⋯
Volere equivale a volere uno scopo. Uno scopo implica un apprezzamento di valore. Donde provengono gli apprezzamenti di valore? C’è alla loro base una norma fissa del piacere e dispiacere? Ma in casi innumerevoli siamo noi stessi a rendere spiacevole una cosa, immettendoci le nostre valutazioni. Portata delle valutazioni morali: giocano un ruolo quasi in ogni impressione dei sensi. In tal modo ci risulta colorato. Abbiamo posto nelle cose gli scopi e i valori: perciò abbiamo in noi un’enorme quantità di energia latente: ma se operiamo un confronto tra i valori, vediamo che sono state giudicate preziose cose opposte, che sono esistite, molte tavole di valori (quindi nulla è prezioso in sé). Dall’analisi delle singole tavole di valori è risultato che le si sono costruite esibendo le condizioni d’esistenza di gruppi limitati (condizioni spesso erronee) con lo scopo di conservare tali gruppi. Dall’esame dell’uomo attuale è risultato che noi applichiamo valutazioni molto diverse, e che in esse non c’è più alcuna forza creativa – la base, la condizione dell’esistenza : ecco ciò che manca oggi al giudizio morale. È assai più superfluo di una volta, è da molto che non causa grandi dolori. Diventa arbitrario. Caos. Chi crea lo scopo che rimane, oltre l’umanità e anche oltre l’individuo? Una volta con la morale si voleva conservare: ma oggi nessuno vuole più conservare, non c’è nulla da conservare. Di qui una morale sperimentale e tentatrice: darsi uno scopo.

Crediti
 • Friedrich Nietzsche •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
1101% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
404% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
303% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Sapere di non essere
303% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Basi neurologiche della coscienza
261% ArticoliEduard PunsetJohn BarghNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯