⋯ Arseniy Semyonov ⋯

Mettersi a tacere senza spavento né costrizione,
trovarsi nell’atto di smentirsi e capitolare,
così, restando in perfetto silenzio, ringraziare l’altro d’esistere; l’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi non è affaccendata cortesia
se pure non disdegni il delicato incedere dell’ora quieta, ma incessante pellegrinaggio allo Spirito,
itinerario vispo e sofferto che non precipita umori
solo perché non conosce il giro del sole.

Crediti
 • Piera Lombardi •
 • Pinterest • Arseniy Semyonov  •  •

Similari
Estraneo a tutto, respinto da tutto
20% EstrattiFëdor Dostoevskij
Soffriva, perché si sentiva estraneo a tutto questo. Che cos’era dunque quella festa, quell’eterna grande festa, verso la quale si era sentito attirato fin da bambino e dalla quale era sempre stato escluso? Ogni mattina sorgeva il sole radioso, ogni matti⋯
Puro gioco di parole
18% LinguaggioNovalis
Nel parlare e nello scrivere avviene qualcosa di folle: la vera conversazione è un puro gioco di parole. C’è solo da stupirsi se, per un risibile errore, la gente crede di parlare per le cose. Proprio ciò che il linguaggio ha di peculiare, il curarsi solt⋯
Il flâneur moscovita
18% PoesieSergej Esenin
Non sono un malfattore e non ho rapinato nel bosco, Non ho fucilato degli infelici nelle prigioni. Sono solo un perdigiorno di strada, Che sorride alle facce che incontra. Sono uno sfaccendato insolente moscovita. In tutto il rione Tverskoj Ogni cane nell⋯
Per voi, uomini bianchi, noi eravamo selvaggi
16% PercorsiTatanga Mani
Voi non avete capito le nostre preghiere. Non avete mai cercato per una volta di capirle. Quando noi cantavamo le nostre canzoni di lode al sole, alla luna o al vento, pregavamo idoli ai vostri occhi. Senza capirci, e solo perché il nostro modo di preghie⋯
La brama di potenza del fanatico
16% Emil CioranPercorsi
Il fanatico è incorruttibile: se per un’idea è capace di uccidere, allo stesso modo può farsi uccidere per essa; in entrambi i casi, sia egli tiranno o martire, è un mostro. Non esistono esseri più pericolosi di quelli che hanno sofferto per una convinzio⋯