⋯
Le nubi si addensano sulla grigia distesa dall’acqua. Fra i flutti e le nubi, simile al baleno, aleggia il fiero Annunciatore della Tempesta. Vola e con un’ala sfiora le onde, mentre con l’altra squarcia le nubi. Grida, e le nubi ascoltano giubilanti le grida dell’Annunciatore della Tempesta, perché in quel grido vi è collera e passione, e v’è la fede nella vittoria.
Gemono intanto i gabbiani, si dibattono sul mare e stan pronti a nascondere il loro spavento nella profondità delle onde. Il mergo, che non conosce le aspre gioie della lotta e che il tuono appaura, geme e si lagna esso pure! E gli stupidi germani, vere oche del mare, acquattano dietro le rocce le loro carni adipose.
Solo l’Annunciatore della Tempesta si libra, ora, coraggioso e libero, sul mare in sussulto. Le nubi, sempre più fitte e più nere, covrono addirittura le acque. I flutti cantano e danzano e si elevano verso la folgore, che scoppia, finalmente! I flutti si convellono, stridono per la collera e lottano con la tempesta. E l’uragano avviluppa i flutti nelle sue spire; in uno slancio selvaggio, li scaglia sulle rocce, che covronsi per lungo tratto di polviscolo, di gocce di smeraldo, di acqua.
L’Annunciatore della Tempesta ruba, con l’ala, la schiuma ai flutti, e ride, e singhiozza: ride per la tempesta e ha singulti di gioia. Ha indovinato che la collera del tuono si stancherebbe, ha compreso che le tenebre non nasconderebbero più a lungo il Sole! Ma la tempesta aumenta, il fulmine scoppia. Sull’abisso dell’OceanoSecondo Esiodo era figlio di Urano e di Gea. Invece per Omero, Oceano è il principio di tutte le cose. Egli è un dio fluviale con la particolarità di circondare tutte le terre e di sorgere da sè stesso e ritornare in sè stesso.... Leggi strappi di nubi si accendono e guizzano con fiamma azzurrognola. L’Oceano ghermisce il baleno e lo estingue nei suoi gorghi profondi, mentre le sue lingue di fuoco strisciano sui flutti, come tanti serpenti, prima di sparire. «La Tempesta! La Tempesta!» grida il suo Annunciatore, dominando l’Oceano in furore e, Annunciatore della Vittoria, grida ancora: «Più forte, più intensa prorompa la Tempesta!».

Crediti
Massimo Gorki
L'Annunciatore della Tempesta
Egon Schiele
Similari
Banchi e non banchi…
27% PoesieTommaso Landolfi
Banchi, e non banchi sì flutti, e non flutti: groppe -di nubi su una serra. E tu? Dov’eri? Non vedevo altro che sasso livido, butterato d’atri muschi. Ma il nembo s’addensò e scoccò folgore stellata: e fosti. Fosti, ma quale? non ti conoscevo membra, né l⋯
Oh! Sibila Circe urlante
26% AnonimoSchiele Art
Dove ebbe inizio qualcosa di grande, l’unico mondo gli divenne simile: Dio era privo di tutto. Io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi corsi là, lo sentii, lo fiutai. Così Tu sei -, orecchio, vento, bocca, così è per Te ciò che è forma. Oh! Sibila Circe CirceFamosa maga che abitava l'isola Eèa, la sua storia è largamente narrata nell'Odissea. Ulisse scampato alla tempesta approdò nell'isola della maga. Quando i suoi uomini andarono ad ispezionare l'isola incontrarono la maga che diede loro del cibo stregato che li tramutò in porci. Solo... Leggi urlante, spalanca le tue gambe. La tem⋯
Il Tifone
24% Joseph ConradLibri
«Di tempeste ne aveva incontrate, naturalmente. Era stato bagnato fino all’osso, sbattuto, travagliato… Ma non aveva mai intravisto la forza incommensurabile e la collera smodata, la collera che passa e si esaurisce senza mai placarsi – la collera e la ⋯
Sono colui che fabbrica sogni
22% Pablo NerudaPoesie
Sono colui che fabbrica sogniSono i figli di Sonno, essi sono: Morfèo, Fobètore e Fantàso.... Leggi e nella mia casa di penna e di pietra con un coltello e un orologio taglio le nubi e le onde, con tutti questi elementi ordino la mia calligrafia faccio crescer esseri senza rotta che ancora non potevano nascere.
Note Azzurre
20% AforismiCarlo DossiSchiele Art
Il mio animo che sfiderebbe l’oceano in tempesta muore ora in un bicchiere di dormigliosa acqua. • Carlo Dossi • • Note Azzurre • • Egon Schiele •