Egon Schiele ⋯
Nemmeno gli ignoranti amano la sapienza, né desiderano diventare sapienti. Proprio in questo, difatti, l’ignoranza è insopportabile, nel credere da parte di chi non è né bello né eccellente, e neppure saggio, di essere adeguatamente dotato. Chi non ritiene di essere privo, dunque, non desidera ciò di cui non crede di aver bisogno.

Crediti
Platone
Simposio
Egon Schiele
Similari
Eros
21% FilosofiaPlatone
Poiché Eros Nelle più antiche teogonie è la forza generatrice uscita da Caos, contemporaneamente a Gea. Dio dell'Amore, personificazione di questo sentimento. Ignoto a Omero, è citato da Esiodo nella “Teogonia” …E nacque dunque il Càos primissimo; e dopo, la Terra dall'ampio seno, sede perenne, sicura... Leggi è figlio di PorosIn un noto passo di Platone, Symp. 203 B, è figlio di Metis, e con Povertà (Penía) genera Eros, mentre è addormentato, ubriaco di nettare. Non c'è traccia di questa genealogia prima di Platone, né nel culto, né nei racconti. Non si tratta propriamente... Leggi e di Penìa, si trova nella tale condizione: innanzitutto è sempre povero, e tutt’altro che bello e delicato come dicono i più; al contrario è rude, sempre a piedi nudi, vagabondo, perché ha la natura della madre ed è legato a⋯
Il mito degli Androgini
21% AristofaneMitologia
È il mito delle due metà raccontato da Aristofane, che era uno dei commensali nella cenetta (simposio) che Platone organizzava tra i suoi amici. Si lavavano le mani, si mangiava, si beveva del nettare (sciroppo di vino – una volta era molto denso e dolce)⋯
Piacere e dolore
20% FilosofiaPlatone
Che cosa strana sembra essere questa che dagli uomini viene chiamata piacere; e come sorprendentemente essa, per sua natura, si trova con quello che sembra il suo contrario: il dolore. Ed essi, tutti e due insieme, non vogliono coesistere nell’uomo, ma se⋯
Tutto è già noto
20% Lucio Anneo SenecaSchiele Art
Ognuno brucia la sua vita e soffre per il desiderio del futuro, per il disgusto del presente. Ma chi sfrutta per sé ogni ora, chi gestisce tutti i giorni come una vita, non desidera il domani né lo teme. Non c’è ora che possa apportare una nuova specie di⋯
L’anima nobile resta per sempre
20% FilosofiaPlatone
Ed è ignobile quell’amante volgare che si innamora piuttosto del corpo che dell’anima; e del resto non può essere nemmeno costante, giacché è innamorato di qualcosa che costante non è. Non appena appassisce il fiore del corpo, di cui era innamorato, s’invo⋯