Egon Schiele ⋯ Colui che vede se stesso II

Io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi sto dipingendo quel me stesso su cui poso lo sguardo, io sono contemporaneamente colui che guarda e colui che è visto.


Crediti
 • Egon Schiele •
 • SchieleArt •  Colui che vede se stesso II • 1911 •

Similari
L’uomo curvo
44% Jean-Paul SartreSchiele Art
L’atteggiamento costituzionale di Baudelaire è quello d’un uomo curvo. Curvo su se stesso, come Narciso Figlio della ninfa Lirìope e del dio fluviale Cefìso. Ragazzo dalla bellezza indescrivibile. Di lui si innamorò la ninfa Eco, lui non volle corrisponderla e la povera ninfa si ridusse a un'ombra e non rimase altro che la voce. Nemesi la dea che puniva... Leggi. Non v’è in lui coscienza immediata che uno sguardo acuto non la trapassi. A noialtri basta vedere l’albero o la casa; tutti assorti nel contemplarli, ⋯
Ho visto l’Aleph
43% AnonimoPoesieTesti
Mi sono svegliato Perso in quel posto dove non si può arrivare E ho osservato Quello che è e non c’è. Mi sono svegliato Perso. Senza sapere cosa fare e dove andare. Senza pioggia né sole né aria né terra. Mi sono svegliato E ho pronunciato quel verso che ⋯
La medesima intuizione
35% Fernando PessoaSchiele Art
Signora, tutte le religioni sono vere, per quanto possano sembrare tra di loro opposte. Sono simboli differenti della stessa realtà, sono come la stessa frase detta in varie lingue; tanto che non si intendono gli uni con gli altri anche dicendo la stessa ⋯
Si dipinge dipingendo dèi
34% FrammentiGiovanni Romano Bacchin
Antropomorfico – avente cioè forma e sembianza umana – è dunque oltre le parole anche quel “conoscere” (o quell’aspetto del conoscere) in cui l’uomo esprime se stesso, o si proietta, o, per dire con l’antichissimo Senofane, vi si dipinge dipingendo dei ch⋯
Che cos’è il contemporaneo?
33% FilosofiaGiorgio Agamben
Appartiene veramente al suo tempo, è veramente contemporaneo colui che non coincide perfettamente con esso né si adegua alle sue pretese ed è perciò, in questo senso, inattuale; ma, proprio per questo, proprio attraverso questo scarto e questo anacronismo⋯