⋯ Nathalie Picoulet ⋯

I problemi autentici non sono mai riferiti a fattori esterni, come la ricchezza, il prestigio, la bellezza, ma hanno sempre a che fare con la nostra anima. Si può pranzare nel più lussuoso ristorante del mondo o si può semplicemente mangiare un panino, ma in uno stato d’animo per cui è del tutto indifferente se si tratta dell’una o dell’altra soluzione, perché quello che conta è la soggettività che da valore all’esperienza.

Crediti
 • Aldo Carotenuto •
 • Pinterest • Nathalie Picoulet  •  •

Similari
Il caso Nietzsche
780% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
390% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
‘Bisogna ben mangiare’ o il calcolo del soggetto
310% ArticoliJacques Derrida
Non si tratterebbe di richiamare solamente la struttura fallogocentrica del concetto di soggetto, almeno nel suo schema dominante. Vorrei un giorno dimostrare che questo schema implica la virilità. Carnivora. Parlerei di un carno-fallogocentrismo se non f⋯
Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
287% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
272% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯