Egon Schiele ⋯
Poiché ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi un pigmeo, giallo e di gradevole aspetto
e poiché ero accorto e per niente propenso a farmi torturare
in un luogo di lavoro o in una cella ovattata,
mi misero all’interno di questo disco volante
e mi dissero vola e va incontro al tuo destino. Ma quale
destino avrei incontrato? La maledetta navicella sembrava
l’olandese errante per i cieli del mondo, come se
volessi evadere dalla mia minorazione, dal mio scheletro
particolare: uno sputo in faccia alla Religione,
una pugnalata di seta nella schiena della Felicità,
nutrimento della Morale e dell’Etica, la fuga lontano
dai miei fratelli aguzzini e dai miei fratelli sconosciuti.
Tutti esseri umani, alla fine, e desiderosi di sapere, tutti orfani
e giocatori ciechi sull’orlo dell’abisso. Però tutto questo
dentro il disco volante non poteva che lasciarmi indifferente.
Una cosa distante, o di scarsa importanza.
La virtù più grande della mia specie traditrice
è il coraggio, forse l’unica vera, evidente fino alle lacrime
e agli addii. E coraggio era ciò di cui avevo bisogno chiuso
nel disco, che lasciava stupefatti gli agricoltori e gli ubriachi
finiti nei canali. Coraggio invocavo, mentre la maledetta navicella
brillava tremula sopra quartieri e parchi che per un passeggiatore
sarebbero enormi, ma che per me erano solo tatuaggi senza senso,
parole magnetiche e indecifrabili, appena un gesto
insinuato sotto il mantello di lontra del pianeta.
Mi ero forse trasformato in Stefan Zweig e vedevo avvicinarsi
il mio suicidio? Riguardo al quale, la freddezza della navicella
era un segno inconfutabile, eppure a volte sognavo
un paese caldo, un terrazzo e un amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi fedele e senza speranza.
Le lacrime che poi spargevo rimanevano sulla superficie
del disco per giorni, testimonianza non del mio dolore, ma di
una sorta di poesia esaltata che, ogni volta, sempre più spesso
mi serrava il petto, le tempie e i fianchi. Un terrazzo,
un paese caldo e un amore dai grandi occhi fedeli
che avanzava lentamente attraverso il sogno, mentre la navicella
lasciava tracce di fuoco nell’ignoranza dei miei fratelli
e nella sua innocenza. E un globo luminoso eravamo il disco ed io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi
sulla retina dei poveri contadini, un’immagine vanescente
che non avrebbe detto mai abbastanza del mio desiderio
né del mistero che era l’origine e lo scopo
di quell’incomprensibile congegno. Così fino al termine
dei miei giorni, sottomesso all’arbitrio dei venti,
sognando a volte che il disco si schiantasse in una zona montuosa
dell’America e che il mio cadavere quasi senza macchia si levasse
per offrirsi all’occhio di vecchi montanari e storici:
un uovo in un nido di metallo contorto. Sognando
che la navicella ed io concludessimo la danza peripatetica,
la nostra misera critica della Realtà, in una collisione indolore
e anonima in qualcuno dei deserti del pianeta. Morte
che non mi portava il riposo, perché anche dopo che si era corrotta
la mia carne continuava ancora a sognare.

Crediti
 • Roberto Bolaño •
 • I cani romantici •
  • trad. Francesco Marotta •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
La caduta
22% CinemaMathieu Kassovitz
È la storia di una società che precipita e mentre sta precipitando si ripete per farsi coraggio:”Fino a qui tutto bene. Fino a qui tutto bene.”Il problema non è la caduta, ma l’atterraggio.
Le infermiere
21% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Infermiere a frotte prendono la strada di casa. Protetto dai miei occhiali neri le osservo andare e ritornare. Loro sono protette dal crepuscolo. Una scia di infermiere e una scia di scorpioni. Vanno e vengono. Alle sette di sera? Alle otto di sera? A vol⋯
Stanza inviolabile
20% Marcel ProustTesti
Destinata ad un uso più particolare e più volgare, quella stanza, dalla quale di giorno si giungeva con lo sguardo fino alla torre di Roussainville-le-Pin, per lungo tempo mi servì di rifugio, senza dubbio perché era la sola che mi fosse permesso chiudere⋯
Farsi storia delle utopie
20% Oscar WildeSchiele Art
Una carta del mondo che non contiene il Paese dell’Utopia non è degna nemmeno di uno sguardo, perché non contempla il solo Paese al quale l’Umanità approda di continuo. E quando vi getta l’ancora, la vedetta scorge un Paese migliore e l’Umanità di nuovo f⋯
Apache Medicine Song
20% Chief JosephSocietà
Se l’uomo bianco vuole la pace con gli indiani allora si avrà pace…Trattate tutti gli uomini allo stesso modo, dando a tutti la stessa legge, date loro una possibilità per vivere e crescere uguale per tutti. Tutti gli uomini sono stati fatti dal Grande ⋯