Quando quella bella giovane tirò fuori la pistola, Quintanilla, l’uomo che aveva torturato Ernesto Che Guevara, forse avrebbe voluto dire qualcosa, forse avrebbe voluto implorarla, chiedere scusa, pregare. Forse, ma non ne ebbe la possibilità.

Monika Ertl gli sparò tre colpi diretti al petto. Nemmeno il tempo di scappare, lasciandosi dietro una parrucca, la borsetta, la Colt Cobra 38 Special, che Quintanilla era già morto.

Era il primo aprile 1971 e questa ragazza, fingendosi una giovane reporter australiana, era penetrata nel consolato della Bolivia di Amburgo, dove aveva finalmente potuto onorare un giuramento pronunciato tre anni e mezzo prima. Aveva promesso che avrebbe vendicato il Che e dopo di lui Inti Peredo, il guerrigliero che ne aveva preso il posto, anch’egli torturato dall’odiato Quintanilla.
Inti di cui lei era innamorata, Inti che aveva seguito nelle giungla con il nome di battaglia di Imila.

Per questo era tornata in Germania, la sua patria natia. Terra da cui se n’era andata da bambina al seguito del padre, regista costretto ad emigrare in Bolivia dopo la Seconda Guerra Mondiale, a causa dei rapporti avuti con il regime nazista. In Sud America Monika, scossa dalle ingiustizie sociali e dai governi autoritari, aveva scelto la strada della lotta. Strada che perseguì fino all’ultimo giorno della sua vita.
Dopo aver ammazzato Roberto Quintanilla, che aveva oltraggiato il corpo del Che mozzandogli le mani, Monika decise di farla pagare ad un altro assassino: Klaus Altmann Barbie, l’ex capo della Gestapo di Lione. Tornata in Bolivia, dove l’ex gerarca si nascondeva, cadde però in un’imboscata dell’esercito. Sulla sua testa pendeva una taglia da 20.000 dollari.

Fu uccisa all’età di 36 anni.
I suoi resti non vennero mai restituiti alla famiglia.

Crediti
Irene La più giovane delle Ore, figlie di Zeus e di Temi; fu per i Greci e per i Romani dea e personificazione della Pace. Irene: nata dall'unione di Zeus e Temi, sorella di Dike ed Eunomia, l'una personificazione della giustizia, l'altra della disciplina. Irene... Leggi Lamponi
Cannibali e Re
Pinterest
Similari
Aveva voluto l’unicità
24% John WilliamsSchiele Art
Ponderatamente, con calma, realizzò che doveva sembrare un vero fallimento. Aveva voluto l’amicizia, e quell’intimità legata all’amicizia che potesse renderlo degno del genere umano. Aveva avuto due amici, e uno dei due era morto insensatamente prima che ⋯
La testa nel sacco
23% Alberto MoraviaSocietà
Quel giorno, mentre se ne andava passo passo lungo i marciapiedi affollati, lo colpì, guardando in terra alle centinaia di piedi scalpiccianti nella mota, la vanità del suo movimento: ‘Tutta questa gente’ pensò, ‘sa dove va e cosa vuole, ha uno scopo, e p⋯
Gli amputati sentono dolori all’arto che non hanno
21% Gabriel García MárquezSchiele Art
Qualsiasi cosa sua le provocava il pianto: il pigiama sotto il guanciale, le pantofole che le erano sempre sembrate da infermo, il ricordo della sua immagine che si spogliava in fondo allo specchio mentre lei si pettinava per coricarsi, l’odore della sua ⋯
Che taccia l’orchestra…
20% AnonimoRacconti
Raccontano le storie – che poi sono sempre storie – che il giorno 28 di ottobre del 1825 i borghesi della città di Potosí, Bolivia, si erano organizzati per fare una grande ceremonia a Simón Bolívar, per onorare le sue lotte, insieme ad altri padri della ⋯
Ammazzare la pietà
20% Alberto MoraviaSchiele Art
Ci disse pure il caso di una famiglia di sfollati che aveva passato quasi un anno in montagna, come noi, e poi discesa abbasso al momento dell’arrivo degli alleati e si era messa in una casetta sulla strada, a poca distanza dalla nostra: una bomba aveva p⋯