⋯
Io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi non sono una storia che puoi raccontare,
non sono una canzone che puoi cantare,
non sono un suono che puoi udire,
non sono neppure questo che puoi vedere
né quello che puoi conoscere.
Io sono una sofferenza che anche tu puoi provare,
chiamami con un grido.
Gli alberi parlano con il bosco, l’erba con la terra,
le stelle con le galassie. E io parlo con te.
Dimmi il tuo nome, dammi le tue mani,
dimmi le tue parole, dammi il tuo cuore.
Io ho scoperto le tue radici.
Attraverso le tue labbra ho parlato al Tutto,
le tue mani sono sorelle delle mie.
In una luminosa solitudine ho gridato con te
per quelli che sono vivi.
In un oscuro cimitero ho cantato con te
la più bella canzone perché quelli morti quest’anno
erano le persone che amavano di più i vivi.
Dammi le tue mani. Le tue mani mi sono familiari.
Oh tu, che ho scoperto molto tardi.
Io parlo con te come le nuvole parlano con la tempesta,
come l’erba parla con la terra,
come la pioggia parla al mare,
come gli uccelli parlano alla primavera,
come gli alberi parlano al bosco.
Perché ho scoperto le tue radici,
perché la mia voce è sorella della tua.

Crediti
 • Ahmad Shamlu •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Resurrezione
31% FrammentiLev Nikolàevič Tolstòj
Per quanto gli uomini si sforzassero, radunandosi a centinaia di migliaia in un posto piccolo, deturpando quella terra sulla quale si eran stretti, per quanto soffocassero la terra di pietre perché niente, in lei, nascesse, per quanto estirpassero ogni er⋯
Pensavamo alla vita
27% Herman MelvillePercorsi
«Peleg! Peleg!» disse Bildad alzando occhi e mani, «tu stesso come io stesso hai visto molti pericoli; tu lo sai, Peleg, che vuol dire avere paura della morte; com’è che puoi sproloquiare in questo modo così empio. Tu smentisci il tuo stesso cuore, Peleg.⋯
Sei la terra che aspetta
26% Cesare PavesePoesieSchiele Art
Hai un sangue, un respiro. Sei fatta di carne di capelli di sguardi anche tu. Terra e piante, cielo di marzo, luce, vibrano e ti somigliano ‒ il tuo riso e il tuo passo come acque che sussultano ‒ la tua ruga fra gli occhi come nubi raccolte ‒ il tuo tene⋯
Dimmi qualcosa!
26% Louis AlthusserSchiele Art
Nessuno al mondo può rispondere alla domanda angosciante: dimmi qualcosa! Quando questa frase vuol dire né più nemmeno che dammi tutto, concedimi infine di esistere! dammi di che colmare quest’angoscia di non esistere veramente nel tuo sguardo e nella tua⋯
Cuore in manette
25% García LorcaPoesie
García Lorca recita la sua ultima poesia, poco prima della sua esecuzione durante la guerra civile spagnola nel mese di agosto 1936, da un plotone d’esecuzione fascista. Oh! Mariana dimmi Dimmi come posso amarti Se io non sono libero, dimmi Come ti offrir⋯