Egon Schiele  ⋯ Un'arancia era l'unica luce

È così difficile capirsi, angelo mio caro,
e il pensiero è così incomunicabile,
anche tra persone che si amano.

Crediti
 • Charles Baudelaire •
 • SchieleArt •  Un'arancia era l'unica luce • 1912 •

Similari
Sentir parlare dei peccati
40% AforismiSchiele ArtWilliam Shakespeare
Pochi amano sentir parlare dei peccati che amano commettere.
Emissione di segni
37% Gilles DeleuzeSocietà
L’amicizia, essere amicoFiglio di Poseidone, grande pugile e re dei Bebricioni. Col suo popolo abbandonò la Tracia per stabilirsi in Bitinia, dove allettando le genti con giochi e pubblici divertimenti, le attirava in una foresta dove le derubava ed uccideva. Amico fu ucciso da Polluce e... Leggi di qualcuno, per me è una questione di percezione. Non significa avere idee comuni. Non è a partire da idee comuni ma da un linguaggio o da un pre-linguaggio comune. Se è una questione di linguaggio, allora si tratta di decifrare ⋯
Il ribelle
37% Charles BaudelairePoesie
Dal cielo precipita come un’aquila un Angelo, e afferra a pugno pieno i capelli del miscredente e gli diceDea della Giustizia, detta anche Astrea, figlia di Zeus e Temi, fu considerata il principio fondamentale per lo sviluppo di ogni società civile. Era una delle Ore, stanca degli errori degli uomini si trasferì in cielo diventando la costellazione della Vergine.... Leggi, scuotendolo: «Tu devi conoscere la regola (io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi sono il tuo buon angelo, capisci?). Lo esigo. Sappi che si deve amare, senza tante smorfie, il povero⋯
Il nulla inspiegabile ad altri
36% AforismiGòrgia di Leontini
Nulla esiste, se anche alcunché esiste, non è comprensibile all’uomo, se pure è comprensibile è per certo incomunicabile e inspiegabile ad altri.
I ragazzi che si amano
33% Jacques PrévertSchiele Art
I ragazzi che si amano si baciano in piedi, contro le porte della notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi, e i passanti che passano li segnano a dito, ma i ragazzi che si amano, non ci sono per nessuno, ed è la loro ombra soltanto, che trema nella notte, stimolando la rabbia dei passanti,⋯