⋯
Gli anarchici rifiutano l’organizzazione del matrimonio. Essi affermano che due persone che si amano non hanno bisogno di autorizzazioni da parte di terzi per dormire insieme e dal momento in cui la loro volontà gli conduce al letto, la società non ha nulla a che fare con loro, non avendo il diritto di intervenire.

L'unione non è indissolubile

Gli anarchici dicono ancora di più. Per il fatto che si sono consacrati l’uno all’altro, l’unione dell’uomo e della donna non è indissolubile: loro non sono destinati a finire i suoi giorni vivendo insieme, se diventano ostili l’uno all’altro. Ciò che ha unito il libero arbitrio, il libero arbitrio può annullare.
Sotto il dominio della passione, sotto la spinta del desiderio, due persone non vedono che buone qualità, hanno chiuso gli occhi ai difetti, si uniscono. Invece la vita in comune intorbidisce le qualità, fa risaltare i difetti, mostra angoli impossibili d’arrotondare. È necessario che questi due esseri, perché illusi in un momento di eccitazione, paghino con una vita di sofferenza l’errore di un momento che li ha fatti giudicare come una passione profonda ed eterna, ciò che era stato solo il risultato di eccesso di stimolazione nervosa?
Così, quindi, abbiamo bisogno di tornare a nozioni più sane. Non è stato sempre l’amore dell’uomo e della donna più potente di tutte le leggi, di tutto il bigottismo, di tutti i rimproveri con cui si è cercato di attaccare il compimento di sesso? Forse, nonostante la disapprovazione che è stata gettata sopra la donna che ha tradito il marito – non parliamo di un uomo che è sempre stato riconosciuto ad avere un margine di manovra nei suoi costumi – nonostante il ruolo di parità riservato per le nostre società pudiche alle madri-singole, è stato impedito una sola volta alle mogli di fare le corna ai loro mariti, e alle figlie di concedersi a chi li pare o di approfittare il momento in cui i sensi parlano più forte della riflessione?
La storia, la letteratura, no parlano che di uomini e donne cornificate, figlie sedotte. Per alcuni spiriti appassionati, deboli e timorati che si suicidano insieme l’amato per non aver osato rompere con le preoccupazioni, per mancanza di forza morale di combattere contro gli ostacoli che gli opprimono, contro i costumi e l’idiozia dei parenti imbecilli, sono innumerevoli quelli che si burlano di tali superstizioni … in segreto. Questo ha servito solo per diventare confusionari e ipocriti, niente di più. Perché insistere in regolamentare ciò che ha eluso secoli di oppressione? Pertanto riconosciamo una volta per tutte che i sentimenti umani non sono soggetti ad alcuna regolamentazione e che richiede la più ampia libertà in modo da potersi espandere normale e completamente. Siate meno puritani, e saremo più aperti, più morali.
L’uomo volendo trasmettere ai loro discendenti i frutti del suo saccheggio e avendo giudicato la donna come inferiore, e ancora più come proprietà che come un partner, è chiaro che l’uomo ha influenzato la sua famiglia al fine di garantire la supremazia sulla donna; e per potere trasmettere, alla sua morte, i loro beni ai loro discendenti, così, è stato necessario stabilire la famiglia indissolubile. Basato sugli interessi e non sull’amore, è chiaro che c’è bisogno di una forza e di una penalità per evitare il disintegrarsi sotto le scosse causate dall’antagonismo di interessi. Poi, gli anarchici, accusati di aver tentato la distruzione della famiglia, vogliono giustamente distruggere proprio questo antagonismo, basando (alla famiglia) all’amore per renderlo più duraturo. Loro non hanno mai eretto, in linea di principio, che gli uomini e le donne che vogliono finire i loro giorni insieme non possono farlo con il pretesto che avrebbero avuto con l’amore libero. Non hanno mai detto che il padre e la madre non possono educare i propri figli, perché chiedono di rispettare la volontà di questi ultimi, e non considerali come una cosa, come proprietà dei loro antenati. In verità, vogliono abolire la famiglia giuridica, vogliono che gli uomini e le donne siano liberi di indulgersi o rifiutarsi a loro piacimento. Essi confutano ogni legge stupida e uniforme che regolamenti il trasporto di sentimenti così complesso e variegato come quelli che precedono l’amore.
Se i sentimenti degli esseri umani sono inclini a incostanza, se il loro amore non può essere fissato sullo stesso oggetto, cosa pretendono coloro che vogliono regolamentare il sesso. Che ce ne importa! Cosa possiamo fare? Dal momento che, allo stato attuale, l’oppressione non può impedire nulla, ma solo ci ha dato nuovi vizi, lasciamo libera la natura umana, lasciamola evolvere verso le sue tendenze principali, le loro aspirazioni. La natura è abbastanza intelligente nel riconoscere ciò che è utile o dannoso, nel riconoscere, con la loro esperienza, in che modo questo dovrebbe evolvere.
Quando l’uomo e la donna si amano veramente, quell’amore sarà risultato da indurre reciprocamente, per cercare di meritarsi le carezze dell’essere che hanno scelto. Supponendo che il partner o la partner che ami può volare dal nido il giorno in cui non troverete più soddisfazione, ogni individuo farà tutto il possibile per attrarsi a sé completamente. Come quella specie di uccelli che nella stagione degli amori, dove il maschio si fa un nuovo e brillante piumaggio per attirare la femmina le cui simpatie desidera catturare, gli esseri umani coltiveranno qualità morali che dovrebbero rendere piacevole il loro amore e compagnia. Sulla base di questi sentimenti, i legami diventeranno indissolubili molto più di quanto potrebbero fare le leggi più feroci e l’oppressione più violenta.
Non abbiamo fatto una critica del matrimonio attuale, che equivale alla più vergognosa prostituzione. I matrimoni di convenienza, di ruolo nelle famiglie borghesi concordati dai genitori senza consultare a chi effettivamente si unisce; matrimoni sproporzionati, dove si vedono anziani paralizzati, che grazie al loro denaro, che uniscono la loro vecchia paura, minacciando di rovinare la fresca bellezza della gioventù; vecchie signore, a forza di denaro, che comperano i giovani ambiziosi, pagando con la pelle e con un poco di vergogna la sete di arricchimento. Questa recensione è stata fatta e rifatta. A noi è sufficiente per dimostrare che l’unione sociale non è sempre coperto dalle medesime formalità, che solo staccandosi di tutti i pregiudizi possono tendere a conquistare il loro maggior grado di dignità.
È buono, quindi trovare qualcosa d’altro!


Crediti
 • Anonimo •
 • La Questione Sociale •
  • Buenos Aires, tra il 1895-1898 •
 •  •  •  •  •
Similari
La scrittura delle donne
1071% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Il caso Nietzsche
824% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
649% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
369% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Il Codice di Hammurabi
326% AnonimoStorie
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯