Egon Schiele ⋯
Per malattia dell’uomo normale bisogna intendere il disturbo che nasce dalla lunga permanenza dello stato normale, dall’unità incorruttibile del normale; bisogna intendere la malattia che nasce dalla privazione di malattie, da un’esistenza quasi incompatibile con la malattia.

Crediti
Georges Canguilhem
Il normale e il patologico
Egon Schiele
Similari
La mia normale condizione
30% Fëdor DostoevskijSchiele Art
Quanto più avevo coscienza del bene e di tutte quelle tali cose belle e sublimi, tanto più affondavo nel mio fango e tanto più ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi disposto a metterci radici. Ma il punto principale era, che tutto ciò non pareva capitarmi per caso, ma anzi come se così do⋯
La coscienza come malattia
29% Fëdor DostoevskijSchiele Art
Vi giuro, signori, che aver coscienza di troppe cose è una malattia, una vera e propria malattia. Eppure sono convinto che non soltanto una coscienza eccessiva, ma la coscienza stessa sia una malattia. • Fëdor Dostoevskij • • Memorie dal sottosuolo • • Eg⋯
Apparenza di un fondamento
28% LinguaggioMichel Foucault
La coscienza moderna tende a riferire il potere di delimitare l’irregolare, il deviante, l’irragionevole, l’illecito e anche il criminale, alla distinzione del normale e del patologico. A tutto ciò che essa sente estraneo conferisce in questo modo lo stat⋯
Sentenze prima che emozioni
26% Roberto CalassoSchiele Art
Una delle malattie più gravi di cui soffriamo è quella del Pieno: la malattia di chi vive in un continuo mentale occupato da un vorticare di parole smozzicate, di immagini stolidamente ricorrenti, di inutili e infondate certezze, di timori formulati in se⋯
Il pensiero dell’unità
21% Hermann HesseSchiele Art
Lentamente fioriva, lentamente maturava in Siddharta il riconoscimento, la consapevolezza di ciò che realmente sia saggezza, qual fosse la meta del suo lungo cercare. Non era nient’altro che una disposizione dell’anima, una capacità, un’arte segreta di pe⋯