse nel tempo, sarebbe eterna e non qualcosa che inizia. (O in essa vi sarebbe un eterno da cui ha avuto inizio il resto – ma questa è la prospettiva epistemico-metafisico-teologica, dove il nichilismo non ha ancora raggiunto le proprie forme più coerenti). D’altra parte essere nel tempo, per la totalità degli enti, è non essere la totalità. Appunto per questo il nichilismo intende come nulla il «prima» che precede l’inizio della totalità. Nell’ultimo paragrafo di “Fondamento della contraddizione” si mostra che, essendo necessario che il nulla sia la possibilità di ciò che incomincia ad essere e pertanto la possibilità dell’inizio della totalità degli enti, ed essendo necessario che la possibilità sia un modo di essere, allora, ponendo il nulla come possibilità, si afferma che il nulla è essere. Infatti, nella dimensione del nichilismo, il possibile – sia esso un ente o il nulla – è la possibilità del realizzarsi e intorno al senso del nulla del non realizzarsi, da parte degli enti, la possibilità dell’essere e del nulla (e anche in quella dimensione la possibilità è stata intesa come incontraddittorietà) ; oppure è la possibilità del realizzarsi, ma non unita alla possibilità opposta, e in questo caso è la possibilità implicata dalla «necessità» che qualcosa di non ancora realizzato si realizzi (un caso, questo secondo, che daccapo si presenta nella forma epistemico-metafisica del nichilismo). Ma di entrambi i casi va detto che il possibile non è un nulla, ma una struttura positiva, un ente, sì che intendere il nulla come la possibilità del tutto – come il «prima» dell’inizio del tutto – significa affermare che il nulla è un ente.

Crediti
Emanuele Severino
Intorno al senso del nulla • Milano, Adelphi 2013, pp.15-16 •
Pinterest • Davide Groppi – Nulla
Similari
Il caso Nietzsche
949% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
414% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
405% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
377% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Il mondo secondo Nietzsche
277% Luis Enrique de SantiagoRecensioni
Il libro di Pavel Kouba, professore di filosofia presso l’Università Carolina di Praga, si dedica allo studio della fenomenologia e all’opera di Husserl e Heidegger; tratta l’impatto del pensiero di Nietzsche nella filosofia moderna, dedicando una special⋯