Egon Schiele ⋯ Fidanzate

Alcuni dicono che la cosa più bella sulla nera terra
Sia un esercito di cavalieri, altri di fanti, altri di navi,
io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi invece quello di cui uno è innamorato.

È semplicissimo rendere comprensibile
ciò a ognuno: infatti colei che superò di molto
gli uomini in bellezza, Elena Simbolo della bellezza femminile, generatrice involontaria di odio e distruzione. Nata dall'uovo di Leda assieme a Castore e Polluce e Clitennestra. Ancora undicenne viene rapita da Teseo, non avendo l'età per amare, Teseo la nasconde in un luogo sicuro in attesa che la ragazza... Leggi, dopo aver abbandonato
il marito valoroso, se ne andò a Troia Città della Troade, chiamata propriamente Ilio dai Greci, teatro della decennale guerra. Secondo la leggenda sarebbe stata fondata da Troe, nipote di Dardano e padre di Ilo. Le sue mura sarebbero state costruite da Apollo e da Poseidone come espiazione per il tentativo di... Leggi per mare
e non si ricordò affatto della figlia, né dei cari genitori,
ma Cipride la travolse innamorata.
……
ed ora mi fa ricordare Anattoria che non è qui,
e vorrei vedere il suo amabile incedere
e il raggiante splendore del volto
più che i carri dei Lidi e i fanti
che combattono in armi.

Crediti
 • Saffo di Ereso •
 •  •  • Fidanzate • 1914 •
Similari
Pazzo, ma non dimezzato
20% PoesieSchiele ArtTristan Corbière
Vorrei essere un punto dalle masse disfatto, Un punto spazzato nella notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi degli spazi, … E non lo sono affatto! Vorrei essere allora un cane di mondana, Leccare un po’ d’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi che non sia pagato; O dea crinita sulla costa africana, O pazzo, ma riuscito: ⋯
Pensava a lei
20% Fëdor DostoevskijSchiele Art
Si ricordò di come l’aveva sempre tormentata e di come le aveva straziato il cuore; si ricordò del suo povero, smunto visino, ma quei ricordi ormai non lo facevano quasi più soffrire: sapeva con quale immenso amore avrebbe riscattato adesso tutte le soffe⋯
Lui l’amava e questo era certo
17% Arthur SchnitzlerSchiele Art
Poi ricordò un’altra cosa, forse più significativa: ricordò una strana domanda che Anna gli rivolse quando una volta, in sua compagnia, aveva fatto molto tardi, ed era stata costretta a inventare una scusa per i suoi genitori. Gli chiese se non temeva di ⋯
L’altro
17% Octavio PazPoesie
S’inventò un volto. Dietro di esso, molte volte visse, morì e risuscitò. Oggi il suo volto ha le rughe di quel volto. Le sue rughe non hanno volto.
Mi piange nel mare
16% Fernando PessoaPoesie
Arrivava elegante, veloce, senza fretta e con un sorriso, e io, che sento con la testa, scrissi subito la poesia giusta. In essa non parlo di lei né, come adulta bambina, svoltava l’angolo di quella via, che è l’eterno angolo… Nella poesia parlo del mar⋯