Egon Schiele ⋯

Ogni giorno mi stupisco: io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi non mi conosco.


Crediti
 • Friedrich Nietzsche •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Se non si ama tutto non si ama nulla
78% Jean-Paul SartrePoesie
Io ho curato le tue ferite. Ti ho lavato, conosco il tuo odore, so quando hai la febbre. Forse che per questo non ti amo? Ogni giorno rassomigli di più al cadavere che un giorno diventerai eppure ti amo sempre. Quando morirai ti giacerò accanto e con te r⋯
L’instabilità dei caratteri
67% Jane AustenSchiele Art
Sono poche le persone a cui io voglio veramente bene e ancor meno sono quelle di cui io nutro una buona opinione. Più conosco il mondo e meno ne sono entusiasta: ogni giorno che passa mi conferma nel mio giudizio sull’instabilità dei caratteri e sullo sca⋯
Io conosco l’arte e l’amore
60% CinemaSchiele ArtToulouse Lautrec
…forse per te non sarò che uno gnomo ubriaco, eroso dal vizio che ha per amici tenutari e ragazze di bordello, ma io conosco l’arte e l’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi perché è proiettata verso di essa ogni singola fibra del mio essere…
I colpi della vecchiaia
50% Conte di LautréamontLibri
Gettate un po’ di cenere sulla mia orbita infuocata. Non fissate il mio occhio che non si chiude mai. Capite le sofferenze che patisco? Appena la notte esorta gli umani al riposo, un uomo che conosco cammina a grandi passi nella campagna. Temo che la mia ⋯
Chi mi ci ha messo?
48% Blaise PascalSchiele Art
Quando considero la breve durata della mia vita, immersa nell’eternità che la precede e la segue, il piccolo spazio che occupo e persino che vedo, inabissato nell’immensità infinita degli spazi che ignoro e che mi ignorano, mi sgomento e mi stupisco di ve⋯