45 Alcuni che, a quanto sento dire, vennero considerati sapienti in Grecia, hanno sostenuto tesi a mio giudizio paradossali (ma non esiste argomento su cui non cavillino). Una parte afferma che dobbiamo rifuggire dalle amicizie eccessive, per evitare che uno solo si tormenti per molti; a ciascuno bastano e avanzano i propri problemi e farsi carico di quelli altrui è una bella noia. La cosa migliore, secondo loro, è allentare più che si può le briglie dell’amicizia, tirandole o lasciandole andare a proprio piacere; essenziale per vivere bene è la tranquillità, di cui l’animo non può godere se, per così dire, fosse uno solo a sopportare il travaglio per tutti.

46 Altri, invece, a quanto si diceDea della Giustizia, detta anche Astrea, figlia di Zeus e Temi, fu considerata il principio fondamentale per lo sviluppo di ogni società civile. Era una delle Ore, stanca degli errori degli uomini si trasferì in cielo diventando la costellazione della Vergine.... Leggi, sostengono una tesi ancora più disumana; l’ho brevemente accennata poco fa: le amicizie andrebbero ricercate in vista di protezione e appoggi, non per un sentimento di affetto e stima; insomma, quanto meno uno è deciso e forte, tanto più aspira all’amicizia; ecco perché sono le donnicciole a chiedere la protezione dell’amicizia più degli uomini, i poveri più dei ricchi e gli sventurati più di chi è considerato felice.

47 Ma che bella saggezza! È come se privasse l’universo del sole chi priva la vita dell’amicizia: e niente di più bello, niente di più gradito dell’amicizia abbiamo ricevuto dagli dèi immortali. Allora, che cos’è mai questa tranquillità, in apparenza seducente, ma in realtà da ripudiare per molti aspetti? No, non ha senso rifiutarsi di intraprendere una cosa o un’azione onesta, oppure abbandonarla dopo averla intrapresa, per evitare noie. Ma se fuggiamo le preoccupazioni, dobbiamo fuggire la virtù che, all’inevitabile prezzo di qualche apprensione, ci porta a disprezzare e odiare il suo contrario, come fa la bontà con la cattiveria, la temperanza con le passioni, il coraggio con l’ignavia. Ecco perché si vedono soprattutto i giusti soffrire per le ingiustizie, i coraggiosi per la viltà, i moderati per gli eccessi. E’ proprio di un animo ben educato, quindi, rallegrarsi per il bene e affliggersi per il male.

Crediti
Marco Tullio Cicerone
De amicitia 45-47 •
Pinterest
Similari
Emissione di segni
30% Gilles DeleuzeSocietà
L’amicizia, essere amicoFiglio di Poseidone, grande pugile e re dei Bebricioni. Col suo popolo abbandonò la Tracia per stabilirsi in Bitinia, dove allettando le genti con giochi e pubblici divertimenti, le attirava in una foresta dove le derubava ed uccideva. Amico fu ucciso da Polluce e... Leggi di qualcuno, per me è una questione di percezione. Non significa avere idee comuni. Non è a partire da idee comuni ma da un linguaggio o da un pre-linguaggio comune. Se è una questione di linguaggio, allora si tratta di decifrare ⋯
Dimenticare la connessione
29% Michel de MontaigneSocietà
Nella vera amicizia, quella che intendo io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi, le anime si mescolano, si intrecciano si confondono l’una con l’altra in un legame così stretto da far dimenticare la connessione che le ha unite. Se qualcuno volesse farmi dire perché volevo bene ad un amico se⋯
L’inizio dopo la fine
26% Antoine de Saint-ExuperySchiele Art
È una follia odiare tutte le rose perché una spina ti ha punto, abbandonare tutti i sogniSono i figli di Sonno, essi sono: Morfèo, Fobètore e Fantàso.... Leggi perché uno di loro non si è realizzato, rinunciare a tutti i tentativi perché uno è fallito. È una follia condannare tutte le amicizie perché una ti ha tradito, non ⋯
Per ogni fine c’è un nuovo inizio
25% Antoine de Saint-ExuperySchiele Art
È una follia odiare tutte le rose perché una spina ti ha punto, abbandonare tutti i sogni perché uno di loro non si è realizzato, rinunciare a tutti i tentativi perché uno è fallito. È una follia condannare tutte le amicizie perché una ti ha tradito, non ⋯
Il coraggio di scrivere
24% LibriPaul Léautaud
I bei libri tolgono il coraggio di scrivere, dicono. Che sciocchezza! Per me, almeno. Quando leggo un bel libro, il mio spirito si risveglia, le brutte fantasie scompaiono, scrivere mi appassiona più che mai. Quando leggo un libro insulso, prolisso, uno d⋯