⋯
Così come Plutone o Ade Col significato di invisibile i Greci chiamavano la divinità che regnava sull'oltretomba e l'oltretomba stesso. Il dio Ade era anche chiamato Plutone nome più usato. Grandi sono le porte dell'Ade (solo per entrare, impossibile l'uscita) e alla sua guardia sta Cerbero. Nell'Ade scorrono quattro... Leggi, Mictlantecuhtli, sposato con Mictecacíhuatl, era per gli aztechi il governatore dell’inframondo o Mictlán. Non c’era un paradiso riservato solo per i giusti; chi moriva lo doveva incontrare un giorno faccia a faccia per poi scendere fino ai nove strati di sottosuolo negli stessi inferi in una soggettiva attraversata per quattro lunghi anni fino ad estinguersi completamente nella parte più profonda o Mictlán Opochcalocán.
Quetzalcóatl Ehecatl, il nostro eroe, era una specie di Eracle EracleZeus incapricciatosi di Alcmena, prende le sembianze del marito di lei, Anfitrione. Zeus passa con la donna un giorno e una notte d'amore, notte che in effetti era durata tre giorni poiché Zeus aveva ordinato al sole di riposarsi per tre giorni. Intanto fatto... Leggi e Orfeo celebre musico e poeta, figlio di Apollo e di Clio. Suonava in modo talmente dolce la sua cetra che i fiumi si fermavano per ascoltare, le belve si ammansivano e i sassi e gli alberi si commovevano. Portando con se la sua cetra Orfeo... Leggi messi insieme, e la leggenda racconta che era nella ricerca delle ossaMessaggera di Zeus, è il dàimon della Voce che si diffonde nell'esercito acheo, per chiamarlo all'assemblea; Hom. Il. 2, 93-94. In Hom. Od. 1, 282-283 (minusc. nelle nostre edizioni) è la Ossa "che viene da Zeus e dà la gloria agli uomini", mentre in... Leggi delle creature del mondo precedente al Quarto Sole con il proposito di creare una umanità. Il suo percorso era pieno di ostacoli verso l’inframondo e sicuramente Mictlantecuhtli non gli avrebbe resoEroe tracio che combattè al fianco dei Troiani nella guerra di Troia (Hom. Il. 10, 434 ss.). Secondo Carnoy (DEMGR) il nome era rezos, forma trace per il latino rex, dall'indoeuropeo *rego-s, che in greco non è sopravvissuto: in trace la -g palatale si... Leggi facile il compito quando, accorto che era nei paraggi, fece scavare dai suoi assistenti, i Micteca, una fossa grande quanto un burrone nel caso tentasse la fuga da Mictlán una volta ottenuto il bottino. Quest’eventualità blindava il Mictlán anche se Mictlantecuhtli era sicuro che non avrebbe mai superato la prova clou per avere le ossa delle creature che erano separate, per genere, in due sacchetti.
  ⋯
Solo quando s’incontrarono, Quetzalcóatl seppe da Mictlantecuhtli in persona, mentre riceveva una conchiglia vuota, che la doveva far suonare girando per quattro volte negli inferi per raggiungere la cavità dove poteva prelevare le ossa e andarsene. Non era intimorito Quetzalcóatl, era preparato a tutto: prese la conchiglia in mano, lo appoggiò in terra e fece un appello ai vermi affinché praticassero dei fori nel guscio della conchiglia. Davanti agli occhi increduli di Mictlantecuhtli e sotto l’invocazione di Quetzalcóatl cominciarono a sbucare dalle pareti del sottoterra gruppi di vermi che andavano verso la conchiglia e nel mentre tirava fuori da un sacchetto – che portava con sé – un esercito di api che si posizionarono sopra la conchiglia pronte per entrare una volta completati i fori. A lavoro finito, con le api dentro che ronzavano, la conchiglia sembrava una tromba; subito la prese in mano fino a raggiungere il posto dove si trovavano i sacchi e fuggire dal buio di Mictlán. Ma al ritorno, distratto da una quaglia di passaggio, non si accorse della fossa che avevano scavato i Micteca e andò a finire rovinosamente insieme ai sacchetti che portava con sé che si ruppero disperdendo le ossa che erano state accuratamente distinte e separate quando furono confezionate.
Ormai davano per morto al nostro eroe e l’umanità non poteva più essere creata; solo Mictlantecuhtli sapeva che non era vero e sapeva che era solo un diversivo, nel mentre ostacolava scavando altre uscite quando si sarebbe ripreso. La botta era tremenda e per scalarla, allo stremo delle sue forze, invocava altre sue forze per uscire dal dirupo il più velocemente possibile prima che Mictlantecuhtli forasse definitivamente tutte le uscite esistenti. Il suo richiamo inquietò alla dea Cihuacóatl che andò da lui e si fece consegnare le ossa per alleggerire la sua salita fino al mondo dei vivi. Erano tutti sbalorditi al vederlo tra i vivi. Lo lavarono e quando era profumato da oli essenziali si avvicinò la donzella Quilaztli, portando con se il vaso di bellezza che conteneva la polvere delle ossa macinate che aveva ricevuto dalla dea Cihuacóatl. Lei versò questo talco sull’altare e lui ci versò sopra il suo stesso sangue; tutti fecero penitenza e, alla fine, decretarono la nascita degli umani, cominciando la nuova tappa del Quinto Sole.

Crediti
Trad. da “El Araucano”

Pinterest
Similari
La spada sotto la pelle del corpo
27% DisegniGilles Deleuze
Il corpo si manifesta soltanto quando viene meno il sostegno delle ossa, quando la carne non ricopre più le ossa, quando carne e ossa esistono l’una per le altre, ciascuna però per conto suo… Come in Kafka, in Bacon la colonna vertebrale non è altro che l⋯
Mouseland
20% RaccontiTommy Douglas
Questa è la storia di un luogo chiamato Mouseland. Mouseland era un luogo dove tanti topolini vivevano e giocavano, dove nascevano e morivano. E vivevano più o meno come facciamo noi. Avevano anche un parlamento. E ogni quattro anni c’era un’elezione. Usa⋯
Tutti i luoghi
19% EstrattiFrancesco Petrarca
Roma, Atene, sono per me, nella mia mente, la mia patria. Qui tutti gli amici che ho o che ho avuto, e non solo quelli con cui ho vissuto e con cui ho avuto familiarità, ma anche quelli che sono morti molti secoli prima di me e ho conosciuto solo grazie GrazieLe Grazie (in latino Gratiae) erano figure della mitologia romana che corrispondevano alle Cariti greche legate al culto della natura e della vegetazione; queste fanciulle sanno infondere la gioia della Natura nel cuore degli dèi e dei mortali. Rappresentate come tre giovani nude, le... Leggi a⋯
I tre saggi
18% Marco PoloStorie
Mentre Marco Polo guardava le fontane di fuoco che partivano dalla terra, si avvicina un vecchio e si rivolge a lui… – Credo di sapere quello che ti stai chiedendo… Una volta, tanto tempo fa, da questi pozzi sgorgava solo acqua purissima. Poi, un gior⋯
Gli increati
18% Antonio MorescoLibri
E non sapevo dov’ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi, sapevo solo che ero in un punto che non c’era più, che non c’era ancora. Sono vissuto così dentro il mondo dei vivi, sono vissuto così anche dentro il povero mondo della letteratura e degli scrittori vivi dentro la morte, dove ero fi⋯