⋯
Essi hanno polizie, magistrature, eserciti creati appositamente per difendere i loro privilegi e perseguitano, incarcerano, massacrano coloro che vogliono abolire quei privilegi e reclamano mezzi di vita e la libertà per tutti. Sarebbe follia sperare ch’essi rinunzino volontariamente al potere e si adattino ad essere gli eguagli di coloro che oggi tengono sottoposti… A chi è oppresso e vilipeso, noi diremo come si può vivere felicemente in una società di liberi e di uguali…

Crediti
 • Errico Malatesta •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
419% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Il potere e l’onore
303% ArticoliGiuseppe TortoraPolitica
Quando penso a certi personaggi che hanno popolato le nostre aule parlamentari, non riesco a fare a meno di pensare ad una famosa scena del film «Totò a colori». In treno, in uno scompartimento del vagon-lit, il sospettoso Antonio Scannagatti, musicista i⋯
La violenza nella storia
199% FilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
198% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Il grottesco nella meccanica del potere
150% Michel FoucaultSocietà
Chiamerò grottesco un discorso o un individuo che detengono per statuto degli effetti di potere di cui, per la loro qualità intrinseca, dovrebbero essere privati.. Il grottesco o, se preferite, l’ubuescoL’aggettivo ubuesco è stato introdotto nel 1922, a p⋯