L'amico di Julián

 ⋯ Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggio senza soluzione di ritornità – ma non era una soluzione suicida. Io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi piccolo quando Julián era partito e non come adesso che io sono più grande di lui; ha cambiato solo un poco, ma gli anni non significavano niente per lui anche perché aveva una nozione confusa del tempo, anzi non l’aveva proprio, non riusciva a capire o a ricucire il passato con il presente; si trovava lì, giocando a dadi con me, e non riusciva a spiegarsi come era arrivato, solamente per il fatto di non ricordarsi se era arrivato a piede o con l’autobus, era buffo, ma forse non era questo il motivo della sua incertezza. Non riusciva a ricordarsi nemmeno il motivo della sua partenza e questo lo costringeva a porsi delle domande che subito me le riferiva: mi sembravano dei dejà vu appartenenti a degli spettri che stanno a pelo d’acqua negli stagni sorgivi. Forse capivo male, anche se parlavamo la stessa lingua, o magari non riuscivo a interpretare bene il suo mondo – che lui mi ribadiva che era anche il mio di mondo, cioè il nostro mondo di tutti e di nessuno. Lui era andato oltre, mi diceva; aveva visto i fotoni danzare nelle minuscole onde, una volta sopra e altre sotto, che facevano finta di sdoppiarsi – ma era solo un riflesso per confondere a chi non si fa i fatti propri – e riusciva a prendere più velocità dai salti gravitazionali degli elettroni. Non era chiaro quello che mi diceva, anche perché era convinto che io ero a conoscenza di tutto quello che mi raccontava, quando io mi limitavo solo ad annuire con la mandibola morta. Era andato tanto in là, mi diceva, che aveva toccato il fondo; era riuscito ad arrivare dove l’universo finisce e andando oltre non vedeva più a nessuno di fronte ma di dietro; quando si trovava davanti ad uno specchio si vedeva di spalle e quello che non gli piaceva era quando si spazzolava i denti e nello specchio si vedeva solo il suo sedere, con lo spazzolino che affondava con forza nella cavità anale. Era per questo che ha deciso di fare il rewind e tornare tra noi. Quello che Julián non sa ancora che anche qui – al di qua dell’universo – abbiamo la stessa faccia, ma questo non glielo dico e zitti – mi raccomando – altrimenti riparte e forse, questa volta, non ritorna più.
Similari
Il periodo delle domande
36% CinemaWim Wenders
Quando il bambino era bambino, se ne andava a braccia appese. voleva che il ruscello fosse un fiume, il fiume un torrente, e questa pozza il mare. Quando il bambino era bambino, non sapeva d’essere un bambino. per lui tutto aveva un’anima, e tutte le anim⋯
Eterno rapporto di fiducia con la natura
27% Schiele ArtThomas Bernhard
… le situazioni e condizioni e circostanze erano ancora le stesse di duecento, quattrocento anni prima, la natura era ancora la stessa e quindi le persone in questa natura, con la sua perfidia e la sua spaventosa fertilità, erano le stesse, che razza di g⋯
La vita vuole inganno, essa vive di quello
26% FilosofiaFriedrich Nietzsche
Ma ciò che mi è sempre stato estremamente necessario, per curarmi e ristabilirmi, era credere di non essere solo a tal punto, di non vedere da solo – un incantevole sospetto di affinità e di uguaglianza nel vedere e nel desiderare, un acquietarmi nella fi⋯
Sporca commedia
26% Louis-Ferdinand CélineSocietà
Ma quando sei debole quello che ti dà forza è lo spogliare gli uomini che temi Figlia di Urano e di Gea, fu la seconda moglie di Zeus (Esiodo, Teogonia v. 901 e sgg.) col quale ebbe le Ore e le Moire. Fra Temi ed Era, seconda moglie di Zeus, stranamente esistevano rapporti molto cordiali. Temi non è la dea... Leggi di più di tutto il prestigio che sei ancora portato ad attribuirgli. Bisogna imparare a considerarli per quel che sono, peggio di quel che sono voglio dire, da tutti i punti di⋯
I morti se ne sono andati
26% Philip RothSchiele Art
Puoi fare promesse, raccontare le ultime novità, chiedere la loro comprensione, il loro perdono, il loro amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi; o puoi scegliere l’altro approccio, quello attivo, puoi strappare le erbacce, distribuire meglio la ghiaia, toccare con le dita le lettere inci⋯

Indice