Salto che non facciamo

⋯ Nereo Quagliato ⋯ La vita, come un commento di un’altra cosa che non raggiungiamo, e sta lì, alla portata del salto che non facciamo. Ogni volta andrò sentendo meno e ricordando di più. ⋯

Le nostre paure

Egon Schiele ⋯
Le nostre paure sono molto più
numerose dei pericoli concreti
che corriamo. Soffriamo molto di
più per la nostra immaginazione
che per la realtà. ⋯

Il saggio Sileno

Il re Mida
L’antica leggenda narra che il re Mida inseguì a lungo nella foresta il saggio Sileno, seguace di Dioniso, senza prenderlo. Quando quello gli cadde infine fra le mani, il re domandò quale fosse la cosa migliore e più desiderabile per l’uomo. Rigido e immobile, ⋯

Di questi terrò la metà

Egon Schiele ⋯ Office in the prisone of war camp in Muhling
I giocatori erano sempre lì seduti, formando lo stesso gruppo di prima, quasi non fosse passato neanche un minuto da quando Willi li aveva lasciati. Sotto un paralume verde brillava fioca la luce elettrica. Sulla bocca del console, che per primo aveva notato il ⋯

Osserva la strada da vicino

Egon Schiele ⋯
La decisione di proseguire su quella strada o di abbandonarla deve essere presa indipendentemente dalla paura o dall’ambizione. Ti avverto: osserva la strada da vicino e senza fretta, provala tutte le volte che lo ritieni necessario e poi rivolgi a te stesso, e a ⋯

Tutto il bello davanti

Egon Schiele ⋯ Doppio autoritratto L’amore è come quegli alberghi ammobiliati dove tutto il lusso si trova nell’ingresso. ⋯

Spunzonature nei fianchi

Francisco Goya ⋯ Caprichos
Ci sono certe bizzarre circostanze in questa strana e caotica faccenda che chiamiamo vita, che un uomo prende l’intero universo per un’enorme burla in atto, sebbene non riesca a vederne troppo chiaramente l’arguzia, e sospetti anzichenò che la burla non sia alle spalle di ⋯

L’armonia dei mondi

Egon Schiele ⋯
Non dissi: “O donna, chi sei tu?”
Non chiesi: “D’onde venuta,
di quali iddii messaggera?”
Ma la conobbi subitamente,
muta ed eloquente.
Per sentieri profondi tratta me l’avea
Sola dall’armonia dei mondi
il Desiderio. ⋯

Io ti voglio, sono io

⋯ Oskar Kokoschka ⋯
Per vivere non voglio
isole, palazzi, torri.
Che grandissima allegria:
vivere nei pronomi!
Ora togliti i vestiti,
i connotati, i ritratti;
io non ti voglio così,
travestita da altra,
figlia sempre di qualcosa.
Ti voglio pura, libera,
irriducibile: tu.
So che quando ti chiamerò ⋯

L’estasi della fantasia!

Egon Schiele ⋯ Spitalskirche Molding
Fantasia, il fremito, l’estasi della fantasia! Erwin li conosceva bene. In tram occupava sempre un sedile sul lato destro per essere più vicino al marciapiede. Due volte al giorno, sul tram che prendeva per recarsi in ufficio e ritorno, Edwin guardava fuori del finestrino ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi