⋯
Borges ci illustra l’arbitrarietà di tutti quei tentativi di classifica che l’uomo si diverte a confabulare grazie GrazieLe Grazie (in latino Gratiae) erano figure della mitologia romana che corrispondevano alle Cariti greche legate al culto della natura e della vegetazione; queste fanciulle sanno infondere la gioia della Natura nel cuore degli dèi e dei mortali. Rappresentate come tre giovani nude, le... Leggi alla sua alienazione o al distacco dalla natura. Poi ci sono i creazionisti che avversano agli evoluzionisti nel tentativo prevaricatore per canonizzare le loro metafore. Alla fine i tassonomisti come Wilkins e poi Linneo cercarono di dare una parvenza più razionale, ma che comunque sempre arbitraria è, come lo sono tutte le convinzioni.
La seguente è la classificazione delle specie animali, definito come l’Emporio celeste di conoscimenti benevoli.
Quindi le specie animali si dividono in:

  1. appartenenti all’Imperatore,
  2. imbalsamati,
  3. addomesticati,
  4. maialini da latte,
  5. sirene Figlie del dio fluviale Acheloo e della Musa Calliope. Erano le messaggere di Persefone. Il loro compito era quello di fare entrare le anime dei defunti nell'Ade addolcendogli il passo col loro canto. Erano figurate come uccelli con la testa e il torso di... Leggi,
  6. favolosi,
  7. cani in liberta’,
  8. inclusi nella presente classificazione,
  9. che si agitano follemente,
  10. innumerevoli,
  11. disegnati con un pennello finissimo di peli di cammello,
  12. et caetera,
  13. che fanno l’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi,
  14. che da lontano sembrano mosche.

Crediti
 • Jorge Luis Borges •
 • Emporio celeste di conoscimenti benevoli •
 • Pinterest •   •  •

Crediti

Similari
Una certa enciclopedia
102% Michel FoucaultPsicologia
Questo libro nasce da un testo di Borges; dal riso che la sua lettura provoca, scombussolando tutte le familiarità del pensiero – del nostro, cioè: di quello che ha la nostra età e la nostra geografia – sconvolgendo tutte le superfici ordinate e tutti i p⋯
Le parole e le cose
55% LibriMichel Foucault
Le parole e le cose è una delle grandi opere del Novecento in cui viene presentata un’“accurata inchiesta” archeologica del sapere. Dalla somiglianza tra parole e cose del Rinascimento alla disarticolazione operata dalle scienze umane nel Novecento: un pe⋯
Ingannare il silenzio
20% Natalia GinzburgSchiele Art
E ci sono poi tutte le cose che si fanno per non dover parlare: alcuni passano le serate addormentati in una sala di proiezioni, con al fianco la donna alla quale, cosi, non sono tenuti a dover parlare; alcuni imparano a giocare a bridge; alcuni fanno l’a⋯
I cani romantici
19% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
A quel tempo avevo venti anni ed ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi pazzo. Avevo perduto un paese ma mi ero costruito un sogno. E possedendo quel sogno tutto il resto non aveva importanza. Né lavorare né pregare né studiare fino a notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi fonda insieme ai cani romantici. Quel sogno dimor⋯
Mosche al sangue
18% Alexandre DumasFrammenti
Mio caro d’Artagnan, – aggiunse con una lieve inflessione di amarezza nella voce, – credetemi, nascondete con cura le vostre ferite quando ne avrete. Il silenzio è l’ultima gioia degli infelici; guardatevi dal mettere chicchesia sulle tracce dei vostri do⋯